Breaking News
CASA » MUSICA » CANTO DALL’ESTERNO – Moushumi Bhowmik / Canzoni di bardo indiane, a più voci.

CANTO DALL’ESTERNO – Moushumi Bhowmik / Canzoni di bardo indiane, a più voci.

Trakirtan, blues e musica classica indiana e occidentale.

Desideri visitare uno dei più grandi mercati di fiori in Asia in una passeggiata mattutina? Visitando Calcutta, puoi muoverti fino al Mallick Ghat, dove travolgere i tuoi sensi in suoni chiassosi e colori favolosi. Per un’esperienza gastronomica a 19 euro https://www.klook.com/activity/12056-traditional-bengali-food-experience-kolkata/?krt=r22&krid=3e47f8a0-d71c-495b-7dfd-bd8b0021b816un tradizionale pasto bengalese di 3 portate. Per scoprire la terra della Dea Kali in India ed esplorare le tradizioni in un tempio? https://www.klook.com/activity/11964-temple-spiritual-day-tour-kolkata/?krt=r22&krid=3e47f8a0-d71c-495b-7dfd-bd8b0021b816 per il tuo tempio e tour spirituale. Come ricordare questi momenti? Comprati un CD con una selezione musicale di una cantautrice che è nata sotto questo cielo.

Ha anche composto per documentari e il cinema d’arte bengalesi. MOUSHUMIBHOWMIK ha formato una band nel 2002, con membri di Kolkata e Londra,disegnando il suo repertorio sia dalle sue composizioni che dal ricco patrimonio folklorico del Bengala. Le sue canzoni sono considerate appartenenti al tipo di canzone “moderna”. Lei è nata a Calcutta nel 1964.

MOUSHUMI BHOWMIK https://www.facebook.com/MoushumiBhowmik/è una cantante e cantautrice indiana bengalese. I suoi album godono di grandepopolarità nelle zone di lingua bengalese. Nel 2003 intraprende un viaggio diregistrazione e documentazione della ricca e variegata tradizione della musicapopolare (West Bengal e Bangladesh), esplorando nuove strade di ricerca, anchecon presentazioni e performance. Il suo lavoro è culminato nel 2011, con illancio del sito web The Traveling Archive.

PRENDITI UN GRANDE GIORNO, DA SOLO – Ci vuole un giorno per essere soli. Non ho l’alba e non vedo il mattino. Un giorno ne prende uno grande! Ci vuole un giorno per essere soli. La penna, la canzone o la lettera che hai scritto non sono scritte tra le dita. Un giorno ne prende uno grande! Ci vuole un giorno per essere soli. Non penso che parlerò a casa da solo nel pomeriggio. Un giorno ne prende uno grande! Una notte ne prende uno grande. Quando il lato si sbriciolò all’indietro e prese le orecchie, il vento non si svegliò o non sentì le orecchie,nessuno si svegliò, una grande notte da solo prese!

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative,consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema,puoi digitare: https://www.youtube.com/watch?v=Fv8xLYaRzac

Controllate anche

RIVIVERE LA COLONNA SONORA DEL RINASCIMENTO – Musica e ambiente culturale di Firenze

Camerata fiorentina e la nascita del melodramma Puoi conoscerlo anche on-line https://www.ibs.it/cd/compositori/Giulio%20Caccini. Compositore e cantante, …