Breaking News
CASA » PITTORI » DONNE MAGRE E FRAGILI, DALLO SGUARDO TRISTE – Amrita Sher Gil: colori sfrenati e audaci, in diretto contrasto con le pallide tinte

DONNE MAGRE E FRAGILI, DALLO SGUARDO TRISTE – Amrita Sher Gil: colori sfrenati e audaci, in diretto contrasto con le pallide tinte

A1MRITA SHER GIL 1/3 – Lei (a volte conosciuta come la Frida Kahlo dell’India), è stata una pittrice indiana, nata da padre punjabi sikh e madre ungherese. Coloristicamente creativa, lei era in grado di ottenere effetti speciali con i colori (tinte sfrenate e audaci, in diretto contrasto con le tinte pallide in voga tra i suoi contemporanei). Oggi lei è considerata un importante pittrice indiana del ventesimo secolo. Lei era la più grande di due figlie. Già all’età di nove anni, lei la sorella più giovane davano concerti. Nel 1923, la sorella ha conosciuto uno scultore italiano, e quando lui era tornato in Italia, anche lei era andata in Italia (insieme a Amrita), iscrivendosi alla Santa Annunziata, una scuola d’arte di Firenze.12

AMRITA SHER GIL 2/3 – Lei non rimase in quella scuola per lungo tempo, tornando in India nel 1924. A sedici anni, ha navigato verso l’Europa con la madre, per la sua formazione pittorica a Parigi. I suoi primi dipinti mostrano una significativa influenza delle modalità occidentali della pittura. Nel 1937, ha fatto un giro nel sud dell’India, realizzando la famosa trilogia di dipinti. La sua arte ha influenzato generazioni di artisti indiani. Queste pitture rivelano il suo appassionato senso del colore, e un’empatia ugualmente appassionata per i suoi concittadini indiani (spesso raffigurati nella loro povertà e disperazione).20

AMRITA SHER GIL 3/3 – Lei è stata molto influenzata dalle scuole in miniatura di pittura, influenze che sono evidenti nelle sue opere (come ad esempio nel Signore, Custodia e la Scena del Villaggio). Le sue ultime opere incompiute rivelano un movimento verso l’astrazione, incorporando colori ancora più ricchi di quelli che possiamo osservare nei suoi precedenti dipinti. Nel 1941, si ammalò gravemente, scivolando in coma. Morì intorno alla mezzanotte di un giorno di dicembre (probabilmente a causa di un aborto fallito e della successiva peritonite). Amrita è stato cremato il giorno dopo, a Lahore.a.MB logo

Puoi vedere di più in Meeting Benches, digitando

http://meetingbenches.net/2016/07/amrita-sher-gil-19131941-pittrice-indiana-lincredibile-maestra-del-colore/

 

 

Controllate anche

IL FANTASTICO NELL’ARTE – Paul Delvaux, un pittore in bilico tra il sapientemente infimo ed il fascinoso

Novecento, Surrealismo e paesaggi inquietanti Il museo che porta il suo nome, inaugurato nel 1982, …