Breaking News
CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » QUANDO MORBIDE NEBBIE BEVONO IL TUO ORIZZONTE – Johann Wolfgang von Goethe / Vivere come un uomo libero, senza attaccamenti religiosi o sociali.

QUANDO MORBIDE NEBBIE BEVONO IL TUO ORIZZONTE – Johann Wolfgang von Goethe / Vivere come un uomo libero, senza attaccamenti religiosi o sociali.

Niente è più difficile da vedere con i tuoi occhi, rispetto a ciò che hai sotto il naso.

Si trova su entrambi i lati del fiume Meno. La parte meridionale della città contiene la più grande foresta di città del Germania. Francoforte sul Meno è la quinta città più grande della Germania, ed è stata una delle città più importanti del Sacro Romano Impero. Nell’area furono stabiliti insediamenti romani, probabilmente nel primo secolo, e vi abitarono Alemanni e Franchi. Dal 1356 in poi, i re del Sacro Romano Impero (e dal 1562 al 1792, imperatori romano-tedeschi) furono incoronati nella sua cattedrale. Qui – dove è nato un famoso scrittore tedesco – puoi visitare Zeil, https://www.myzeil.de/ una strada commerciale nel centro di Francoforte.

Nelle sue prime esperienze era un bambino di città di una famiglia ricca in un mondo essenzialmente borghese. Diversamente dalla maggior parte dei suoi contemporanei, non aveva bisogno di cercare il patrocinio principesco dei suoi scritti. Era una delle poche figure, all’interno del rinascimento letterario tedesco del XVIII secolo, che erano borghesi. Era nato in un giorno di agosto, nel 1749, a Francoforte sul Meno (Germania). JOHANN WOLFGANG VON GOETHE, poeta e drammaturgo, romanziere, statista e artista dilettante, è considerato il più grande personaggio letterario tedesco dell’era moderna.

Nel 1786 JOHANN WOLFGANG VON GOETHE viaggiò in pullman fino al Brennero, arrivando in Italia. Il caldo autunno e l’architettura di Andrea Palladio gli hanno permesso di realizzare tutte le sue speranze. Lasciò Napoli nel 1787, per essere a Francoforte, dove trascorrere alcuni mesi con sua madre. Poi, con l’amicizia con Schiller iniziò un nuovo periodo nella sua vita, dal punto di vista letterario uno dei più produttivi. Nel 1806, Napoleone sconfisse gli eserciti prussiani nella battaglia di Jena. Weimar, era a 12 miglia dalla battaglia, ma la sua casa fu risparmiata, grazie all’ammirazione di Napoleone per lui. Sempre, a causa delle sue circostanze personali indipendenti, fu in grado di vivere le conseguenze della rivoluzione intellettuale come un uomo libero, senza attaccamenti religiosi o sociali

SUL LAGO – E attingo a nuovo sostentamento, sangue nuovo dal mondo senza freni: quanto è gentile e generosa la natura, che mi tiene al suo seno! L’onda oscilla la nostra barca al ritmo dei remi, e le montagne, raggiungendo il cielo in modo nebuloso, incontrano il nostro corso. Occhio mio, perché sei abbattuto? Sogni d’oro, sei tornato? Via sogno, d’oro anche se lo sei: anche qui ci sono amore e vita. Mille stelle sospese brillano sull’onda, le nebbie morbide bevono l’orizzonte che ci circonda, la brezza mattutina ondeggia sulla baia ombreggiata e il lago riflette il frutto che matura.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://www.einaudi.it/libri/libro/johann-wolfgang-goethe/cento-poesie/978880620737

Controllate anche

UN LEGAME TRA LA POESIA ITALIANA E QUELLA ESPAGNOLA – Adagio ma non troppo, insieme a Inma J. Ferrero

Se la poesia ci rende consapevoli di ciò che ci circonda Dal suo punto di …