Breaking News
CASA » POESIE » MI SIEDO PACIFICAMENTE, CON IL MIO LIBRO – Edward James / Quando presto le idee comincerò a vedere.

MI SIEDO PACIFICAMENTE, CON IL MIO LIBRO – Edward James / Quando presto le idee comincerò a vedere.

Medicami con una pila di pacifiche lettere.

Quando suo padre morì, ereditò una enorme tenuta nel Sussex. EDWARD JAMES fu presumibilmente figlio del Principe di Galles. Era nato a West Dean House (Sussex) in un giorno di agosto del 1907. Cresciuto, divenne un poeta britannico, meglio conosciuto per il suo patrocinio del movimento artistico surrealista. Nei primi anni ’30 sposò una ballerina austriaca, e realizzò diverse produzioni create appositamente per lei. Quattro anni dopo divorziò, accusandola di adulterio. Fornì aiuto pratico a Dalì e permise a Magritte di rimanere nella sua casa londinese per dipingere, diventando così un sostenitore del Surrealismo (un movimento pieno di fantasia e irrazionalità).

In una foresta pluviale subtropicale nelle montagne del Messico, visitando Las Pozas (“vicino al villaggio di Xilitla, San Luis Potosí), si può ammirare un grande giardino da lui creato: cascate naturali e piscine, intrecciate con sculture surrealiste in cemento. Per realizzare tutto questo, vendette all’asta la sua collezione di arte surrealista. Nel 1964, EDWARD JAMES ha donato la sua tenuta inglese (che comprendeva West Dean House al West Dean) a un fondo di beneficenza, ed è sepolto nel St Roche’s Arboretum a West Dean, con una semplice iscrizione. La pietra è stata scolpita da John Skelton.

IO HO VISTO – Ho visto tanta bellezza come raramente ha visto un uomo; perciò sarò grato di morire in questa stanzetta, circondata dalle foreste, la grande oscurità verde degli alberi, la mia unica oscurità, e il suono, il suono del verde. Qui nel caldo della pioggia, ciò che avrebbe potuto essere è risolto nella tenerezza di un alto destino che dice: “Hai fatto del tuo meglio, riposati” – e dopo di te la fioritura di ciò che hai amato e piantato continuerà a sussurrare cosa vuoi dire. E i fantasmi degli uccelli che ho amato, mi accompagneranno ciascuno da un amico; come loro devo aver volato oltre il regno delle parole. Tu, attraverso gli alberi, li sentirai, molto dopo la fine che mi chiama oltre il fiume. Perché le grida degli uccelli continuano, come, difese dal corteo delle loro ali, la mia anima tra strani silenzi ma canta ancora.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: https://www.amazon.com/Poems-Edward-James-Reed/dp/1145860036

Controllate anche

SCRIVERE DI POESIA, CON ERUDIZIONE E AGGRAZIATO DISTACCO – John Hollander, una presenza formidabile nella vita letteraria americana

Quando una poesia soddisfa anche l’orecchio Nato nel 1929 a Manhattan da genitori ebrei immigrati, …