Breaking News
CASA » POESIE » BEI SOGNI IN NEW MEXICO – Poesie

BEI SOGNI IN NEW MEXICO – Poesie

SERATA IN NEW MEXICO – Poesia di Andrew Downing

Lontano il Rio Grande striscia, serpente d’argento nella sabbia. E dolcemente, dolcemente, cade lentamente l’ombra del crepuscolo sulla terra. Il tordo, che tutto il giorno è in sottofondo, impigliante nota con nota, nel canto allegro, e rondò, ha sedato le parole in gola. Nella meditazione, seppelliti tutti, tre filosoficiasini aspettano, accanto a un muro grigio, muro di mattoni, l’apertura della porta padronale. Un falco corsaro sta navigando basso, e pigramente il suo volo srotola in larghe spirali, vacillando così, sopra il campo di verde erba medica. Un mantello viola rotola, e si diffonde da colline lontane scendendo verso il basso, attraverso i letti asciutti e su tutta la sonnacchiosa città. Così dolcemente l’ombra si fonde con l’ombra, nascostamente il buio vince, possiamo a malapena vedere dissolversi la luce del giorno, a malapena conosciamo l’inizio della notte. Il cielo, tinto di rosa in Occidente, è blu e nuvole ovunque. Una bianca stella in cresta alla montagna, lì brilla come un gioiello.

IL DESERTO HA UN SOLO DIO – Poesia di Louise Driscoll

poems1.1Il deserto ha un dio, il Grande Signore Sole. La morte è il suo servo, come gli sciacalli sanno che seguono dove le carovane osano andare, con riti osceni A rivendicare ciò che la morte ha vinto. Il deserto non chiede grazia e offre niente, indifferente a trattenere o dare, mare di colore giallo che non ha né riflusso di flusso, dove solo la luce è finita o iniziata. Nessuno ha mai sentito parlare il deserto. L’oceano ha una voce, e venti cercano di vincere qualche risposta alla parola che portano. Lo sciacallo affamato, per la sua strada solitaria vede il prostrarsi il deserto, adorante, ma non mai ha sentito la preghiera del deserto.

BEL SOGNO – Poesia di Clara Marcelle Farrar Greene

Bel sogno, posso svegliarmi, e dalla parte dell’illusione affezionata? Posso l’incantesimo della dolcezza interrompere, che ora giace sul mio cuore? Svegliarmi da te non è altro che piangere, legami, oh bel sogno addormentato! Indugiare, oh rimani nella tua bellezza con me, metti a tacere il mio cuore dalla veglia del dolore. Porta indietro la tenerezza che può essere mia, ma a visioni di sonno nuovo. Non svegliarmi mia pena, indugia con me! Attardati, oh bel sogno, con me!

https://www.amazon.com/Red-Earth-Poems-New-Mexico/dp/1163928070

Controllate anche

RIVOLUZIONE SURREALISTA – Irène Hamoir, il principale esponente femminile del movimento surrealista belga

Quando la creatività rompe il suo involucro Nel 1936, René Magritte dipinse un suo ritratto, …