CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » GEORGE WESLEY BELLOWS (1882/1925), PITTORE REALISTA AMERICANO – La sua fama arrivò presto e si è dimostrata duratura

GEORGE WESLEY BELLOWS (1882/1925), PITTORE REALISTA AMERICANO – La sua fama arrivò presto e si è dimostrata duratura

L’artista americano più acclamato della sua generazione

GEORGE WESLEY BELLOWS ha iniziato a disegnare molto prima dell’asilo. A ventitré anni raggiunse l’appartenenza alla National Academy of Design. Oltre ad essere un grande pittore, era un grande stampatore, usando la tecnica della litografia per fare stampe fresche come uno schizzo a carboncino. Questo figlio di un devoto e imprenditore edile, con una madre che spera che suo figlio sarebbe diventato un vescovo metodista, è cresciuto a Columbus (Ohio). Puoi ammirare il suo dipinto “Cliff Dwellers” al Los Angeles County Museum of Art.

All’università si dimostrò un estroverso brioso, cantando in teatrali e producendo disegni per la rivista dell’università. Nel 1904 decide di trasferirsi a New York City per studiare pittura. Le sue scene urbane di New York rappresentavano sempre la crudezza e il caos delle persone e dei quartieri della classe operaia. Dipingendo New York, ha sviluppato il suo forte senso di luce e struttura visiva. Nel 1906 GEORGE WESLEY BELLOWS dipinge il suo primo capolavoro (The Cross-Eyed Boy), quindi espande la sua visione con una serie di scene urbane magistrali. Per vedere la sua opera “Dempsey and Firpo”, devi andare a New York, al Whitney Museum of American Art.

Il suo capolavoro è stata la sua scena di boxe (Stag at Sharkey’s), la pittura che è diventata un’icona dell’arte americana. La sua serie di dipinti raffiguranti incontri di boxe amatoriali, sono caratterizzati da atmosfere dark, con un forte senso del movimento e della direzione. All’età di trent’anni, le sue opere erano esposte al Metropolitan Museum of Art. GEORGE WESLEY BELLOWS cominciò a ricevere incarichi di ritratto dalla ricca élite di New York, andando anche in estate nel Maine, dove dipingeva paesaggi marini. “Men of the Docks” (uno dei suoi piùfamosi dipinti a olio su tela, che raffigura le banchine di New York City), è stato venduto alla National Gallery di Londra nel 2014, per $ 25,5 milioni.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://www.georgebellows.com/biography

Controllate anche

LE MEMORIE – Carlo Malinverni / Come sola arte, l’arte cosiddetta pura, ammirare quella che trova suo fine in sè stessa

Ricordi, oltre infami rocce dolci. Era nato Genova nel 1855 in una famiglia borghese, dividendo ...