Breaking News
CASA » MUSICA » LA REGINA DEL SUOUL – Aretha Franklin: la musica cambia, ed io cambierò sempre insieme ad essa

LA REGINA DEL SUOUL – Aretha Franklin: la musica cambia, ed io cambierò sempre insieme ad essa

Tutti noi chiediamo e vogliamo il rispetto, uomini o donne, neri o bianchi.

La composizione razziale della città era nel 2007 afroamericana per il 62,6%. La sua musica è un mix di influenze afroamericane e bianche. Una sua rock band famosa è Skillet, formata nel 1966 da John L. Cooper. La città di Memphis ha ospitato bande di blues in Beale Street, quelle che hanno poi dato origine all’esclusivo genere blues degli inizi del XX secolo. Per ascoltare buona musica dal vivo, segnati l’indirizzo del The Buccaneer Lounge https://www.facebook.com/BuccaneerLounge/,1368 Monroe Ave (Memphis, Tennessee). Fra gli artisti che hanno iniziato qui la loro carriera, trovi Johnny Cash ed Elvis Presley, Justin Timberlake, Eric Gales ed Aretha Franklin.

Per lei disinnamorarsi era come perdere peso: più facile metterlo su che perderlo. Nata a Memphis nella primavera del 1942, morì a Detroit dentro un giorno d’estate del 2018. Il suo nome è inciso nella Hollywood Walk of Fame, il lungo camminamento sulla collina di Hollywood (Los Angeles, California). Contando anche quelli alla carriera, lei è la terza donna più premiata nella storia dei Grammy, avendone ricevuto 21. Cantautrice e pianista, Aretha Franklin https://www.arethafranklin.net/ è stata una delle icone della musica americana.

Dopo la separazione dei genitori, andò a vivere a Detroit con il padre e due sorelle che cantavano nel coro parrocchiale, mentre lei suonava anche il piano. La sua figura è una delle più influenti nella storia della musica. Molto nota per la sua produzione di musica (soprattutto soul, gospel e R&B), per la sua capacità di aggiungere una vena soul a qualsiasi cosa cantasse, Aretha Franklin https://www.youtube.com/channel/UCW02f_MjH8n1uMZhSds4mQQ era stata soprannominata La Regina del Soul.

Quattordicenne, seguì il padre in un viaggio di predicazione, sfoggiandovi il proprio repertorio gospel. Aretha Franklin https://twitter.com/arethafranklin mostrò determinazione nel voler entrare nel mondo della musica, ma il repertorio pop impostole dalla casa discografica Columbia non le permise di esprimere il proprio potenziale di cantante di soul. Passata all’Atlantic Record divenne la Regina del Soul, orgoglio per le minoranze afroamericane con la sua interpretazione del brano Respect di Otis Redding.

RISPETTO – Quello che vuoi piccola, l’ho preso. Di cosa hai bisogno, sai che ce l’ho? Tutto quello che chiedo è un po’ di rispetto quando torni a casa, solo un po’. Ehi piccola, solo un po’, quando torni a casa. Solo un poco, signore, solo un po’. Non ti farò del male mentre sei via. Non ti farò del male perché non voglio. Tutto quello che chiedo è un po’ di rispetto quando torni a casa, solo un po’. Baby, solo un po’, quando torni a casa, solo un po’. Sì, solo un po’. Sto per darti tutti i miei soldi e tutto quello che chiedo in cambio, tesoro, è di darmi cose appropriate quando torno a casa. Solo un, solo un, solo un, solo un. Sì, piccola solo una, solo un, solo un, solo un. Quando torni a casa, solo un po’. Sì, solo un po’. Oh, i tuoi baci.

Dopo una relazione tempestosa che la condusse all’alcolismo, nel 1969 Aretha Franklin https://www.songfacts.com/facts/aretha-franklin/respect divorziò. Agli inizi degli anni settanta i suoi dischi – che spaziavano dalla musica gospel al blues, alla musica psichedelica ed al rock and roll – scalarono le classifiche USA. Con la partecipazione al film The Blues Brothers, nel 1980 ritornò all’attenzione del pubblico. Nel 2017 tenne la sua ultima performance dal vivo, cantando I Say a Little Prayer. Tributo ad una sua canzone del 1985, a Detroit la sua bara era stata scortata da numerose Cadillac rosa fino al cimitero di Woodlawn, dove attente una tua visita.

Se ti piace approfondire la conoscenza dei musicisti che hanno contribuito ad arricchire il panorama musicale mondiale, puoi digitare: https://meetingbenches.net/category/musica/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere.

Controllate anche

UN MARATONETA MUSICALE, AL CREPUSCOLO – Franco Battiato, il cantautore che guarda il passato, per comprendere ciò che abbiamo perduto

Una musicalità nomade, tra i chiaroscuri dell’espressività  Uno dei più storici e caratteristici paesi marinari …