Breaking News
CASA » SCRITTORI » JUBIABA’ – Romanzo di Jorge Amado

JUBIABA’ – Romanzo di Jorge Amado

romance2.1La sua popolarità come scrittore non è mai diminuita. Il suo lavoro riflette l’immagine di un Mestiço Brasile, e quella immagine è segnata da sincretismo religioso. Lui rimane il più noto dei moderni scrittori brasiliani (con il suo lavoro tradotto in 49 lingue). Jorge Amado è nato in una fattoria vicino alla città di Itabuna (sud dello stato brasiliano di Bahia). Dalla sua esposizione alle grandi piantagioni di cacao, lui ha conosciuto la miseria delle persone che lavorano la terra, vivendo in condizioni di quasi schiavitù. A 18 anni, ha pubblicato il suo primo romanzo (Il Paese del Carnevale). E’ morto in un giorno di agosto, e le sue ceneri sono state sparse nel giardino della sua casa.romance1.1

Jubiabà ciò che ha consegnato a Amado una reputazione internazionale (un romanzo salutato da Albert Camus come un magnifico libro). Il libro racconta la storia di amicizia tra un povero bambino nero da Salvador de Bahia, e un prete Candomblé. Il romanzo prende in esame la cultura afro-brasiliana dello stato di Bahia, con molta enfasi sul Macumba, continuando il tema dello sviluppo della coscienza politica tra la classe operaia, dai suoi romanzi precedenti. Il protagonista, nonostante gli amori e le avventure vissute, è costretto a lavorare come uno scaricatore di porto. Questi sono tempi difficili, e il coinvolgimento nello sciopero generale lo vede protagonista in un ruolo insolito di umanità, da cui nascono dubbi proprio sulla figura del guru mitica Jubiabà (a contatto con il passato, ma incapace secondo lui, di immaginare un diverso futuro).

https://www.amazon.it/Jubiab%C3%A1-Jorge-Amado/dp/8806177184/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1469521800&sr=1-1&keywords=Jubiab%C3%83%C2%A1+Jorge+Amado

Controllate anche

SCRIVERE CON IRONIA LE DEBOLEZZE UMANE QUOTIDIANE – Gillian Tindall, una prosa lucida e formale, sciolta nel movimento

Riflessioni sull’interesse di una vita, nel recupero storico Se anche tu pensi che le librerie …