Settembre 26, 2021 11:36 pm
Breaking News
CASA » PITTORI » IL GAUGUIN DEL SUDAFRICA – Alexis Preller: dipingere in uno stile unico, isolato dai movimenti artistici

IL GAUGUIN DEL SUDAFRICA – Alexis Preller: dipingere in uno stile unico, isolato dai movimenti artistici

Un modo pittorico intessuto dalla mistica dell’Africa

Le migliori cose da fare a Pretoria? Entra nella Kruger House, l’antica dimora del presidente Paul Kruger, che divenne famoso guidando la guerra del Transvaal contro la Gran Bretagna. Hapo al Freedom Park è invece un museo che racconta la storia sudafricana. Perché andare ad Afroboer? È un posto classico dove andare per mangiarti uno shakalaka ai funghi o un panino boerewors. Al Pretoria Art Museum, la Collezione sudafricana http://www.tshwane.gov.za/sites/tourism/Pretoria-Art-Museum/Pages/The-Pretoria-Art-Museum.aspx include opere di Gerard Sekoto e Judith Mason, ma puoi provare a trovare anche qualcosa di Alexis Preller.

Tra influenze di Van Gogh e Piero della Francesca, i suoi lavori hanno sfumature di espressionismo e surrealismo. Alexis Preller https://www.invaluable.com/artist/preller-alexis-js0uw33oq9/sold-at-auction-prices/ aveva lavorato come impiegato, prima della sua carriera artistica. È nato un giorno di settembre del 1911 a Pretoria, poi si è trasferito in Inghilterra dove ha studiato arte. Nel 1935 si trasferisce a Parigi, visitando musei e gallerie d’arte, diventando gradualmente uno degli artisti più innovativi del suo tempo.

Maschere e conchiglie, manghi e uova erano oggetti di cui era fiducioso per la sua ispirazione artistica. Come uno degli artisti africani del 20° secolo, Alexis Preller considerava il suo stile come il veicolo di cui aveva bisogno per comunicare la sua visione. Quindi, la sua capacità immaginativa è stata fusa in un meraviglioso stile individuale. La sua linea di demarcazione tra immagine e simboli è stretta. Vicino alla sua capacità di creare un risultato piacevole, ogni suo dipinto è un esempio di tavolozza coloristica equilibrata.

Dalle sue osservazioni sulla vita tribale, sulle rovine sopravvissute, sui feticci e sui simboli ha trasformato un mito, come una tribù dimenticata. Il simbolismo che circonda il popolo Dogon, ha dato il volo alla sua immaginazione. Un viaggio in Italia e in Egitto, ha dato il suo impulso all’applicazione dei principi di immagini definite, come Alexis Preller aveva osservato anche nei dipinti rinascimentali del XV secolo. All’età di 64 anni, morì a Pretoria, in un giorno del dicembre 1975. Il riconoscimento per il suo lavoro è cresciuto, quindi una mostra delle sue opere in una galleria di Johannesburg del 2009 è stata offerta all’attenzione del pubblico.

Per ampliare l’orizzonte su altri pittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/pittori/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

LE RAFFIGURAZIONI UMANE DI UN ARTISTA INNOVATIVO – Jatin Das, le forme umane ed i colori carichi di sfumature emotive

Dipinti che gravitano intorno alla relazione uomo-donna Nel 2012 gli è stato conferito il più …