CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » FERDINAND HODLER (1853/1918), PITTORE SVIZZERO – Simbolismo coloristico e abbozzi di espressionismo

FERDINAND HODLER (1853/1918), PITTORE SVIZZERO – Simbolismo coloristico e abbozzi di espressionismo

FERDINAND HODLER 1/3 – Era nato a Berna in un giorno di metà marzo. Alla fine dell’Ottocento, lui fu uno dei pittori Simbolisti più significativi. https://www.youtube.com/watch?v=_RMe7y6k5Xk La sua forza creativa ed il suo gusto per la decorazione ricordano Rodin, ma lui rimase sconosciuto in Francia, mentre in Svizzera, Germania edAustria è considerato uno dei fondatori dell’arte moderna. Orfano all’età di quattordici anni, era determinato a fare tutto ciò che era necessario per essere artista. Il suo realismo aveva sconcertato i critici di Ginevra, ma anche se aveva raggiunto un certo riconoscimento, lui aveva difficoltà a vivere dalla sua pittura.

FERDINAND HODLER 2/3 – Il suo arrivo a Ginevra alla fine del 1871 segnò il suo debutto artistico. Fino a quel momento, aveva studiato con il padre e con uno specialista in vedute alpine per i turisti. A Ginevra, fu notato e aiutato da un insegnante alla Scuola di Disegno di Ginevra, e studia con lui tra il 1872 e il 1877. Questo apprendistato lo liberò dalle convenzioni del pittoresco e paesaggistico pittorico. Introdotto alla pittura francese, subì il fascino di Courbet, un pittore che ebbe un’influenza notevole su di lui. Presso il Kunstmuseum Bern https://www.kunstmuseumbern.ch/en/ potrai ammirare due suoi famosi dipinti (La notte, il giorno).

FERDINAND HODLER 3/3 – Lui ha esposto principalmente a Ginevra, provando tutti i soggetti e generi pittorici. A Ginevra, lui incontrò poeti, critici e giornalisti, nonché ammiratori con i quali era strettamente coinvolto. La sua arte si è sviluppata verso un realismo in cui si fondevano idealismo e simbolismo. I suoi ritratti erano il punto di partenza per una riflessione molto più ampia sul destino dell’uomo. Nel periodo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio del 1890, la morte era diventata un’ossessione per lui. Morì in un giorno di maggio a Ginevra, lasciando incompiute alcune opere che ritraevano quella città. Alcuni suoi dipinti, tra i quali il “lago di Ginevra visto da Chexbres, sono visibile presso il Museo d’arte di Basilea https://kunstmuseumbasel.ch/en/kunstmuseum-basel

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere.

Controllate anche

LE MEMORIE – Carlo Malinverni / Come sola arte, l’arte cosiddetta pura, ammirare quella che trova suo fine in sè stessa

Ricordi, oltre infami rocce dolci. Era nato Genova nel 1855 in una famiglia borghese, dividendo ...