CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » DIVENTARE UN NOME FAMILIARE, ATRAVERSO I TESTI – Erin Enderlin

DIVENTARE UN NOME FAMILIARE, ATRAVERSO I TESTI – Erin Enderlin

Vivere, amare, uccidere e morire

La Conway Symphony Orchestra si esibisce durante tutto l’anno. Conway è una città nello stato americano dell’Arkansas, fondata poco dopo la guerra civile. Quando la ferrovia arrivò, un piccolo tratto di terra divenne un deposito chiamato “Conway Station”, che conteneva due piccoli negozi, due saloon, un deposito, alcuni alloggi temporanei e un ufficio postale. Non dimenticare il suo “Toad Suck Daze” (uno dei più grandi eventi annuali della città), è un festival di tre giorni che comprende musica dal vivo, venditori di cibo e artigianato e giostre nel primo fine settimana di maggio. Tra le sue persone di rilievo, Gene Hatfield (noto artista e scrittore) e la cantautrice Erin Enderlin.

ERIN ENDERLIN è una cantautrice americana di musica country. Adora la storia delle canzoni, perché è incredibile per lei come in soli tre minuti sia possibile creare un intero personaggio, che puoi vedere e persino capire. Ha scritto “Monday Morning Church” di Alan Jackson https://www.youtube.com/watch?v=6QSH3J6oYic che è andata al quinto posto della Billboard Country Chart nel 2004. Il suo nuovo album (Whiskeytown Crier), è stato prodotto da Jamey Johnson e Jim Brown. Adora sua nonna (ha 86 anni e si è recentemente iscritta su Facebook), che è la sua fan numero uno. Le sue canzoni sono state registrate da Luke Bryan e Lee Ann Womack, Randy Travis e Terri Clark. È nata e cresciuta a Conway (Arkansas), trasferendosi a Nashville per intraprendere la carriera di artista e cantautrice. Quando si è trasferita a Nashville, ha vissuto in una casa con un altro cantautore, Chris Stapleton.

LUNEDI’ MATTINA IN CHIESAHai lasciato la tua Bibbia sul cassettone, così l’ho messa nel cassetto, perché non riesco a parlare con Dio senza urlare più, e quando mi siedo al tuo pianoforte riesco quasi a sentire quegli inni. I tasti stanno raccogliendo polvere ma non riesco a chiudere il coperchio. Hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina, era così pieno di fede e ora fa solo male, e posso sentire il diavolo sussurrare “Le cose stanno solo peggiorando”. Hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina. Il predicatore è arrivato domenica, ha detto che mi ha mancato al servizio. Mi ha detto che Gesù mi ama ma non sono sicuro di meritarmelo, perché l’uomo fedele che hai amato non si trova da nessuna parte poiché hanno preso tutto ciò che credeva, lo ha deposto nel terreno. Hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina era così pieno di fede e ora fa solo male, e posso sentire il diavolo sussurrare “Le cose stanno solo peggiorando”. Hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina. Bene, credo ancora in Paradiso e sono sicuro che ce l’hai fatta lì, ma per me senza il tuo amore, ragazza, non ho una preghiera, hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina che usava essere così pieno di fede e ora fa solo male, e posso sentire il diavolo sussurrare “Le cose stanno solo peggiorando”. Hai lasciato il mio cuore vuoto come una chiesa del lunedì mattina, hai lasciato la tua Bibbia sul cassettone, quindi l’ho messo nel cassetto.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://www.erinenderlin.com/bio

 

Controllate anche

LE MEMORIE – Carlo Malinverni / Come sola arte, l’arte cosiddetta pura, ammirare quella che trova suo fine in sè stessa

Ricordi, oltre infami rocce dolci. Era nato Genova nel 1855 in una famiglia borghese, dividendo ...