Breaking News
CASA » VIAGGI D'AUTORE » SPARPAGLIATE PERLE CREATIVE, IN UNA FORESTA DI CANNE – Cinque modi per conoscere il Bangladesh

SPARPAGLIATE PERLE CREATIVE, IN UNA FORESTA DI CANNE – Cinque modi per conoscere il Bangladesh

Non esiste villaggio senza fiume, né ruscello e poeta, o popolare menestrello

Il tempo scorre, così come la vita delle persone, simile al flusso dell’acqua in un fiume. Esprimendo le percezioni di una comunità basata sulle esperienze nella vita della società, i proverbi lasciano scorrere una verità comune. I detti vengono trasmessi oralmente attraverso generazioni, diventando proverbi. Anche quelli del Bangladesh forniscono informazioni sulle tradizioni della nazione in cui una mezza verità è più pericolosa delle bugie. Benvenuto dove non esiste un solo villaggio senza fiume, né un ruscello e un poeta o popolare menestrello https://www.travelmate.com.bd/art-culture-of-bangladesh/. Ricordando questo modo di dire, iniziamo il nostro viaggio nella creatività del Bangladesh, insieme a cinque persone nate in questa parte del subcontinente indiano.

Nell’ottocento, quando il Neoclassicismo stava perdendo influenza, nuove generazioni di persone creative erano alla ricerca di qualcosa di nuovo. Artisti e letterati abbandonarono raziocinio e perfezione geometrica, allontanandosi dalla perfezione dell’arte, per giungere alla nascita del Romanticismo. Quei creativi continuavano a usare parole, colori e pennelli, ma con la passione dei forti sentimenti. Ogni paese sviluppò delle varianti autonome del Romanticismo https://www.theartpostblog.com/romanticismo-opere-artisti/, come ad esempio accadde nel sub-continente indiano, dove il pittore Hemen Majumdar reinterpretò il senso della femminilità. Disilluso dalle scuole d’arte, decise di insegnare a se stesso per mezzo di libri inglesi. Il suo lavoro è stato presentato in diverse mostre, tra cui la Tao Art Gallery. Nacque a Kishoreganj (Bangladesh) nel 1894 e dipinse le porte per accogliere il re Giorgio V, durante la sua visita in India nel 1911. Nel 1919, Hemen Majumdar https://www.tallengestore.com/collections/hemen-mazumdar fondò l’Accademia indiana di Belle Arti di Calcutta e nel 1921 ricevette il Primo Premio -22 Bombay Art Exhibition.

Come stimolare la tua creatività e ispirazione fotografica https://cameranation.it/11-consigli-per-i-fotografi-principianti/? Per prima cosa dovrai rompere qualche abitudine connessa al tuo modo di percepire l’ambiente che ti circonda. Prova a svegliarti un poco prima del solito, così potrai scoprire la magia dei colori che soltanto la luce dell’alba è in grado di regalarti. Come secondo suggerimento, potresti iniziare a fotografare ciò che non hai mai pensato di fotografare, anche cambiando la prospettiva dell’inquadratura. Per concludere, lasciati andare all’istinto ed alle emozioni. Scoprirai un mondo diverso, come ha fatto Taslima Akhter, la donna che ha deciso di documentare fotograficamente ciò di cui nessuno parla. Voleva essere un’artista disegnando e facendo artigianato, ma il suo sogno era stato rovinato sotto le macerie di un palazzo. Nata a Dhaka nel 1974, è diventata un’attivista e fotografa del Bangladesh, premiata dalla “Top 10 foto del 2013” della rivista Time per Final Embrace e premio per la migliore fotografia dalla Dali International Photography Photography Exhibition in Cina. Nello stesso anno, mentre documentava il crollo del Rana Plaza, Taslima Akhter https://www.taslimaakhter.com/ scattò una foto di una donna e un uomo che vi erano morti, l’uno nelle braccia dell’altro.

Un felice connubio tra arte e moda, equilibrio di buon gusto e costruzione sartoriale, mette in risalto la bellezza attraverso splendidi abiti. Il senso del buon gusto può creare abiti attraverso una sperimentazione continua, in cui il fashion designer si evolve perpetuamente, seguendo le esigenze del proprio segmento di mercato. I suoi sei strumenti base https://www.wow-professions.com/classic/tailoring-leveling-guide-classic-wow sono un paio di forbici e una scuci punti, spilli, un righello da 50 cm e un nastro standard da 150 cm, rotelline di carta carbone per segnare il tessuto e nastro adesivo sartoriale. La stilista Asma Sultana realizza abiti con una interpretazione moderna della silhouette, che accentuano il corpo femminile. Come marchio interno, ha iniziato ZarZain nel 2009, espandendo le sue linee in abbigliamento diversificato globale. Con suo marito gestisce la società di vendita al dettaglio di moda Ecstasy in Bangladesh (con i marchi interni Tanjim, ZarZain e Zoan Ash). Conosciuta come Sultana, è nata a Dhaka in un giorno di ottobre del 1977. Asma Sultana https://twitter.com/zoan_ash/status/1033304140095475712 è una designer e imprenditrice di moda del Bangladesh. La sua interpretazione moderna delle silhouette classiche, accentua perfettamente il corpo di una donna.

Ci sono persone che, alla ricerca di poesie nascoste, dedicano il loro tempo ad un’attività estremamente originale, semplicemente usando parole e pennarelli colorati. La found poetry http://www.readwritethink.org/classroom-resources/lesson-plans/found-poems-parallel-poems-33.html, nasce sempre da qualcosa che è scritto da qualche parte, come ad esempio la pagina di un libro o di un giornale. Provaci anche tu, evidenziando con il pennarello le parole che ti attraggono, così comporrai un collage scritto da cui cancellare le parole che escono dalla tessitura poetica. Shamim Azad crea poesie in modo diverso, attingendo alle tradizioni orali e popolari. È uno dei poeti bengalesi più conosciuti in Inghilterra. I suoi romanzi e storie includono Shirno Shuktara, Shamim Azad Golpo Sonkolon e A Vocal Chorus. Vive a Wanstead (Redbridge, Londra). Le sue attività creative includono Sunderland City Library and Arts Centre, Poetry Society e Apples and Snakes. Conferita dalla Bangla Academy, nel 2016 le è stato assegnato il “Syed Waliullah Literature Award”. Shamim Azad https://www.exiledwriters.co.uk/portfolio-items/shamim-azad/ si è esibita in luoghi tra cui Edinburgh Fringe Festival e Battersea Arts Centre.

Le immagini suscitate dell’ascolto di un brano musicale sono impalpabili, proprio come quelle dei sogni https://www.youtube.com/watch?v=wlXAp850sDw. Esiste una tecnica psicoterapica musicale, basata sull’attivazione delle funzioni rappresentative personali. Stimolando le funzioni mentali, il conflitto nevrotico stimola la produzione creativa. Questo è ciò che accade con la voce profonda e potente di Anusheh Anadil, cantautrice capace di trasportarti in un altro mondo, facendoti conoscere il suo paese attraverso la creatività musicale. Gestisce il suo negozio di artigianato a Dhaka https://www.thedailystar.net/lifestyle/special-feature/jatras-future-anusheh-anadil-new-road-commerce-1286452, dove impiega persone disabili, ex prostitute e pittori su strada. È stata la prima musicista del Bangladesh a parlare dell’abuso di droghe e della necessità di riconnettersi alle sue proprie radici. Lei è il fondatore e direttore artistico di Jatra Bangladesh, uno spazio creativo che promuove e diffonde arti e mestieri del Bangladesh. Anushed Anadil https://soundcloud.com/anusheh-anadil è nata a Dhaka nel 1977, dove ha trovato la sua libertà nella creatività musicale.

L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, per consentire ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/viaggi_dautore/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

LE MOLTE SFACCETTATURE DI UNO SPAGNOLO CHE NON DIVENTÒ SCRITTORE – Eduardo Arroyo e la sua arte neo-figurativa

Quando una parola è un’immagine, e un dipinto è una parola Grazie alla sua collezione …