Breaking News
CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » MARIA IZQUIERDO (1902/1955), PITTRICE MESSICANA – Una donna che ha aperto la porta per molti artisti femminili

MARIA IZQUIERDO (1902/1955), PITTRICE MESSICANA – Una donna che ha aperto la porta per molti artisti femminili

LA PITTRICE CHE INTERPRETAVA L’ARTE COME MEZZO DI COMUNICAZIONE CON L’ANIMA

MARIA IZQUIERDO 1/3 – La maggior parte delle sue opere sono conservate all’estero, e molte altre opere sono perse. È conosciuta per essere stata la prima donna messicana ad aver portato proprie opere d’arte negli Stati Uniti. Era nata a San Juan de los Lagos (nello stato di Jalisco) http://www.visitasanjuan.mx/lugares/casa-de-la-cultura/ in un giorno d’autunno, ma dopo che a cinque anni perse il padre viveva con dei suoi parenti, con una educazione improntata al rispetto delle tradizioni cattoliche. Aveva già tre figli all’età di 17 anni, quando si era trasferita nella capitale messicana, dove abbandonò il marito (un colonnello dell’esercito), per sviluppare in libertà la sua evoluzione artistica. Nel 1928, aveva iniziato le sue lezioni presso Accademia delle Belle Arti di Città del Messico, dove aveva partecipato alla sua prima mostra d’arte, mostrando tre dei suoi dipinti. Nel 1931 lasciò l’Accademia, frustrata con l’arte della scuola, centrata esclusivamente sul cambiamento politico. https://www.amazon.com/True-Poetry-Art-Maria-Izquierdo/dp/1879128152

MARIA IZQUIERDO 2/3 – I suoi auto-ritratti spesso la mostrano in indumenti tradizionali messicani. Diego Rivera, la descrisse come una delle figure più interessanti della scena artistica di quella nazione. Dopo aver lasciato l’Accademia, un istruttore ha continuato ad aiutarla, condividendo per quattro anni uno studio con il giovane artista. A quel tempo, le riforme messicane avevano richiamato molti artisti talentuosi, che affrontavano l’importanza dei valori tradizionali con la creazione di murales. A causa della sua amicizia con il poeta Antonin Artaud, nel 1936 abbracciò alcuni principi del surrealismo. Nel 1940, la sua arte fu esposta a Parigi e al Museo di Arte Moderna di New York. Nel corso di tutta la vita, si impegnò a dipingere, mostrando l’orgoglio delle sue radici messicane https://www.mutualart.com/Artist/Maria-Izquierdo/44050BE31FC81F0C/Artworks Ispirandosi all’arte devozionale ed anche ai pittori francesi, ci ha lasciato dipinti che hanno estrema semplicità, illustrandovi altari e cavalli, ritratti e circhi.

MARIA IZQUIERDO 3/3 – Lei ha interpretato l’arte come uno strumento di comunicazione con l’anima. Conosciuta per l’uso di colori vivaci, ha quasi esclusivamente realizzato dipinti fatti con pitture a olio o acquerello. Non si è mai identificata come pittore surrealista (ma molti dei suoi quadri contengono argomenti insoliti). Invece di dipingere messaggi politici, ha dipinto immagini che erano radicate nelle tradizioni messicane, con il talento straordinario di un indiano tarasco, proveniente da un villaggio messicano nel cuore del Messico. Gli ultimi anni furono dolorosi, ma non smise di dipingere fino a che non fosse fisicamente incapace. Ha sofferto di ictus, morendo nel 1955. I suoi resti ti aspettano nel Pantheon del cimitero di Dolores, dal novembre 2012 http://www.pulsodf.com.mx/panteon-civil-de-dolores-su-historia-y-leyendas/

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://meetingbenches.net/2017/05/viaggio-messicano-larte-attraversare-messico-osservare-la-sua-evoluzione-pittorica-dai-murales-allastrattismo/

Controllate anche

IL VERISMO PITTORICO DI UN PIEMONTESE – Carlo Pittara, un grande pittore naturalista

Fedele a un’interpretazione visiva del reale Nato a Torino nel 1835, Carlo Pittara https://www.valutazionearte.it/artisti/pittara-carlo/ vi …