Breaking News
CASA » PITTORI » UTILIZZANDO LE VERNICI SPECIALI DI OLIO, CHE DONANO OPACITÀ– Eugeniusz Zak: la formula della modernità, studiando la tradizione artistica

UTILIZZANDO LE VERNICI SPECIALI DI OLIO, CHE DONANO OPACITÀ– Eugeniusz Zak: la formula della modernità, studiando la tradizione artistica

Combinazione di colori limitata e planarità della forma.

L’edificio in cui attualmente risiede è stato eretto nel 1927-1938, ma come Museo di Belle Arti era stato originariamente fondato nel 1862. Nel 1918, dopo che la Polonia aveva riacquistato l’indipendenza, il Museo Nazionale https://www.mnw.art.pl/it/ è stato attribuito un ruolo di primo piano nei piani per il nuovo stato. Oggi vanta circa 830.000 opere d’arte, dall’antichità al presente, inclusi i dipinti. Tra i dipinti polacchi, hai l’occasione di ammirare un paesaggio costiero nel sud e un Pierrot, di Eugeniusz Zak.

Nelle sue opere, il moderno era costantemente reso antico e l’antico moderno. Nato nel 1884, fu pittore e illustratore che visse e lavorò a Varsavia e Parigi. La fiorente attività artistica e didattica di EUGENIUSZ ZAK fu interrotta dalla sua morte prematura nel 1926, ma nella Parigi del periodo tra le due guerre, una galleria divenne un importante luogo di incontri artistici. La Galerie Zak (specializzata in arte moderna europea e latinoamericana), era stata fondata dalla sua vedova, che durante l’occupazione tedesca venne assassinata nel campo di concentramento di Birkenau.

Amava esprimere la fuga dal presente, nel mondo dell’arte rappresentato dai suonatori di mandolino o dai ballerini. Ha iniziato la sua formazione artistica formale presso l’École des Beaux-Arts di Parigi, l’Académie Colarossi e l’atelier di A. Besnard. EUGENIUSZ ZAK ha esposto le sue opere al Salon of Independents e alla Société Nationale des Beaux-Arts, entrando a far parte della Society of Polish Artists di Parigi. Nel 1916 si stabilì con sua moglie a Czestochowa, dove si unì al circolo dei futuri formisti.

Nei temi dei suoi dipinti, ha anche seguito lo stile del Miserablismo comune a quel tempo nella cultura europea. Importante fonte della sua ispirazione, era la ricerca di culture e luoghi non toccati dalla civiltà, come la Bretagna (dove la vita e le abitudini sembravano rimanere invariate), e la città di Pont Aven divenne presto un habitat naturale per lui. Qui, ha iniziato ad apparire nei suoi dipinti la sua primitiva portata di colore e forma. Dopo essersi trasferito a Varsavia, EUGENIUSZ ZAK ha co-fondato una società di artisti polacchi. Dopo la sua morte, mostre delle sue opere furono organizzate a Varsavia e in molte gallerie parigine.

Per approfondire questo tema, puoi digitare https://culture.pl/en/article/10-most-expensive-auctioned-artworks-from-poland. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. Per ampliare il tuo orizzonte di conoscenza su altri pittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/pittori/ L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere.

 

Controllate anche

IL FANTASTICO NELL’ARTE – Paul Delvaux, un pittore in bilico tra il sapientemente infimo ed il fascinoso

Novecento, Surrealismo e paesaggi inquietanti Il museo che porta il suo nome, inaugurato nel 1982, …