Settembre 27, 2021 12:50 am
Breaking News
CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » NON PAURA – La poetica di un professore rivoluzionario

NON PAURA – La poetica di un professore rivoluzionario

Rafael Sebastián Guillén Vicente (identificato come Subcomandante Marcos), è nato Tampico alle porte dell’estate del 1957. Lui, il figlio del proprietario di una catena di mobili, ha studiato in una scuola dei Padri Gesuiti, poi frequentando. Nel 1981 è stato uno dei cinque studenti del dipartimento universitario di lettere e filosofia ad aver ricevuto la medaglia nazionale dell’eccellenza. Come molti della sua generazione, è stato radicalizzato dagli eventi del 1968, diventando militante in un’organizzazione maoista. Un suo famoso idolo politico, è il rivoluzionario argentino Ernesto Guevara, militante nella rivoluzione cubana. Non ha mai ufficialmente confermato o negato di essere il capo di un movimento rivoluzionario.

Le sue azioni sono legate agli ideali marxisti di Antonio Gramsci, (popolari in Messico durante il suo tempo all’università). Professore messicano e Subcomandante Marcos dell’esercito nazionale di liberazione di Zapatista, ha lanciato una rivolta nel 1994 trasformandosi successivamente in movimento politico per la difesa dei popoli indigeni del Messico. Gran parte di ciò che ha scritto (poesie, discorsi e lettere), è stato raccolto in un libro: “La nostra parola è la nostra arma”. Diventato un’icona internazionale ribelle, RAFAEL GUILLEN è diventato un autore di romanzi e poesie.

NON PAURANon paura. Forse, là fuori da qualche parte, la possibilità di paura. Il muro che potrebbe cadere, perché è certo che dietro di sé è il mare. Non la paura. La paura ha un volto. È esterno, concreto, come un fucile, un colpo di tiro, un bambino sofferente, come l’oscurità che è nascosta in ogni bocca umana. Non paura. Forse solo il marchio della progenie della paura. È una strada stretta e interminabile con tutte le finestre scurite, un filo spinato da una mano appiccicosa, amichevole, sì, non un amico. È un incubo di rituale gentile che indossa una paura. Non paura. La paura è una porta sbattuta nel tuo volto. Parlo qui di un labirinto di porte già chiuse, con ragioni presunte per essere, o meno, per categorizzare sfortuna o bene, pane, espressione, tenerezza e panico e frigidità per i bambini che crescono. E il silenzio. E le città, scintillanti, vuote. E la mediocrità, come una lava calda, si diffondeva sul grano, sulla voce e sull’idea. Non è paura. La paura reale non è ancora arrivata. Ma lo farà. È il doppio pensare che crede che la pace sia solo un altro movimento. E lo dico con sospetto, in cima ai miei polmoni. E non è paura, no. È la certezza che sto scommettendo, su una sola carta, tutto il pagliaio che ho accumulato, paglia da paglia, per il mio collega.

https://www.amazon.it/MARCOS-SUBCOMANDANTE-COLLANA-I-LEADERS/dp/8871110366/ref=sr_1_3?s=books&ie=UTF8&qid=1501407457&sr=1-3&keywords=subcomandante+marcos

Controllate anche

LA PUREZZA DI UN’ATTRAZIONE IMPENETRABILE – Maria Luisa Spaziani, versi sommessi dentro l’inferno dell’indifferenza

Scrivere è vivere e viceversa Poco prima di morire, Virginia Woolf le ha inviato un …