CASA » VIAGGI » DIARI DI VIAGGIO / ITINERARI D’ARTE IN GIAPPONE – Da Tokyo a Shimane

DIARI DI VIAGGIO / ITINERARI D’ARTE IN GIAPPONE – Da Tokyo a Shimane

La storia della cultura di una nazione, matura anche con le espressioni del proprio linguaggio creativo. Ricco di templi e piante, feste ed buon cibo, esiste un luogo altamente tecnologico, una meta da vedere almeno una volta nella vita, dove tradizione e progresso convivono accanto a geishe e lolite. Scoprirai che il Giappone https://www.turismo-giappone.it/ è riuscito a creare un meraviglioso equilibrio tra vecchio e nuovo.

Percorrerai quasi 1200 km (in poco più di 16 ore d’auto) per conoscere quella terra così speciale, partendo da Tokyo, dove alcune delle grandi dipinti raffigurano forme umane primitive. Potrai ammirare la creatività di IZUMI KATO – l’uomo che continua ad usare le mani per dipingere – al Museo di Arte Contemporanea di Tokyo http://www.mot-art-museum.jp/ita/. Quello che pensa non è rilevante, perché per lui la bellezza è un concetto personale. I suoi dipinti surreali lo hanno reso un’artista dal significato crescente. Pur interessandosi al potenziale che la scultura gli offre, lui si sente più motivato per i dipinti.

NATSUME SOSEKI, considerato come il più grande scrittore del Giappone moderno, è nato a Tokio,  vivendo alle porte di una grande transizione connessa all’apertura della suanazione verso il mondo esterno. Dopo essersi laureato si recò in Inghilterra per approfondire la conoscenza della letteratura inglese. Al suo ritorno in patria, pubblicò il suo primo romanzo. Nel 1907 lasciò l’insegnamento universitario per assumere un incarico presso il maggior quotidiano giapponese, dedicandosi alla scrittura a tempo pieno. Nel 1914, pubblicò “Il cuore delle cose”, un romanzo che è considerato il suo capolavoro. http://www.gotokyo.org/en/tourists/info/center/index.html

Da Tokyo a Tateyama percorrerai 420 km/261 miglia, in 5 ore d’auto. Qui è nato YOSHIKI HAYASHI, il fondatore di un gruppo musicale giapponese (X Japan). Lui è un compositore musicale che aveva inizianto a prendere lezioni di pianoforte all’età di quattro anni. Ha trovato sollievo nella musica rock, quando all’età di 11 anni suo padre si era suicidato. Arricchendo la propria percettività musicale, ha collaborato con il batterista dei Queen ed il produttore dei Beatles. http://www.jnto.go.jp/eng/location/spot/tic/tateyama.html

Saranno necessarie 260 km/162 miglia e 3 ore d’auto per arrivare da Tateyama a Hikone ed al suo castello, http://www.hikoneshi.com/en/hikone-castle portato a termine nel 1622. Quella meraviglia architettonica era stata iniziata nel 1603. Posto sulla cima di una collina Konkizan e circondato dalla foresta, questo luogo fortificato è considerato uno dei più pregevoli di tutto il Giappone. Dal terzo piano della sua torre centrale, potrai regalare ai tuoi occhi la gioia di una splendida vista sul lago Biwa.

Da Hikone a Otsu dovrai fare poca strada (soltanto 70 km/43 miglia, in 1 ora d’auto). Il lago Biwa è il più grande del Giappone, e lungo il suo perimetro puoi trovare molti luoghi di interesse artistico e località di attrazione turistica, come ad esempio la città di Otsu, https://www.jnto.go.jp/eng/regional/shiga/otsu.html immortalata dalle stampe di Hiroshige Ando, città che nel VII settimo secolo era stata la capitale del Giappone per cinque anni.

Oggi ti attende il breve tragitto da Otsu a Nara, 55 km/34 miglia in 1 ora d’auto. Per IZUMI KATO è importante il luogo dove si nasce. Questo luogo è uno dei più antichi santuari del Giappone, dove potrai incontrare importanti templi ed un enorme parco, al cui interno vivono migliaia di cervi. Da giovane, questo pittore non era attratto dall’arte, ma ha imparato a dipingere con le dita. Non dimenticare che anche nel Museo Nazionale d’Arte di Osaka, http://www.nmao.go.jp/en/ potrai trovare alcuni dei suoi bei dipinti.

30 km/19 miglia ed 1 ora d’auto, ti accompagneranno da Nara a Asuka, http://www.japanvisitor.com/japan-city-guides/asuka dove un viaggio indietro nel tempo ti condurrà alle origini della storia del Giappone. Proprio qui si è sviluppata la cultura giapponese. Durante il periodo Asuka (538-710), quando la sede del potere imperiale si trovava in quello che è oggi un villaggio, avvenne l’introduzione del buddismo e la realizzazione di capolavori artistici e architetturali.

Da Asuka a Osaka (55 km/34 miglia, in 1 ora d’auto), per ammirare l‘acquario Kaiyukan, http://www.kaiyukan.com/language/eng/ quello che si trova nel villaggio di Tempozan, uno degli acquari più spettacolari del Giappone. Esso introduce varie forme di vita che abitano il Pacifico, in un modo ben organizzato e impressionante. La costruzione di Osakajo (il castello di Osaka, era iniziata sul vecchio sito di un tempio, nel 1583. Shitennoji è stato fondato nel 593, ed è uno dei più antichi templi del Giappone.

100 km/62 miglia (in 1 ora e 20 minuti d’auto), è quanto ti servirà per fare la strada tra Osaka e Himeji, conosciuto soprattutto per il suo castello http://www.japan-guide.com/e/e3501.html che ha l’eleganza di un airone bianco con le ali spiegate. Considerato il più bel castello del Giappone, è uno dei pochi castelli sfuggiti alle devastazioni prodotte dagli uomini e dalla natura.

Da Himeji a Shimane (225 km/140 miglia, in 3 ore d’auto), http://visitshimane.com/ dove è nato il pittore IZUMI KATO. Non lasciarti ingannare dalla semplicità della sua arte, non a caso lui lascia i suoi dipinti senza titolo. L’arte antica di questo suo luogo di nascita, è stata la chiave per la sua estetica artistica. Infatti, questo è un luogo molto tranquillo.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://meetingbenches.net/2017/09/giappone-dentro-venti-immagini/

 

Controllate anche

ITINERARI AMERICANI D’ARTE – Da Chicago a New Orleans, insieme a pittori che hanno fatto la storia dell’arte

Insieme a pittori che hanno fatto la storia dell’arte Dopo il 1850 l’arte pittorica in ...