Breaking News
CASA » POESIE » STELLE SOPRA LA DORDOGNA – Pallide, offuscate dal molto viaggiare

STELLE SOPRA LA DORDOGNA – Pallide, offuscate dal molto viaggiare

Nata nel 1932 in Massachusetts da genitori della classe media, Sylvia Plath ha pubblicato la sua prima poesia all’età di otto anni. Era una persona sensibile, che tendeva ad essere un poco perfezionista, ed era quello che molti considerano una figlia modello. Aveva vinto una borsa di studio dello Smith College nel 1950 (anche allora aveva un invidiabile lista di pubblicazioni). Nel 1956 sposò un poeta inglese, e nel 1960 pubblicò il suo primo libro: Il Colosso in Inghilterra. Nell’inverno 1962-1963, aveva vissuto in un piccolo appartamento di Londra, con i suoi due figli, malati d’influenza. Le difficoltà nella sua vita avevano rafforzato il suo bisogno di scrivere (lei avrebbe voluto finire almeno una poesia al giorno). https://www.amazon.it/Tutte-poesie-Testo-inglese-fronte/dp/8804625759 Nelle sue ultime poesie, alla morte viene dato un dolore crudele, che diventa quasi tattile. Nel 1963, è riuscita a uccidersi con il gas da cucina. Due anni dopo, è stata pubblicata una raccolta di alcune delle sue ultime poesie. http://meetingbenches.net/2017/03/osservando-la-dordogna-dipinti/

STELLE SOPRA LA DORDOGNA http://meetingbenches.net/2017/03/paesaggi-dellanima-dordogna/

Le stelle sono stanno diminuendo di spessore come pietre sugli alberi le cui sagome sono più scure del buio del cielo, perché del tutto privo di stelle. I boschi stanno bene. Le stelle cadono in silenzio. Sembrano grandi, ma cadono, e nessun divario è visibile. Né mandano su incendi dove cadono, o qualsiasi segnale di disagio o ansia. Sono mangiate immediatamente dai pini.

Dove sono a casa, soltanto le stelle più sparse arrivano al crepuscolo, e poi, dopo qualche sforzo. E sono pallide, offuscate dal molto viaggiare. La più piccola e timida mai arrivare a tutti, ma rimane, seduta lontano, nella loro polvere. Sono orfani. Non riesco a vederli. Sono persi. Ma stasera hanno scoperto questo fiume senza problemi, sono pulite e sicure di sé come i grandi pianeti.

Il Grande Carro è il mio unico familiare. Mi manca Orion e la sedia di Cassiopea. Forse sono appesi timidamente sotto l’orizzonte costellato, come un troppo semplice problema matematico di un bambino. Un numero infinito sembra essere il problema lassù. Oppure sono presenti, e il loro travestimento così brillante io sto sottovalutando, cercando troppo. Forse è la stagione che non è giusta.

E se il cielo qui non è diverso, è che i miei occhi stanno affilando se stessi? Un tale lusso di stelle mi imbarazza. Le poche alle quali sono abituata sono semplici e durevoli; penso che non vorrebbero questo fondale elegante, o molta più compagnia o la mitezza del sud. Sono troppo puritana e solitaria per questo, quando una di loro lascia uno spazio.

Un senso di assenza nel suo vecchio posto brillante. E dove mi sdraio adesso, di nuovo alla mia stella scura, vedo quelle costellazioni nella mia testa, non riscaldate dalla dolce aria di questo pescheto. C’è troppa facilità qui; queste stelle mi trattano troppo bene. Su questa collina, con la sua vista di castelli illuminati, ogni campana oscillante è contabilità per la sua mucca. Ho chiusi gli occhi e bevo il piccolo freddo della notte come notizie di casa.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altre persone di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare:

Controllate anche

IL CUORE DI UNA DONNA – Maya Angelou, la donna che sa perché l’uccello in gabbia canta

Non c’è agonia più grande che portare dentro di te una storia non raccontata Sulle …