Breaking News
CASA » DIPINTI » ISPIRAZIONE, LAVORO E DESTINO ARTISTICO – Emil Filla: un pittore d’avanguardia cubista, tra due guerre.

ISPIRAZIONE, LAVORO E DESTINO ARTISTICO – Emil Filla: un pittore d’avanguardia cubista, tra due guerre.

Dipingere usando molteplici prospettive e stilizzazioni della forma.

Le sue opere fondevano aspetti del cubismo e del fauvismo nelle sue nature morte, paesaggi e opere figurative. Era attivo nel design (così come nella pittura), come molti modernisti cechi. Nacque a Chropyně (Moravia), in una giornata di aprile del 1882, trascorrendo la sua infanzia a Brno, ma in seguito si trasferì a Praga. Dopo essersi formato all’Accademia di Belle Arti di Praga, ha viaggiato molto prima di unirsi ad altri giovani artisti. Gli inizi della moderna arte pittorica ceca sono legati al nome Emil Filla. Con opere che trattano della figura umana, nel 1920, a Praga, partecipò a quasi tutte le mostre nazionali.

Nel 1909 Emil Filla si unì all’associazione di artisti secessionisti “SVU Mánes” fino al 1911, quando unì le forze con quattordici altri giovani artisti d’avanguardia, diventando il centro del cubismo ceco fino al 1914. Nel 1925, aveva progettato dipinti su vetro per il padiglione cecoslovacco all’Esposizione Internazionale delle Arti Moderne a Parigi. Nel 1945, fu nominato professore all’Applied Prague Arts Academy. Dopo la presa in consegna comunista, trascorse gli ultimi anni della sua vita in pensione, dipingendo paesaggi. Oggi, le sue opere sono conservate nelle collezioni dell’Olomouc Museum of Art nella Repubblica Ceca.

Fortemente influenzato da Picasso e Braque, a partire dal 1910 dipinse principalmente in stile cubista. Ha tenuto il passo con le tendenze a Parigi e in Germania. Non divenne un surrealista, ma all’inizio degli anni 30, anche l’influenza surrealista iniziò a mostrare nella sua pittura e scultura. Due sculture realizzate da Emil Filla (tra le prime sculture cubiste), puoi ammirare nella Galleria Nazionale di Praga. Durante gli anni di guerra 1939-45, fu internato nei campi di concentramento di Dachau e Buchenwald. In reazione al fascismo, sviluppò lo stile dell’Animale della steppa, ispirato ai rilievi sciti e eseguito in varie tecniche. Morì a Praga, dove fu sepolto a Střešovice. https://www.pantarhei.sk/knihy/umenie/vytvarne-umenie/maliarstvo-grafika/emil-filla.html

L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. Per ampliare il tuo orizzonte di conoscenza su altri pittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/pittori/.

Controllate anche

UN PITTORE DALL’OCCHIO INTROSPETTIVO E PROFETICO – Victor Brauner, tra prospettive appiattite e colori vividi

L’uso eclettico delle immagini, tra religione e misticismo Il suo Prelude to a Civilization, rappresenta …