Settembre 26, 2021 11:06 pm
Breaking News
CASA » SCRITTORI » L’ISOLA DI ARTURO, ROMANZO DI ELSA MORANTE – Scrivere di una strana speranza che a volte indebolisce le coscienze, come fosse un vizio

L’ISOLA DI ARTURO, ROMANZO DI ELSA MORANTE – Scrivere di una strana speranza che a volte indebolisce le coscienze, come fosse un vizio

Quando nessun affetto nella vita uguaglia quello della madre

Forse anche per te, come per lei, la natura ti porta a considerare troppo arbitrari i giochi dell’imprevisto, a volte più di quel che sono. Romanziera, poetessa e autrice di libri per bambini, con il suo romanzo La storia è entrata nella Lista dei 100 migliori libri di tutti i tempi. Tranne un breve, Elsa Morante https://www.italialibri.net/autori/morantee.html risiedette a Roma, dove nacque nel 1912, fino alla sua morte avvenuta nel 1985. Ha iniziato a scrivere racconti in tenera età, basandosi sulla sua auto-educazione. Il suo primo libro Il Gioco Segreto fu pubblicato nel 1941, quando sposò il collega romanziere Alberto Moravia.

Dal romanzo L’isola di Arturo https://www.amazon.it/Lisola-Arturo-Elsa-Morante/dp/8806222643, scritto dalla scrittrice italiana Elsa Morante nel 1957, venne anche tratto un omonimo film ambientato nel 1938. Arturo, nato sull’isola di Procida e lì vive tutta l’infanzia e l’adolescenza, è il protagonista di questo racconto dentro un’isola che racchiude tutto il suo universo fantastico, un mondo connesso al padre, un italo tedesco per lui è sacro. Pagina dopo pagina, leggendo questo romanzo, scoprirai che l’amore vero è non ha nessuno scopo e nessuna ragione, e non si sottomette a nessun potere, fuorché alla grazia umana.

Il quindicenne Arturo Gerace, il protagonista del libro e narratore degli avvenimenti, era nato da Wilhelm Gerace e da un madre sconosciuta morta nel parto. Questo romanzo di Elsa Morante https://library.weschool.com/lezione/elsa-morante-romanzi-6504.html, è un’esplorazione della realtà, verso le sorgenti non inquinate della vita. L’isola nativa, rappresenta per lui una felice reclusione e, insieme, la tentazione verso terre ignote. L’isola di Procida è una scelta rischiosa, perché non si dà uscita dall’isola senza la traversata del mare materno.

L’unico scopo del sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini corrispondono ai loro autori. Se vuoi conoscere altri scrittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/scrittori/ per la novellistica e per la poesia https://meetingbenches.net/category/poesie/.

Controllate anche

A PROPOSITO DI VITA E MORTE INEVITABILE – Mo Yan: scrivi ciò che sai, in modo naturale per te

Un premio nobel, tra racconti segnati dall’appassionato umanesimo  Camminando per Pechino, scoprirai che esistono tre …