L’IMPORTANZA DELL’ARMONIA CROMATICA

La cultura pittorica post impressionista di Camillo Innocenti

Meeting Benches è un luogo di incontro e ispirazione dedicato a artisti, pensatori e sognatori di tutto il mondo. Qui, dove le persone possono condividere arte, storie e pensieri, le panchine virtuali fungono da punto di connessione. Se sei un appassionato d’arte o semplicemente curioso di esplorare un mondo di ispirazione e bellezza, questa è una destinazione digitale da non perdere. Le proprietà intellettuali delle immagini digitali che appaiono in questo blog, sono da riportarsi ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, come il pittore italiano Camillo Innocenti. Digita su pittori se vuoi conoscerne altri.

Camillo Innocenti, pittore italiano, nacque a Roma il 14 giugno 1871. Studiò al Liceo, poi entrò negli studi di Domenico Morelli a Napoli e Antonio Mancini a Roma. La sua formazione artistica iniziò con gli studi liceali, ma la sua vera passione per la pittura lo portò a fare apprendistato con Ludovico Seitz, un pittore e amico di sua madre. Durante questo periodo, Innocenti ebbe l’opportunità di studiare da vicino la grande pittura del passato, da Raffaello a Michelangelo. Ha completato i suoi studi artistici presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. La sua pittura si ispirò anche alla vita della donna moderna, con dipinti che raffigurano scene quotidiane come il suonare il pianoforte, versare il tè o acconciarsi i capelli. Compì numerosi viaggi di studio all’estero, tra cui un soggiorno a Parigi dal 1901 al 1903.

Alla Biennale di Venezia del 1903, Camillo Innocenti espone le sue opere divisioniste (con un’attenzione ai temi sociali). Fu nominato accademico presso l’Accademia di San Luca, e nel 1903 vinse la medaglia d’oro all’Esposizione Universale di Saint Louis con “Due donne”. La sua sensibilità poetica e l’attenzione ai dettagli sono evidenti nelle sue opere. Nei suoi primi lavori, si nota l’influenza di pittori italiani della seconda metà del XIX secolo, come Morelli, Michetti e soprattutto Antonio Mancini. Dopo il 1906, iniziò a concentrarsi sulla pittura di figure prevalentemente femminili. Tornato in Italia, dipinse paesaggi abruzzesi e sardi, e fece parte del gruppo dei XXV della campagna romana. Nel 1909, i suoi soggetti popolari, costituiti poco controbilanciati dall’iconografia della donna elegante e sofisticata – tratta da una serie di disegni pubblicati nel 1906 – erano diventati il ​​tema principale della sua attività artistica.

Nel 1915-18, come sottotenente, prese parte alla Prima Guerra Mondiale. Tornato in Italia (dopo un soggiorno in Spagna), Camillo Innocenti conobbe il puntinismo, che lo occupò per un certo periodo. Dipinse soggetti popolari locali dell’Abruzzo e della Sardegna. Dopo la prima guerra mondiale Camillo Innocenti fu chiamato al Cairo per ricoprire l’incarico di direttore dell’Accademia di Belle Arti. Quel lungo soggiorno in Egitto, alleviò l’ispirazione e la forza del suo lavoro. Perfezionò uno stile che fondeva elementi del naturalismo e dell’impressionismo. Le sue opere spesso ritraevano paesaggi rurali, scene di vita quotidiana e figure umane. Utilizzava colori vivaci e pennellate fluide per creare atmosfere suggestive. La sua pittura è caratterizzata da una sensibilità poetica e un’attenzione ai dettagli.

L’apice del suo successo arrivò nel 1910, quando fu apprezzato dall’alta società e dal mercato internazionale. Nel 1940 ritornò in Italia, ma i cambiamenti storici e sociali portati dalla guerra avevano cancellato il suo mondo. Nonostante tre mostre personali, sopravvisse in condizioni economiche difficili. Camillo Innocenti si è fatto interprete del gusto della belle époque, illustrandone gli ambienti e i riti sociali. Puoi ammirare il suo “The Green Shawl” al Brooklyn Museum. Sue opere si trovano in diverse collezioni, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma e la Galleria comunale d’arte di Cagliari. Alcune delle sue opere includono “Il giuramento di Pontida,” “Le villeggianti,” e “La Sultana“.

Instagram

Controllate anche

DOVE LE REGOLE SI DISSOLVONO E L’IMMAGINAZIONE PRENDE IL SOPRAVVENTO

Bandire il già visto e cercare una realtà non separata dal suo mistero Meeting Benches …