Settembre 24, 2021 10:22 pm
Breaking News
CASA » POESIE » QUANDO LE POESIE SONO CONFIGURATE MUSICALMENTE – Eduard Mörike

QUANDO LE POESIE SONO CONFIGURATE MUSICALMENTE – Eduard Mörike

Tutto ciò che ha scritto, ha sempre conservato il suo sapore caratteristico. Molte sue poesie sono anche state messe in musica. Era un poeta romantico tedesco della scuola sveva, nel sud della Germania. Eduard Moerike è nato a Ludwigsburg, ed ha studiato Teologia presso il Seminario di Tubinga (seguendo la carriera ecclesiastica e diventando un pastore luterano). Le sue poesie sono espresse in un linguaggio semplice e naturale. Per tutta la vita ha sofferto di malattie psicosomatiche, forse derivanti da un conflitto irrisolto tra le sue aspirazioni umanistiche ed i dogmi della chiesa. Ha lavorato con ritmi liberi, sonetti e metri classici. Molti dei suoi testi, sono stati messi in musica da Hugo Wolf. https://www.youtube.com/watch?v=nQ34etHOqeI

ALBORDO DEL BOSCO – Al bordo del bosco posso mentire per lunghi pomeriggi, nel prato ad ascoltare il cuculo. Sembra cullare tutta la valle a dormire con ritmo tranquillo, con i suoni lamentosi. Qui mi sento a mio agio e la mia peggior vessazione, la messa con la vanità degli altri, non può mai raggiungermi per infliggere dolore, e io stesso posso indulgere di mio gradimento. E se le persone belle potessero vedere solo, come generosamente i poeti possono trascorrere il loro tempo lontano, avrebbero imparato a me gli occhi con invidia. Per corona tesa del sonetto, è tessuto tra le mani di se stesso a quanto pare, mentre i miei occhi festeggiano scene distanti.

DORMIRE – Dormire! Dolce dormire! Niente è più come la morte di te, ti do il benvenuto su questo divano con me! Perché se vivere senza vita è così, come dolce deve essere! Così lontano dalla morte, ah, quanto sia facile morire deve essere!

AD UN VECCHIO DIPINTO – In un fiorito e verde paesaggio estivo, in prossimità dell’acqua fredda, giunchi e canne, ecco, come un bambino senza peccato gioca sfrenato sulle ginocchia della Vergine! E lì nei boschi sereni, ah, l’albero della croce, già verde!

A UN BAMBINO – Figlio mio, in quale guerra hai bisogno di perdere questi riccioli biondi? Un cespuglio di rose li strappò quando sei saltato! Difficilmente si sa, e anche sorridere. Dio voglia che nei tempi a venire, mai un dolore né alcuna altra perdita possa raggiungere il tuo giovane cuore più amaramente di quanto questa rapina mite deve avere costi.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altre persone di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: https://www.amazon.it/Poesie-Vittoria-Guerrini-Morike-Eduard/dp/B01BU7D3H8

Controllate anche

LA PUREZZA DI UN’ATTRAZIONE IMPENETRABILE – Maria Luisa Spaziani, versi sommessi dentro l’inferno dell’indifferenza

Scrivere è vivere e viceversa Poco prima di morire, Virginia Woolf le ha inviato un …