CASA » BOUTIQUE DI VIAGGIO » UN PAESE MAGICO, DOVE LA NATURA SI FONDE CON LA CREATIVITÀ UMANA – Da Auckland fino a Dunedin, lo stupore creativo nei tuoi passi

UN PAESE MAGICO, DOVE LA NATURA SI FONDE CON LA CREATIVITÀ UMANA – Da Auckland fino a Dunedin, lo stupore creativo nei tuoi passi

Spiagge dorate, scogliere di granito scolpite e gente creativa di fama mondiale

Tra i suoi luoghi di spicco, l’Abel Tasman National Park, http://www.doc.govt.nz/parks-and-recreation/places-to-go/nelson-tasman/places/abel-tasman-national-park/ un luogo indimenticabile che comprende svariati chilometri di spiagge dorate. Uno dei paesi tecnologicamente più sviluppati nel mondo, la Nuova Zelanda, è una terra ricca di meraviglie naturali, a lungo rimasto sconosciuta all’Occidente. Non soltanto. Qui potrai anche trovare alcuni magnifici frutti della creatività umana.

Partendo da una galleria d’arte di Auckland, conoscerai i dipinti di una pittrice e il museo di Te Awamutu (luogo di nascita di Neil Finn, co-fondatore della band Crowded House). Conoscerai le sfumature creative di Rita Angus (una pittrice nativa di Hastings), ma per vedere i frutti del suo lavoro dovrai arrivare fino al Museum Te Papa Tongarewa di Wellington, la città dove è nata la poetessa Katherine Mansfield. Arrivando a Dunedin, dove erano nate la pittrice Frances Hodgkins e la scrittrice Janet Frame, potrai visitare la Dunedin Public Art Gallery e la Blue Oyster Gallery.

Dal 1895 al 1996, FRANCES HODGKINS frequentò la Dunedin School of Art. In Europa, aveva tenuto la sua prima mostra personale presso la Paterson’s Gallery di Londra nel 1907, per poi trasferirsi a Parigi nel 1908. Nella galleria d’arte di Auckland https://www.aucklandartgallery.com/page/the-paintings-and-drawings-by-frances-hodgkins puoi scoprire dipinti e disegni di Frances Hodgkins.

Il suo Te Awamutu Museum ha una serie di mostre permanenti, incentrate sulla storia di Te Awamutu. C’è anche una mostra incentrata su Tim e Neil Finn, fratelli della band Crowded House. Neil Finn è nato a Te Awamutu, a 30 km a sud, a sud di Auckland e Hamilton, nell’isola settentrionale della Nuova Zelanda. La sua arteria principale è Alexandra Street. Ristoranti speciali? Situato nel cuore di Te Awamutu, il Fahrenheit Restaurant & Bar http://www.fahrenheitrestaurant.co.nz/Menus ti offre un menù à la carte per pranzo e cena. Il bar offre anche un menu di tapas, mentre il balcone esterno consente di mangiare sulla strada principale di Te Awamutu.

Crowded House https://www.crowdedhouse.com/store/ è una rock band formata a Melbourne, in Australia, nel 1985. I suoi membri fondatori erano il neozelandese Neil Finn e gli australiani Paul Hester e Nick Seymour. I membri della band successiva includono il fratello di Neil Finn, Tim Finn, e Mark Hart e Matt Sherrod. A partire dal 2010, il gruppo ha venduto 10 milioni di album.

I suoi dipinti sono chiari e ben definiti. RITA ANGUS influenzata dall’arte bizantina e cubista, e anche dal pittore inglese Christopher Perkins. Uno dei dipinti più famosi del 1936 è “Cass”, in cui interpreta il nudo vuoto del paesaggio di Canterbury, usando forme e colori non abbinati in uno stile che ricorda la poster art. Era nata a Hastings. Nei primi anni ’50 passò il tempo viaggiando per la Nuova Zelanda, dove dipinse il suo “Central Otago”.

Durante gli anni ’30 e ’40, RITA ANGUS iniziò ad esporre con la Canterbury Society of Arts. Dovuto in parte alla sua inclusione in mostre itineranti nazionali organizzate dalla Auckland City Art Gallery), l’interesse per il suo lavoro crebbe dalla fine degli anni ’50. Dopo un breve periodo di insegnamento dell’arte a Napier, visse a Christchurch. Entrò nell’ospedale mentale di Sunnyside e si trasferì a Wellington nel 1955. Ha continuato a dipingere fino a poco prima della sua morte. A Wellington, nel Museum Te Papa Tongarewa http://collections.tepapa.govt.nz/party.aspx?irn=74 puoi trovare lavori, panoramica e informazioni correlate su Rita Angus.

Il suo edificio più antico è il Colonial Cottage del 1858 a Mount Cook, mentre l’edificio più alto è il Majestic Center (su Willis Street a 116 metri di altezza). Wellington è all’estremità sud-occidentale dell’Isola del Nord (tra lo stretto di Cook e la catena del Rimutaka). Puoi scoprire che questa città è la città più ventosa del mondo. Su Cable Street, un edificio modernista che ospita il Museo della Nuova Zelanda, il Te Papa Tongarewa. Il festival annuale di arti figurative per bambini, qui riunisce studenti di tutta la regione, con spettacoli di musica e la presentazione di arti visive. Tra le sue persone importanti, avrai la possibilità di scoprire la poetessa Katherine Mansfield.

KATHERINE MANSFIELD nacque in un giorno di ottobre del 1888, a Wellington (Nuova Zelanda). Si era trasferita in Europa quando era ancora una giovane donna, dove sposò John Middleton Murry. Successivamente era entrata nell’Istituto per lo sviluppo armonioso dell’uomo (a sud di Parigi, in Francia). È sepolta nel cimitero della città di Avon, dove c’è una strada in suo onore. Per lei, il rimpianto era uno spaventoso spreco di energia, perché non si può costruire su di esso, ma era soltanto qualcosa per sguazzarci dentro.

Questa città è sede di Baldwin Street, la strada più ripida del mondo. Prove archeologiche, indicano che l’area era stata abitata da Maori, prima dell’arrivo in Europa. La sua area urbana si trova sulla costa centro-orientale di Otago e il suo nome deriva da Dùn Èideann (il nome gaelico scozzese per Edimburgo). Il porto e le colline intorno a Dunedin rappresentano i resti di un vulcano spento. Dunedin ha una galleria d’arte pubblica, la Dunedin Public Art Gallery. Se ti piace, ci sono anche molti altri spazi artistici sperimentali (come la Blue Oyster Gallery, in Dowling Street). Sulla Camminata degli Scrittori (sul Octagon), è possibile scoprire la lapide commemorativa dedicata a Janet Frame.

Figlia di un avvocato e pittore dilettante, FRANCES HODGKINS era nata a Dunedin. Da ragazza, lei e sua sorella hanno frequentato una scuola secondaria privata femminile, dimostrando presto il loro talento artistico. Dopo aver frequentato la Dunedin School, divenne un’insegnante d’arte, guadagnando soldi per studiare in Inghilterra. Tra il 1908 e il 1928, il soggetto dei suoi dipinti cambiò, anche continuando a dipingere scene di gente, strada e porto.

La sua celebrità deriva dalla sua drammatica storia personale (così come dalla sua carriera letteraria). NENE JANET PATERSON CLUTHA era nata in un giorno di agosto del 1924 a Dunedin (nel sud-est della Nuova Zelanda, nell’Isola del Sud). Con il nome di Janet Frame, era un’autrice neozelandese che scriveva romanzi e poesie. Lasciò la Nuova Zelanda alla fine del 1956, visse e lavorò in Europa, con brevi soggiorni a Ibiza. Nel tentativo di alleviare gli effetti negativi dei suoi anni trascorsi in ospedali psichiatrici, aveva anche iniziato delle sedute di psico-terapia. Morì a Dunedin nel 2004, poco dopo essere diventata uno dei primi destinatari del premio “Icon” della Nuova Zelanda.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://meetingbenches.net/2018/02/paesaggi-dellanima-nuova-zelanda/

 

Controllate anche

CINQUE CITTÀ IN NIHON-KOKU – Viaggiare nei luoghi di nascita di cinque creativi giapponesi.

Viaggiare in Giappone, leggendo Shuntaro Tanikawa. I segreti del successo del Mori Art Museum di ...