MODA, DIPINTI AD OLIO E MODELLE ACCARTOCCIATE

I dipinti fotorealistici di Stefania Fersini che reinterpretano le pagine di moda

Sedersi su una panchina tematica di Meeting Benches è prendersi una pausa dalla frenesia quotidiana, un invito a rallentare, guardarsi intorno e vedere la bellezza che ti circonda. Poiché l’arte non dovrebbe limitarsi a un singolo genere o stile, piuttosto, abbracciare le diversità di qualsiasi genere di espressione creativa, sulle sue panchine trovi una varietà di narrazioni che spaziano dalle opere d’arte agli influencer. Essendo un luogo in cui le barriere geografiche si dissolvono e le persone si connettono, ispirano e condividono, prova anche tu a guardare oltre, immergiti nel fascino della creatività senza confini di razza, religione o genere, come quella creata da Stefania Fersini. Digita su pittori, se vuoi conoscerne altri.

Diversi influencer hanno fatto passi da gigante nello sfidare le norme di bellezza tradizionali. Essi utilizzano le loro piattaforme per ridefinire la bellezza, promuovere la fiducia in sé stessi e incoraggiare l’autenticità. Il loro impatto va oltre l’estetica, favorendo un mondo più inclusivo e compassionevole. Lizzo, la cantante vincitrice di un Grammy e sostenitrice della positività corporea, promuove costantemente l’amor proprio e l’accettazione; celebrando le sue curve, incoraggia i fan ad abbracciare il proprio corpo e sfida gli standard di bellezza della società. In qualità di modella e attivista transgender, sostenendo l’inclusività e respingendo gli stereotipi dannosi, Munroe Bergdorf utilizza la sua piattaforma per affrontare questioni legate alla razza, al genere e alla bellezza.

Jameela Jamil, l’attrice e fondatrice del movimento “I Weigh”, preferisce incoraggiare le persone a concentrarsi sui propri risultati e sulle qualità interiori piuttosto che sul proprio aspetto; in questo modo, richiama la cultura della dieta dannosa e promuove la neutralità del corpo. Ashley Graham, sostenitrice della diversità del corpo e dell’accettazione di sé, quale modella plus size e attivista del corpo ha optato per abbellire copertine di riviste e passerelle, sfidando la ristretta definizione di bellezza del settore. Incoraggiando i suoi follower ad abbracciare la loro unicità, Nabela Noor, influencer bangladese-americana, parla apertamente delle sue esperienze con l’immagine corporea, la salute mentale e l’accettazione di sé.

Il termine “Crumpled fashion models” potrebbe riferirsi a un’opera d’arte o a una rappresentazione creativa nel mondo della moda. Tuttavia, digitando un qualsiasi motore di ricerca non potrai trovare un significato specifico associato a questo termine. In alternativa, potrebbe interessarti sapere che l’artista italiana Stefania Fersini crea dipinti fotorealistici che reinterpretano le pagine di riviste di moda patinate. Invece di ricreare scatti di modelle perfettamente posate, le rappresenta su pagine di riviste sgualcite, con immagini deturpate da pieghe, grinze e riflessi di luce.

Vogliamo parlarti di una influencer, una donna che crea dipinti fotorealistici finalizzati a reinventare le pagine patinate delle riviste di moda. Invece di rappresentare modelli in posa perfetta, Stefania Fersini ritrae su pagine di riviste accartocciate le loro immagini deturpate da increspature, pieghe e strisce di bagliore. Le sue opere servono come meditazioni sulle rappresentazioni delle donne nei mass media, sfidando la superficialità della bellezza idealizzata rivolta ai consumatori. Le pagine accartocciate di questa artista italiana evocano rabbia e violenza, mentre strappi e rughe minuziosamente ricreati evidenziano il desiderio ossessivo e l’invidia generati da tali immagini. Alla fine, quei volti e i corpi perfetti appaiono fratturati, rivelando la trasformazione delle giovani donne in merci per il consumo e il profitto.

I dipinti accartocciati delle modelle di Stefania Fersini offrono un commento stimolante sulla positività del corpo nel settore della moda. Distorcendo le immagini delle riviste patinate, infatti, sfida volutamente gli standard di bellezza idealizzati perpetuati dai mass media. Le pagine spiegazzate simboleggiano la pressione e il controllo affrontato dai modelli, mentre le imperfezioni rivelano l’umanità dietro la facciata impeccabile. In definitiva, questa donna creativa spinge gli spettatori a mettere in discussione l’impatto di tali immagini sull’autostima e sull’immagine corporea. L’artista italiana crea accattivanti dipinti ad olio che reinterpretano i ritratti delle riviste di moda. Il suo lavoro offre meditazioni sulle rappresentazioni delle donne nelle riviste di moda ed esplora il nodo consumistico dell’apparenza. I dipinti di Fersini sono caratterizzati dalla loro qualità fotorealistica e spesso inizia con pagine strappate da riviste come Love, The Wild e Wonderland. Questi dipinti ad olio raffigurano modelli a grandezza naturale anziché nelle proporzioni tipiche delle riviste, invitando gli spettatori a riflettere sulle proprie aspirazioni e sull’immagine di sé. La continua oscillazione tra il coinvolgimento conscio e quello subconscio con queste immagini crea un effetto ipnotico, incoraggiando l’introspezione personale sull’individualità e sui valori sociali.

Stefania Fersini, artista visiva italiana con una forte inclinazione per la pittura e le installazioni artistiche, ha creato pezzi accattivanti che reinterpretano le pagine delle riviste di moda. Il suo stile di lavoro? Recupera le pagine scartate dai rifiuti, poi le ingrandisce e le copia tratto dopo tratto. Ecco alcune opere degne di nota: “Trash“, una serie dove lei riproduce meticolosamente le pagine danneggiate delle riviste di moda, ma quelle che sembrano pagine accartocciate sono in realtà dipinti ad olio iperrealistici. Il suo “Specchio“, invece, è stato esposto in varie sedi, tra cui il Museo Casa Mollino ad Artissima Torino e Casa Atelier Fornasetti a Milano. Per concludere, “Vanitas“, altro pezzo intrigante che è stato esposto al Palazzo Reale di Milano.

Instagram

Controllate anche

DOVE LE REGOLE SI DISSOLVONO E L’IMMAGINAZIONE PRENDE IL SOPRAVVENTO

Bandire il già visto e cercare una realtà non separata dal suo mistero Meeting Benches …