Breaking News
CASA » MUSICA » CREATIVITÀ, PROFONDITÀ E SERIO APPROCCIO ALLA MUSICA – Leonard Bernstein, lo spirito vibratile di partiture orchestrali dalla natura leggera

CREATIVITÀ, PROFONDITÀ E SERIO APPROCCIO ALLA MUSICA – Leonard Bernstein, lo spirito vibratile di partiture orchestrali dalla natura leggera

Preparare una generazione di americani all’amore per la musica

Camminando per Lawrence, Massachusetts, visita Eli’s Place al 267 di Merrimack Street https://www.elisplace.net/. Troverai un piccolo locale per la colazione situato in un angolo affollato, dove ordinare l’elemento per eccellenza del New England: fagioli dolci e gustosi. Se hai un’ossessione per i murales e l’arte di strada, puoi amare i murales in Lawrence https://www.thumbtack.com/ma/lawrence/mural-painter/, guidando su e giù fino al 151 Essex Street, trovando Music Legends. Parlando di persone che hanno fatto la storia della musica, non dimenticare che un musicista è nato a Lawrence, creando un ponte tra musica classica e popolare.

Una sua rivisitazione in chiave moderna di Romeo e Giulietta (West Side Story), era piena di canzoni bellissime. Nato nel 1918 a Lawrence, Massachusetts, divenne compositore e direttore d’orchestra di fama internazionale. Per la composizione era stato allievo di Walter Pistone, mentre Fritz Reiner aveva affinato la sua direzione d’orchestra. Nelle sue partiture per i musical prodotti da Broadway, lui ha saputo creare un ponte fra musica classica e popolare. Leonard Bernstein https://www.leonardbernstein.com/ è stato tra le figure musicali più significative della seconda metà del Novecento.

Trasmesse dalla televisione americana, straordinarie furono le sue lezioni dirette ai bambini. Per lui, ogni partitura musicale era da considerarsi nuova tutte le volte che si accingeva a studiarla. All’età di ventun anni, Leonard Bernstein https://www.loc.gov/collections/leonard-bernstein/about-this-collection/ andò a studiare pianoforte al Curtis Institute di Filadelfia, dove cominciò a considerare le partiture dal punto di vista della direzione orchestrale, anziché da pianista o da compositore. Da allora, lui ebbe l’obiettivo di arrivare alla conoscenza di qualsiasi opera musicale come ne fosse stato l’autore.

Le sue direzioni orchestrali erano sorta di estasi, sempre straordinariamente simili alla perdita di coscienza. Il suo debutto come direttore orchestrale debutto avvenne nel 1943, in sostituzione di un celeberrimo musicista che all’improvviso accusò dei malori. Allora appena venticinquenne, l’allora sconosciuto Leonard Bernstein https://www.youtube.com/watch?v=0EyJ58K8Z90 ricevette critiche entusiastiche. Nel 1951 era alla guida stabile della New York Philarmonic e sposò la pianista Felicia Montealegre. Al contrario di altri artisti famosissimi, lui non fu mai ostile all’incisione musicale, alle riprese video o alle dirette televisive.

Grazie alla sua diretta conoscenza, a lui si deve il neologismo “radical-chic”, per indicare i personaggi dei più prestigiosi salotti di New York. Dopo essersi posto fra gli esecutori più geniali, ha contribuito alla costituzione di una autonoma forma di teatro americana. Sul piano discografico, ha inciso per la Columbia/CBS Masterworks, collaborando con i più grandi solisti e cantanti dell’epoca. Diventato professore di musica alla Brandeis University, Leonard Bernstein fu il primo direttore americano invitato alla Scala per dirigere opere italiane. https://www.amazon.it/Scoperte-Leonard-Bernstein/dp/8842824526/ref=sr_1_2?dchild=1&keywords=Leonard+Bernstein&qid=1591601625&sr=8-2

Se ti piace approfondire la conoscenza dei musicisti che hanno contribuito ad arricchire il panorama musicale mondiale, puoi digitare: https://meetingbenches.net/category/musica/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere.

Controllate anche

CANZONI DENTRO CANZONI – Vetusta Morla, una band indie rock di Madrid

Una band molto popolare, tra sorprese e innovazioni Anche a Madrid, non dimenticare gli artisti …