CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » ALCUNE REGOLE PER PRINCIPIANTI – Katherine Mansfield / Quando tutto nella vita che accettiamo veramente subisce un cambiamento

ALCUNE REGOLE PER PRINCIPIANTI – Katherine Mansfield / Quando tutto nella vita che accettiamo veramente subisce un cambiamento

Voglio essere tutto ciò che sono capace di diventare

Il suo edificio più antico è il Colonial Cottage del 1858 a Mount Cook, mentre l’edificio più alto è il Majestic Center (su Willis Street a 116 metri di altezza). Wellington è all’estremità sud-occidentale dell’Isola del Nord (tra lo stretto di Cook e la catena del Rimutaka). Puoi scoprire che questa città è la città più ventosa del mondo. Su Cable Street, un edificio modernista che ospita il Museo della Nuova Zelanda, il Te Papa Tongarewa. Il festival annuale di arti figurative per bambini, qui riunisce studenti di tutta la regione, con spettacoli di musica e la presentazione di arti visive. Tra le sue persone importanti, avrai la possibilità di scoprire la poetessa Katherine Mansfield.

La vita non le è mai diventata un’abitudine, ma è sempre rimasta una meraviglia. Secondo lei, potremmo cambiare il nostro atteggiamento, non dovremmo solo vedere la vita in modo diverso, ma la vita stessa diverrebbe diversa. KATHERINE MANSFIELD nacque in un giorno di ottobre del 1888, a Wellington (Nuova Zelanda). Si era trasferita in Europa quando era ancora una giovane donna, dove sposò John Middleton Murry. Successivamente era entrata nell’Istituto per lo sviluppo armonioso dell’uomo (a sud di Parigi, in Francia). È sepolta nel cimitero della città di Avon, dove c’è una strada in suo onore. Per lei, il rimpianto era uno spaventoso spreco di energia, perché non si può costruire su di esso, ma era soltanto qualcosa per sguazzarci dentro. Ha avuto molta influenza sullo sviluppo del racconto come forma di letteratura. Era diventata una maestra neozelandese del racconto, con storie delicate incentrate su conflitti psicologici che avevano sempre un’obliquità della narrazione.

ALCUNE REGOLE PER PRINCIPIANTII bambini non devono mangiare il carbone e non devono fare smorfie, né indossare abiti da festa e non devono mai oscurarsi il viso. Devono sapere che il puntamento è maleducazione, devono stare fermi a tavola, e devono sempre mangiare il cibo messo davanti a loro, se sono in grado. Se cadono, non devono piangere, anche se è noto quanto sia doloroso. No, c’è sempre Madre da chi li consolerà con i baci.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: https://www.amazon.com/Poems-Katherine-Mansfield/dp/019558192X

Controllate anche

LE MEMORIE – Carlo Malinverni / Come sola arte, l’arte cosiddetta pura, ammirare quella che trova suo fine in sè stessa

Ricordi, oltre infami rocce dolci. Era nato Genova nel 1855 in una famiglia borghese, dividendo ...