CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » PIOGGIA POMERIDIANA IN STATE STREET – Poesia di Amy Lowell

PIOGGIA POMERIDIANA IN STATE STREET – Poesia di Amy Lowell

Esplorare in stile immaginario, mescolando versi formali e forme libere

La sua poesia “Fixed Idea” fu pubblicata nel 1910, dopo di che pubblicò poesie individuali in varie riviste. Nell’ottobre del 1912, Houghton Mifflin pubblicò la sua prima collezione. Fu incoraggiata a scrivere fin dalla tenera età, ed a diciassette anni si isolò nella biblioteca di 7.000 libri per studiare letteratura. Era nota per la sua potente personalità e si dedicava alla poesia, ma non pubblicò nulla fino al 1910. AMY LOWELL nacque il 9 febbraio 1874 a Sevenels, una tenuta di dieci acri a Brookline (Massachusetts). Ha scritto in prosa polifonica, diventando un leader dell’Immagismo. Fu influenzata dal movimento Imagist (i suoi fondatori erano Pound, Madox Ford e Richard Aldington). Tutti credevano che la concentrazione fosse l’essenza stessa della poesia. Nel 1926 ricevette il Premio Pulitzer come premio postumo.

PIOGGIA POMERIDIANA IN STATE STREET – Incroci di pioggia contro muri grigi, linee inclinate di pioggia nera. Di fronte al su e giù, i lati di pietra bagnati degli edifici. Sotto, grassa, lucente, nera, orizzontale, la strada. E su di essa, ombrelli, punti neri lucidi colpiti al bianco, un istante, flusso in due linee piatte scivolano l’un l’altro con la levigatezza dell’olio. Come un cuneo a quattro lati la Custom House Tower al cielo basso e piatto, spingendolo più lontano e più lontano, sollevandolo dalle case, sollevandolo tutto intero come se fosse un foglio di latta, con la leva del suo apice. I tratteggi incrociati di pioggia tagliavano obliquamente la Torre, linee grattate di filo nero su di esso, mutilano la sua superficie grigia perpendicolare, con la precisione esatta degli strumenti. La città è rigida con linee rette e angoli, una tavola a scacchi di neri e grigi. Blocchi oblunghi di planarità strisciano con motori a basso ingombro, e passano a brevi piazze verticali, riducendo la distanza. Un piroscafo nel bacino soffia il suo fischietto, e il suono spara attraverso le schiuse di pioggia, una barra stretta e piatta in acciaio. Cubetti duri di limone si sovrappongono ai fronti degli edifici, mentre le finestre si accendono. Ma i cubetti di limone sono bordati di angoli, su cui non possono interferire. Su, dritto, giù, dritto, quadrato. Carte bianche grigie accartocciate soffiano lungo i marciapiedi, contorti, orribili, senza curve. Un cavallo fa un passo in una pozzanghera, e l’acqua bianca e abbagliante schizza verso l’alto in linee rigide e distanti, come i gambi sferraglianti delle canne. La città è araldica con angoli, un cupo stemma di argento e zibellino, e contromossa di piogge su una civiltà quadrupla. Quando esce un lampione, lo guardo per ben trenta secondi, per riposare il cervello con la brillantezza rotonda e soffusa del suo globo.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere.

Controllate anche

LE MEMORIE – Carlo Malinverni / Come sola arte, l’arte cosiddetta pura, ammirare quella che trova suo fine in sè stessa

Ricordi, oltre infami rocce dolci. Era nato Genova nel 1855 in una famiglia borghese, dividendo ...