Settembre 27, 2021 12:43 am
Breaking News
CASA » PITTORI » GLI OCCHI CHE CONOSCEVANO COSI’ BENE LA LUCE – Giovanni Segantini e il Puntinismo di fine ottocento

GLI OCCHI CHE CONOSCEVANO COSI’ BENE LA LUCE – Giovanni Segantini e il Puntinismo di fine ottocento

2post.1GIOVANNI SEGANTINI 1/3 – Guardando le opere di Segantini, sempre immerse tra atmosfere intense e quiete, ancora oggi noi possiamo vedere quell’uomo – un pittore italiano vissuto dentro la fine dell’ottocento – che contempla le montagne, un artista che percepiva la potenza della natura. Lui è considerato tra i migliori pittori della corrente divisionista italiana (una tecnica di pittura, che consiste nell’accostare i colori puri, applicandoli sulla tela a piccoli tratti separati), anche se soltanto dentro gli anni di una breve vita, lui ha saputo raccogliere la spiritualità che permeava la natura attorno a lui. La vita agreste degli uomini che sono al lavoro nei campi, i pascoli, la tosatura e la filatura, diventano i temi preferiti della sua pittura.8post.2
GIOVANNI SEGANTINI 2/3 – La sua tecnica divisionista componeva i soggetti che la natura gli offriva, con lunghe pennellate luminose, dentro grandi orizzonti paesaggistici. Lui è nato in un giorno di gennaio del 1858, ma presto rimasto senza genitori lui vive nella miseria e senza affetti, fino ad essere arrestato, all’età di 12 anni. Alla età di 18 anni, Segantini, inizia a vivere a Milano, diventando apprendista nella bottega di un decoratore (ma la sera, per quasi 3 anni, frequenta i corsi dell’Accademia di Brera), e nascono i suoi primi dipinti.
17post.3GIOVANNI SEGANTINI 3/3 – Nel 1880, lui conosce Bice, la sua compagna per tutta la vita, la madre dei suoi 4 figli. Giovanni Segantini ha la fortuna di incontrare Vittore Grubicy (pittore e mercante d’arte), che intuisce il talento di Giovanni, diventando la sua guida nel mondo dell’arte. Giovanni muore in un giorno di settembre del 1899, e la moglie lo ricorda con parole toccanti: “In arte non aveva ancora detta l’ultima sua parola. Si sarebbe forse trasformato ancora, ritrovando tutto se stesso, se la morte non avesse spento quegli occhi, che sapevano così bene la luce”.
a.MB logoPuoi vedere di più su Meeting Benches, guardando http://meetingbenches.com/2016/07/giovanni-segantini-18581899-italian-painter-the-color-purity-over-a-canvas-made-with-tiny-strokes-of-tenderness/

Controllate anche

LE RAFFIGURAZIONI UMANE DI UN ARTISTA INNOVATIVO – Jatin Das, le forme umane ed i colori carichi di sfumature emotive

Dipinti che gravitano intorno alla relazione uomo-donna Nel 2012 gli è stato conferito il più …