Breaking News
CASA » SCRITTORI » CREATIVITÀ SLOVACCA, DA MASSIMO VALERIO ALLA RIVOLUZIONE DI VELLUTO – Da Košice a Uhrovec, per conoscere quattro città e cinque modi di fare arte.

CREATIVITÀ SLOVACCA, DA MASSIMO VALERIO ALLA RIVOLUZIONE DI VELLUTO – Da Košice a Uhrovec, per conoscere quattro città e cinque modi di fare arte.

Viaggiando in una piccola area del Centro Europa, con molti siti storici, per diversi millenni.

Bez opatrnosti, aj šikovnosť je márna (senza cautela, anche l’intelligenza è inutile). È un modo di dire slovacco, ricordatene viaggiando tra loro. Molti i castelli e parchi con splendidi laghi e montagne, ma anche meravigliosi borghi senza tempo. La sua Capitale è la meta ideale per un long weekend. Per un viaggio in Slovacchia http://slovakia.travel/en, nazione montuosa in cui le città storiche sono incastonate in paesaggi imponenti, puoi lasciarti andare all’immaginazione, facendoti però accompagnare – in un vero e proprio viaggio d’autore – da alcune persone creative che sono nate in questa terra, nel cuore dell’Europa e nell’anima di chi ha già potuto visitarla.

È la seconda città più grande della Slovacchia dove vivono diverse etnie. Košice è stata la città più importante della regione per secoli. Questa città medievale si trova nel cuore dei Carpazi orientali, fu fondata a metà strada tra l’Abbazia e il castello. Una esperienza che lascia il segno? L’uso dell’ex spazio industriale è destinato per l’arte, la cultura e l’industria creativa. Tabačka Kulturfabrik www.tabacka.sk, è uno spazio specifico per struttura e interni, che mantiene lo stile del design industriale grezzo. Sant’Elisabetta è la cattedrale gotica è la cattedrale gotica più orientale d’Europa. Krásny (una parola slovacca incredibilmente usata), descrive qualcosa o qualcuno che è bello, adorabile o squisito. Potresti avere un’esperienza krásny se vai al Castello di Spiš, a 60 km a nord-ovest di Košice.

Lei è una fotografa slovacca, nata a Košice dentro un giorno d’agosto del 1945. In adolescenza, ha studiato in una scuola d’arte specializzata in fotografia, ma per focalizzarne l’uso è andata a Bratislava. Ha continuato i suoi studi a Praga, laureandosi nel 1969. Quando le persone sono nella natura, a loro piace tutto. Ecco perchè Milota Havránková https://sk-sk.facebook.com/MilotaHavrankova ha una casa di legno nella Slovacchia centrale, un luogo dove trascorre tre mesi all’anno, sentendosi molto bene lì, anche con il suo frutteto. La fotografia è usata come arte senza contatto con l’ambiente, quando tutti scattano foto e la qualità si perde nella quantità. Quando le persone realizzano delle foto, sperimentano ciò che scelgono di osservare, materializzando esperienze in un quadro generale.

Kvietok, è una bella parola slovacca per fiore. Molti slovacchi sognano di avere un giardino e la capitale slovacca è piena di fiori. La sagoma del suo imponente castello ti accompagnerà domina la città dall’alto di una collina. Attraversata da sentieri boscosi dove si praticano l’escursionismo e il ciclismo, Bratislava è circondata da vigneti e dai Piccoli Carpazi. La zona pedonale della sua città vecchia (risalente al XVIII secolo), è conosciuta per i suoi vivaci bar e caffè. La Cattedrale di San Martino, è stata per secoli il luogo di incoronazione dei sovrani ungheresi. Il colore delle facciate (blu turchese), fa assomigliare la Chiesa Blu a una casa dall’aspetto fiabesco. Un futuristico ponte sul Danubio (il Nový Most), ti regala l’impressione di salire su una navicella ufo. Per la sera? Un pub con musica dal vivo, grandi discoteche, locali jazz o una bella passeggiata lungo il Danubio.

Per lei, gli abiti che le persone indossano, devono sempre corrispondere alla loro personalità e carattere. I suoi abiti combinano i sontuosi tessuti indiani insieme, all’interno di linee fluide, con uno stile casual. I suoi abiti fluidi https://www.instagram.com/zuzanakanisova/ sono semplicemente tagliati e in colori ricchi (anche disegni per uomo). Puoi trovare il negozio Zuzana Kanisová Design in Bratislava, Námestie SNP 13 (nel passaggio). Com’è la sua giornata lavorativa? Dipende da ciò su cui lei stà lavorando, che si tratti di un progetto televisivo o scegliere abiti per un cliente.

Ha perso la sua lotta contro la droga qualche giorno dopo i suoi vent’anni, quando quel veleno era entrata nella sua vita quotidiana. Nato a Bratislava in un giorno di aprile del 1974, era diventato un bravo compositore di musica e cantautore. Studiò all’Accademia delle arti dello spettacolo di Bratislava, ed è a tutt’oggi considerato uno dei più influenti compositori slovacchi moderni. Marek Brezovský https://www.youtube.com/watch?v=toQNFftTvkI è morto per overdose di eroina, alle porte dell’estate del 1994, all’età di 20 anni.

Dobrú chuť, una frase carina usata prima di mangiare e significa buon appetito, sia con amici intimi che con sconosciuti. I Piccoli Carpazi (Malé Karpaty), sono la regione vinicola più importante della Slovacchia e offrono, oltre alle degustazioni, monumenti culturali e tradizioni popolari. Tra i Piccoli Carpazi e il fiume Morava, Záhorie https://iheartslovakia.com/castles-in-slovakia/ è una regione che sintetizza la storia di questa nazione. Il castello medievale in rovina di Pajštún (nel comune di Borinka), ha un seminterrato del palazzo che fu inglobato nella roccia su cui fu costruito il castello. Il castello di Plavecke Podhradie (situato a 20 km da Malacky), è un enorme castello costruito nel 13 ° secolo, sopra il villaggio, per ricoprire il ruolo di fortezza di frontiera.

Il suo lavoro rispecchiava spesso quello del movimento moderno. La sua nativa Záhorie (Slovacchia occidentale, tra i Piccoli Carpazi a est e il fiume Morava a ovest), costituisce una base potente della sua ispirazione grafica. Le sue illustrazioni erano anche per libri per bambini. Nato a Záhorie il giorno di Natale del 1935, studiò all’Accademia di Belle Arti di Bratislava, iniziando la sua carriera nell’arte sulla scenografia e sulla progettazione di poster. Nel 1981, Albín Brunovský https://www.galleryslovakia.sk/albin-brunovsky è stato nominato professore d’arte.

C’è amore, e poi c’è un livello più alto di amore che viene descritto come vicino all’adorazione. Milujem ťa è usato per descriverlo. Se ami le viste panoramiche, certamente investirai tempo e forze a osservare una pietra del castello Trenčín (dove le iscrizioni romane sono state incise attorno al 178-179 a.C.), nonchè nella breve salita alle rovine del Albín Brunovský(uno dei castelli più preziosi e in stile romanico nella Slovacchia del 13° secolo), che si elevano nelle montagne occidentali del paese. Nel villaggio di Uhrovec, città natale di una figura di spicco del movimento nazionale slovacco, nonché del politico comunista Alexander Dubček, che guidò la primavera di Praga del 1968, servì come scuola, ma attualmente ci sono mostre del Trenčín Museo.

Nato nel novembre del 1921 a Uhrovec, divenne il primo segretario del Partito Comunista della Cecoslovacchia nel 1968. Alexander Dubček introdusse riforme liberali che portarono all’invasione sovietica. Ha ricevuto la sua prima educazione nell’Asia centrale sovietica, dove suo padre si era stabilito. Durante la seconda guerra mondiale, prese parte alla resistenza clandestina all’occupazione nazista e dopo la guerra salì costantemente nei ranghi del Partito Comunista.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare http://meetingbenches.com/category/author_travels/.

Controllate anche

SCRIVERE CON IRONIA LE DEBOLEZZE UMANE QUOTIDIANE – Gillian Tindall, una prosa lucida e formale, sciolta nel movimento

Riflessioni sull’interesse di una vita, nel recupero storico Se anche tu pensi che le librerie …