Breaking News
CASA » FUMETTISTI » QUANDO I CAVALLI AVEVANO QUATTRO ZAMPE ALL’ARIA – Florencio Molina Campos, l’artista che sostenne di aver dipinto ciò che vedeva.

QUANDO I CAVALLI AVEVANO QUATTRO ZAMPE ALL’ARIA – Florencio Molina Campos, l’artista che sostenne di aver dipinto ciò che vedeva.

Dipingere perché ti piace dipingere.

Tra i migliori luoghi di soggiorno a Buenos Aires, ti suggeriamo Poetry Building https://poetrybuilding.com/, splendidi monolocali e appartamenti con una camera da letto. Ognuno è decorato con mobili antichi di riproduzione. Alcuni appartamenti hanno un balcone o patio esterno privato (ma c’è anche una bella terrazza comune con piscina). La cosa migliore è l’orto sul tetto, dove puoi mangiare anche fagioli o pomodori fatti in casa. Durante il tuo soggiorno, non dimenticare di visitare un museo d’arte dedicato a un pittore nato in questa città.

La sua ultima mostra era un tributo postumo, nel 1959. La sua opera rappresenta scene gauches che, con un po ‘di umorismo. Nato a Buenos Aires in un giorno di agosto del 1891, fu un illustratore argentino e un pittore. FLORENCIO MOLINA CAMPOS è conosciuto per le sue scene tradizionali della Pampa. La sua prima mostra fu nel 1926, quando fu nominato insegnante d’arte del Colegio Nacional Avellaneda.

Nel 1930, un produttore di espadrillas gli commissionò illustrazioni per un calendario e lui continuò a fornire i disegni per 12 anni. Nel 1942 FLORENCIO MOLINA CAMPOS http://www.molinacampos.net/ espose al Modern Art Museum di San Francisco e nel 1956 tenne una mostra a Buenos Aires. Fino alla metà degli anni ’50 fu assunto come consulente creativo per Walt Disney, lavorando per il film d’animazione Bambi. Nel 1946 pubblicò un libro per studenti spagnoli.

FLORENCIO MOLINA CAMPOS era un osservatore appassionato e aveva una memoria fotografica veramente speciale. Nelle sue opere, varie controversie sono state sollevate con altri artisti del suo tempo. Una di queste era per gli orizzonti che lui dipingeva molto in basso. Un altro aspetto molto controverso era che in alcuni disegni mostrava i cavalli con le loro quattro zampe in aria. I suoi resti rimasero nella familiare Recoleta fino a quando, negli anni ’70, furono trasferiti al cimitero di Brown, dove rimangono.

Per approfondire questo tema, puoi digitare: Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. Per ampliare il tuo orizzonte di conoscenza su altri pittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/pittori/ L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere.

Controllate anche

UNA CARRIERA ARTISTICA SPECIALE, UNICA NEL SUO GENERE – Sergio Zaniboni, il gentiluomo dei fumetti

Una lunga e fruttuosa militanza sulle pagine di Diabolik Uno dei più apprezzati cartonista italiani, …