Breaking News
CASA » PITTORI » UN PIONIERE DELL’ARTE MODERNA SUD COREANA – Park Rehyun: non è difficile avere l’arte nella mente

UN PIONIERE DELL’ARTE MODERNA SUD COREANA – Park Rehyun: non è difficile avere l’arte nella mente

Se nella ricerca dell’arte studi dipinti tradizionali

Nel 1958, disse che non è difficile avere l’arte nella mente, perché quando un flusso prezioso inizia a muoversi con le tue emozioni è un segno che il mondo dell’arte porta alla tua mente. In occasione del centenario della sua nascita, è stata presentata una retrospettiva al Deoksugung National Museum of Modern and Contemporary Art. Nata nella città di Jinnampo (Pyongan), Park Rehyun https://www.artforum.com/preview/park-rehyun-83597 si è diplomata nel 1937 ed è entrata alla Tokyo Women’s School of Fine Arts nel 1941. Dopo essersi sposata con un celebre artista nel 1946, presentò i suoi lavori in varie mostre, utilizzando materiali orientali creò opere d’arte in stile occidentale. Dopo il matrimonio, ha cercato di bilanciare la sua vita domestica con la sua carriera artistica.

Negli anni ’60 visitò Taiwan, Hong Kong e il Giappone, assistendo alla marea dell’arte astratta. Ha cercato di trarre ispirazione dalla vita quotidiana, anche crescendo quattro figli. La sua seconda mostra personale è stata nel 1974, quando ha presentato le sue opere con il marito. È stata una delle artiste più innovative del Novecento. Rifiutando i pregiudizi contro le donne, Park Rehyun è diventata una vera e propria pittrice pioniera, con un suo metodo di lavoro che ha concretizzato tonalità sensuali e immagini fini. Morì a Seoul di malattia, nella sua residenza nel distretto di Seongbuk https://www.mmca.go.kr/eng/exhibitions/exhibitionsDetail.do?exhId=202001140001249. Si rese conto che, espandendo i propri metodi di espressione in modi sorprendenti, la tecnica aveva migliorato la sua abilità artistica.

Contemplando bellezza coreana e arte moderna occidentale, ha costantemente esplorato un suo proprio percorso creativo, ricevendo attenzione, indipendentemente dalla fama artistica del marito. Negli anni ’40, Park Rehyun http://www.artnet.com/artists/park-rehyun/ si è concentrata sui dipinti giapponesi e quelli concernenti figure. Gli anni ’50 la videro al lavoro con i materiali tradizionali della pittura orientale, producendo dipinti semi astratti che interpretavano il suo modo di percepire il cubismo. Relativamente agli anni ’60, sperimentò l’astrattismo, mentre negli anni ’70 rivolse la propria attenzione a stampa e disegno creativo. In giro per l’Africa, ha scoperto la bellezza dell’artigianato indigeno e degli antichi manufatti provenienti da varie regioni.

Cercando di sfuggire ai limiti sull’uso coreano dell’arte della carta, è rimasta affascinata da diverse tecniche di stampa molto dettagliate e concrete. La sua pittura a inchiostro e acqua, incentrata sui campi di colore, si differenzia dallo stile caratteristico del marito. Parco Rehyun https://baikart.com/blog/2021/1/13/spotlight-park-rehyun ha fatto il suo debutto artistico in una mostra d’arte del 1943. Dopo aver guadagnando ampia attenzione, ha ricevuto il primo premio a una mostra nazionale d’arte della Corea. Ha partecipato a mostre d’arte fino ai primi anni ’60, tra cui la Biennale di San Paolo, visitando in quell’occasione alcuni paesi dell’America Latina. Dopo aver soggiornato in Messico, a New York City si è dedicata all’approfondimento delle tecniche inerenti arazzo e incisione.

Per ampliare l’orizzonte su altri pittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/pittori/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog sono da riportarsi ai loro autori.

Controllate anche

QUALCOSA DI LUMINOSO E DIVERTENTE – Yuki Ogura, un artista molto prolifico

Una giapponese, moderna e contemporanea La sua pittura del dopoguerra rivela un’altra svolta nello stile …