Breaking News
CASA » PITTORI » QUANDO LA CREATIVITÀ VIAGGIA VERSO LE ORIGINI – Paul Gauguin: da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?

QUANDO LA CREATIVITÀ VIAGGIA VERSO LE ORIGINI – Paul Gauguin: da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?

Chiudo gli occhi per vedere.

Quando sarai a Parigi, non dimenticare di entrare al Musée d’Orsay, dove potrai ammirare un capolavoro di PAUL GAUGUIN: Arearea (detto anche Giocosità). Nel cuore degli Champs-Elysées, il ristorante è un indirizzo particolarmente apprezzato dal mondo della cultura e dalla settima arte. Al Fouquet’s Paris https://www.hotelsbarriere.com/en/paris/le-fouquets/restaurants-and-bars/fouquets.html, prenotando “Menu Gagnaire” è possibile ordinare à la carte se cambi idea. Sulla costa meridionale di Tahiti, un semicerchio intorno all’isola da Papeete ospita il Museo Paul Gauguin, proprio nella città di Papeari. Le mostre illustrano la sua vita in Polinesia attraverso fotografie, lettere e altra documentazione.

La sua vita è un viaggio costante, verso le origini. Era nato nel 1848 a Parigi, figlio di un giornalista e di un’aristocratica che si era trasferita in Perù. Quando sette anni dopo ritornò in Francia, PAUL GAUGUIN frequentò le scuole di Orléans e di Parigi. A diciassette anni partecipò alla guerra franco prussiana, poi tornando a Parigi dove conosce la figlia del suo tutore, dalla quale impara a dipingere. Inizia a frequentare a visitare musei, conosce Camille Pissarro e sposa una giovane danese di buona famiglia, che gli donerà cinque figli. Catturato dalla pittura, abbandona il lavoro e trasferisce in Danimarca, ma dopo alcuni anni torna a Parigi, dove conosce di Vincent van Gogh. Puoi ammirare il suo “Ritratto d’artista con il Cristo giallo” (olio su tela, 30×46 cm, 1889), al museo d’Orsay, di Parigi.

Il suo sogno è quello di immortalare un mondo incontaminato, ecco perchè parte per la Martinica nel 1887. Tornato in Francia, condivide una casa con Van Gogh, ad Arles. La convivenza tra i due non è facile, così PAUL GAUGUIN torna nuovamente a Parigi. Guadagna denaro per un nuovo viaggio, vendendo alcune sue opere, riuscendo a partire per Tahiti nel 1981. Complice la realtà ancestrale dei paesaggi, nel periodo tahitiano la sua produzionecreativa è vasta. Due anni dopo si ammala e tornain Europa, vendendo teletaitiane per tornare in Polinesia. Trascorse l’ultima parte della sua vita nell’isola di Hiva Oa (dove morirà nel 1903), anche dedicandosi alla scrittura di alcuni libri. Visitando il Museum of Fine Arts di Boston, avrai la possibilità di ammirare un suo grande olio su tela: Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzare le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: https://www.paul-gauguin.net/

Controllate anche

SE IL SURREALISMO È L’IMMAGINE CHE L’ARTISTA HA DI SÉ – Kay Sage, una pittrice tra architetture complesse e forme biomorfe

Una surrealista, paradossi inquietanti e qualità allucinanti Tra le molte scuole da lei frequentate, anche …