Breaking News
CASA » POESIE » QUANDO DI TUTTE LE COSE LA PEGGIORE È ESSERE NATO – Antero de Quental: scrivere poesie, tra pessimismo e depressione.

QUANDO DI TUTTE LE COSE LA PEGGIORE È ESSERE NATO – Antero de Quental: scrivere poesie, tra pessimismo e depressione.

La poesia, sincera confessione del pensiero più intimo di un’epoca.

Ponta Delgada https://www.visitportugal.com/en/NR/exeres/6B6EEBF7-573E-4DD7-A758-8D260C6CA546, dove sperimentare l’avvistamento di balene e delfini, oppure un tour privato di Sete Cidades e Lagoa do Fogo. Qui puoi anche rilassarti nelle calde sorgenti termali di un vulcano attivo, dirigendoti verso il complesso vulcanico di Furnas (a Povoação), facendo il bagno nelle calde acque del Poça da Dona Beija. Poi, potrai festeggiare quest’esperienza gustando il famoso cozido, ovviamente cucinato all’interno della caldera vulcanica. Un famoso poeta portoghese, famosissimo per il suo pessimismo, era nato proprio sotto questo cielo.

Iniziò a scrivere poesie in tenera età, diventando poeta e scrittore le cui opere divennero una pietra miliare nella lingua portoghese https://www.amazon.it/Libri-Antero-De-Quental/s?ie=UTF8&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3AAntero%20De%20Quental. Nato a Ponta Delgada (isola di São Miguel, Azzorre), in un giorno di aprile del 1842, seguì il percorso dell’Università di Coimbra per studiare legge. ANTERO DE QUENTAL divenne il leader del movimento studentesco che incitò i cittadini del paese ad abbracciare la modernità europea. Durante l’ultima parte della sua vita dedicherà i suoi studi alla poesia e alla filosofia.

Nel corso della sua vita, ha oscillato tra pessimismo e depressione. Nel 1866 ANTERO DE QUENTAL andò a vivere a Lisbona, lavorò come tipografo (un lavoro che continuò anche a Parigi), nel 1867. Intorno al 1891, tornò ancora una volta a Ponta Delgada, dove in un giorno di settembre si è suicidato con una doppia ferita da arma da fuoco. In questo modo è morto uno dei più grandi esempi di poesia universale, pensando “Di tutte le cose, il peggio è essere nato“.

PAROLE DI UN CERTO MORTO – Sono morto da oltre un millennio, esposto su questa scogliera, al vento e alla pioggia. Nemmeno un fantasma ha una cornice più sottile, e nessun aborto è più deformato. Solo il mio spirito vive, assorbito da un solo, inesorabile pensiero: “Morto e sepolto nella vita!” Questo è il mio tormento, il resto lo ignoro. So che ho vissuto, ma è stato tutto un giorno, solo uno e il giorno dopo l’idolatria mi ha costruito un altare. Ah! Si sono tutti inchinati come se fossi qualcuno, come se la vita potesse essere qualcuno! Poi hanno deciso che ero un Dio, e mi hanno avvolto in un sudario!

Per conoscere altri scrittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/scrittori/. Per tonalità di poesia provenienti da tutto il mondo, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/poesie/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

UN LEGAME TRA LA POESIA ITALIANA E QUELLA ESPAGNOLA – Adagio ma non troppo, insieme a Inma J. Ferrero

Se la poesia ci rende consapevoli di ciò che ci circonda Dal suo punto di …