Breaking News
CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » CREDERE NEGLI ASINI CHE POSSONO PARLARE – Sunil Gangopadhyay / Scrivere liberamente, dove gli Indù sono noti per scherzare a spese dei loro dei.

CREDERE NEGLI ASINI CHE POSSONO PARLARE – Sunil Gangopadhyay / Scrivere liberamente, dove gli Indù sono noti per scherzare a spese dei loro dei.

Camminando lungo la corsia degli innamorati, tenendo la propria mano.

Sì, Calcutta non è una città, ma un’emozione. Questa è l’unica città in cui sei attivamente incoraggiato a fermare uno sconosciuto, a caso, per una breve chiacchierata. Il più grande cimitero cristiano del XIX secolo al di fuori dell’Europa o degli Stati Uniti? Lo storico cimitero di South Park Street (risalente al 1767) di Calcutta offre una visione speciale della storia e della cultura della città. Mentre sei lì, prendi una sostanziosa colazione a base di gnocchi, salsicce o panini. Conosciuto come Teretti Bazaar, la storica Chinatown di Calcutta è uno dei pochi posti nel paese in cui si può sperimentare il ricco patrimonio culturale della comunità cinese-indiana.

Nel Bengala, indù sono noti per scherzare a spese dei loro dei, e dee e questo è quello che ha lui fatto. La sua serie di poesie Nikhilesh e Neera è stata estremamente popolare. Autore di oltre 200 libri, aveva dichiarato la poesia come il suo “primo amore”. Ha conseguito il master in lingua bengalese presso l’Università di Calcutta. SUNIL GANGOPADHYAY era un poeta e romanziere bengalese indiano con base a Kolkata, nato in un giorno di settembre del 1934 a Faridpur. Nel 1953, insieme ad alcuni dei suoi amici, iniziò una rivista di poesie.

Nel 1985 SUNIL GANGOPADHYAY ricevuto il premio Sahitya Akademi, per il suo romanzo Quei giorni. Era uno dei migliori intellettuali tra i suoi contemporanei, che aveva arricchito la letteratura bengalese attraverso il suo stile unico. Era ateo, non aveva mai creduto nella religiosità indù. Morì in un giorno di ottobre del 2012, nella sua residenza di Calcutta. Come ha detto: non ho sbagliato, ma gli zeloti stanno cercando di attaccarmi perché sono così critico nei loro confronti.

UN SENTIMENTO DI VERITÀ – Questa mano ha toccato il volto di Neera, potrei usare questa mano per commettere un peccato, mai più? Nel tardo bagliore della sera che avvolgeva il balcone sospeso, una luce audace le era caduta sul viso e, come un telegramma, aveva immediatamente rivelato la grazia di Neera! Un accenno di sorriso si era fuso sulle sue sopracciglia e sugli occhi, o era lo splendore delle mica-fines? In quei momenti, ho tanto tempo per chiamare quella signora, solo una bambina. Alzo la mano destra e con i muscoli flessi, sussurro a me stesso. Sii degno di lei, sii degno e ascolti, tocco il mento di Neera. Questa mano ha toccato il viso di Neera, potrei usare questa mano per commettere un peccato, mai più? Queste labbra hanno detto a Neera: “Ti amo”, una volta, potrebbe mai suonare un inganno su queste labbra? Scendendo i gradini ricordo, tutto ad un tratto, che le parole più importanti dovevano ancora essere dette! Una brezza dalle coste aliene un giorno, presto, porterà via questa dama agile e aggraziata come un cigno! E le scale avrebbero lasciato il posto all’ondata di un improvviso terremoto! Mi fermo e guardo profondamente negli occhi di Neera. Mi rendo conto che l’amore è un impegno così ardente, una profonda schiavitù emotiva e un sentimento legato alla verità. I miei occhi cominciano a bruciare, in piedi sui gradini, queste labbra hanno detto a Neera: “Ti amo”, una volta, potrebbe suonare un inganno su queste labbra, mai più?

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere.

 

Controllate anche

NIENTE È REALE, TRANNE I SOGNI E L’AMORE – Anna de Noailles, la piena bellezza e lo splendore nobile e pacifico della luce

Il cuore infinito di una donna di nome Anna Ebbe per tutta la vita un’amicizia …