CAPOLAVORI D’ARTE NEI SECOLI / MADRID – Museo del Prado: Maja Desnuda e Maja Desnuda, di Francisco Goya

Lui è nato il 1746 a Fuendetodos, in Spagna. Ha iniziato i suoi studi d’arte come adolescente (anche trascorrendo del tempo a Roma, in Italia, per migliorare le sue abilità). Nel 1770 ha iniziato a lavorare per la corte reale spagnola e – in aggiunta – ha realizzato molti ritratti su commissione della nobiltà, creando opere che criticavano la sua epoca. In un primo momento, lui ha imparato per imitazione, copindto opere di grandi maestri, e trovando ispirazione nelle opere di questi artisti. Nel 1779, Francisco Goya è pittore alla corte reale, ma nel 1792 diventa completamente sordo, dopo aver sofferto di una malattia sconosciuta. Con Ferdinando VII al potere, mantiene la sua posizione nella corte spagnola (pur avendo lavorato per Bonaparte). Stesse dimensioni (95 x 190cm) e identico autore (Francisco Goya). Stesso periodo di realizzazione (attorno al 1800), identica tecnica realizzativa (olio su tela). Maja Vestida e Maja Desnuda. La coppia di quadri è formata da due fra le più celebri opere di Francisco Goya. 20POST.3La prima menzione della Maja Desnuda https://www.museodelprado.es/en/the-collection/art-work/the-naked-maja/65953b93-323e-48fe-98cb-9d4b15852b18?searchMeta=maja appare nel 1800, nel diario di Pedro González de Sepúlveda. In Spagna, le immagini di nudo erano proibite dalla Chiesa, e punite dall’Inquisizione. Quel dipinto faceva parte della collezione d’arte di Manuel Godoy, un uomo così potente che poteva sottrarsi a quelle proibizioni. cover2.1La Maja Vestida https://www.museodelprado.es/en/the-collection/art-work/the-clothed-maja/a3121efc-6924-454c-8a9f-e4320f26d3d0?searchMeta=maja fu forse realizzata su commissione di quell’uomo che poteva sfuggire ai furori del Santo Ufficio. Resta un mistero intorno ai due quadri: forse essi ritraessero la duchessa di Alba, oppure che la modella della Maja Desnuda fosse Pepita, l’amante di Godoy. Nel 1807 Godoy cade in disgrazia e il suo re si appropria della sua collezione di dipinti. Il pittore evitò una condanna, ma la “oscena” Maja Desnuda fu sequestrata e cancellata alla vista di chiunque (fino all’inizio del XX secolo). https://www.museodelprado.es/ena.MB logo

Tutti amano viaggiare, ma non tutti amano farlo allo stesso modo. Tutto quello che devi fare è averne il tempo, dentro la tua vita. Meeting Benches. Il modo per rendere il mondo migliore è facile. Scegli la panchina dove pubblicare ciò che hai pitturato o scritto, la recensione di un libro che hai letto o la storia di un viaggio che hai fatto. Passato e Presente sono qui ed ora. La nostra proposta invita ogni web-viaggiatore a sedere in Meeting Benches info@meetingbenches.com per condividere emozioni, osservando nuovi orizzonti creativi.

Instagram

Controllate anche

CON COLORI E FORME, TRA CAMMELLI, RE E COSTELLAZIONI

Benozzo Gozzoli, una testimonianza del potere dell’arte Del pittore rinascimentale italiano rinomato per i suoi …