Breaking News
CASA » PITTORI » RENE’ MAGRITTE (1898/1967), PITTORE SURREALISTA BELGA – Quando nella vita, tutto è mistero

RENE’ MAGRITTE (1898/1967), PITTORE SURREALISTA BELGA – Quando nella vita, tutto è mistero

OSSERVANDO IL MONDO CON OCCHI DIVERSI

RENE’ MAGRITTE 1/3 – Quando quel bambino di nome René era nato a Lessines – una piccola città belga situata nella provincia – i suoi genitori non potevano immaginare che lui sarebbe diventato “le saboteur tranquille”, per la sua capacità di insinuare dubbi sul reale attraverso la rappresentazione pittorica del reale stesso. http://www.belgiumtheplaceto.be/ L’intenzione del suo lavoro era quella di alludere al tutto come mistero, senza non definirlo. In Belgio, è considerato il maggiore esponente del surrealismo. Dopo iniziali sperimentazioni di cubismo, il suo stile s’incentrò sull’uso del trompe l’oeil, un genere di pittura in cui la concretezza della rappresentazione genera l’illusione del reale.

RENE’ MAGRITTE 2/3 – Suo padre era un sarto. Sua madre venne ritrovata annegata nel fiume Sambre, con la testa avvolta dalla camicia da notte (un particolare ricorrente in alcuni suoi dipinti). Dopo gli studi classici, si avvicinò alla pittura, iscrivendosi all’Accademia di belle arti di Bruxelles. Muovendo i propri interessi artistici nell’ambito delle avanguardie del Novecento, realizzò l’avvicinamento al surrealismo con la scoperta dell’opera del pittore italiano Giorgio de Chirico. Gradualmente, si accorge che quello che dipinge non è la realtà, ma la creazione di una nuova realtà. Questo, lo stimolerà a cerca così d creare qualcosa più reale della stessa realtà. https://www.youtube.com/watch?v=bpD0F9hpd68

RENE’ MAGRITTE 3/3 – Dopo l’esperienza parigina, nel 1930 torna con la moglie a Bruxelles, vivendo un lungo e creativo pittorico. Ogni sabato sera, il suo appartamento al 135 della rue Esseghem di Jette (trasformato in casa museo), fungeva da punto d’incontro del gruppo surrealista bruxellese. Quando sarai a Bruxelles, non dimenticare di visitare il Museo Magritte http://www.magrittemuseum.be/en/00_home_en.php Per timore dell’occupazione tedesca, nel 1940 si era trasferito nel sud della Francia, sperimentandovi fino al 1947 un nuovo stile pittorico. Poco dopo la comparsa di una grave malattia, morì a Bruxelles in una giornata di metà agosto, venendo sepolto nel cimitero di Schaerbeek https://visit.brussels/en/place/Schaerbeek-cemetery dove quell’uomo elegante ed educato, capace di trasformare la realtà, come nessuno, ti aspetta.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://meetingbenches.net/2017/08/immagini-viaggio-belgio-attorno-rene-magritte/

Controllate anche

I DIPINTI INTERCULTURALI DI UN ARTISTA FILIPPINO – Ronald Ventura e la sua fusione di realismo, cartoni animati e graffiti

Le complesse relazioni interculturali del paese in cui nasci Attraverso un approccio culturalmente permeabile, le …