Breaking News
CASA » POESIE » VIVERE SENZA CALENDARIO, NÉ OROLOGI – Patricia Kathleen: la poesia è un miele pericoloso. Ti consiglio di assaggiarla con la punta del dito, e di non viverla.

VIVERE SENZA CALENDARIO, NÉ OROLOGI – Patricia Kathleen: la poesia è un miele pericoloso. Ti consiglio di assaggiarla con la punta del dito, e di non viverla.

Qualcosa nell’aria, che faceva apparire le persone vecchie o giovani.

Il suo Royal British Columbia Museum, offre un’introduzione alla storia e alla cultura della regione. Anche qui puoi connetterti con una costa del Pacifico come non hai mai fatto prima. Assapora il dono di essere presente mentre ti rilassi a Victoria http://www.tourismvictoria.com/, dove il Butchart Gardens ha impressionato i visitatori dal 1904. Se hai 2 ore e mezzo di tempo da dedicare, digita https: // www.westcoastbrewerytours.ca/ per il tour delle cantine. Proprio in questi luoghi, una donna estremamente creativa ha saputo costruire la sua fama artistica.

I suoi genitori erano creativi, amavano l’arte e la poesia. La sua carriera può essere suddivisa in due periodi: gli anni ’40 e ’50 e gli anni ’60. Le sue prime poesie si basano sulla rappresentazione di situazioni concrete, per esprimere preoccupazioni sociali e temi trascendentali. I lavori successivi di PATRICIA KATHLEEN hanno mostrato austerità nella forma e riduzione del numero di immagini presentate. È stata un’attiva collaboratrice culturale, scrivendo costantemente per tutta la sua vita a Victoria (British Columbia).

Le sue opere sono la collezione permanente della National Gallery of Canada e della Art Gallery of Ontario. È stata autrice di oltre trenta libri che includono poesia, fiction, diari di viaggio, saggi e libri per bambini. PATRICIA KATHLEEN era conosciuta come un poeta. Come artista visiva, ha esposto il suo lavoro in Canada e all’estero. Nata a Swanage (Dorset, Inghilterra) nel 1916, si è trasferita con la sua famiglia in Canada.

ADOLESCENZA – In amore si portavano in un abbraccio verde. Una pioggia di seta cadde su di loro attraverso la sorgente. Nel parco nutriva i cigni e si agitava nervosamente con le sue strane mani. E il bianco era mescolato con tutti i loro colori come se lo disegnassero dagli alberi in fiore. Di notte il suo fischietto a due dita la portò giù per le scale a cascata verso il suo timido sorriso che, come un gorgo, la rigirò pigramente e lentamente, così la sua volontà non fu da nessuna parte – come nei sogni le cose sono e non lo sono. Camminare lungo i viali nei lampioni oscuri cantava come soprani nelle loro teste con una violenza che non avevano mai capito e tutti i loro movimenti quando erano insieme non avevano alcuna conclusione. Solo appoggiandosi alla domanda avevano moto; dopo che si separarono furono selvaggi e veloci come gabbiani. Chiedendo e chiedendo il vuoto ostile erano taglienti come la pietra parzialmente scolpita e tutti quelli che guardavano, dimenticando, erano stupiti di vederli formare e svanire davanti ai loro occhi.

Per conoscere altri scrittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/scrittori/. Per tonalità di poesia provenienti da tutto il mondo, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/poesie/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

PER QUELLI INTRAPPOLATI NELLO SFRUTTAMENTO – Suddala Hanmanthu: quando una poesia sembra essere una descrizione della vita quotidiana

Quando la visione sociale è nelle canzoni Il Telugu è la lingua ufficiale, ma l’Urdu …