Breaking News
CASA » PITTORI » MAN RAY (1890/1976), ARTISTA DADAISTA AMERICANO – Non curante, ma non indifferente

MAN RAY (1890/1976), ARTISTA DADAISTA AMERICANO – Non curante, ma non indifferente

La creatività? Solo la determinazione per realizzare i miei sogni

Pesaggio (Paysage Fauve), un suo acquerello su carta del 1913 (35,2 x 24,6 cm), si può ammirare allo Smithsonian American Art Museum. Era un rinomato fotografo di moda e ritrattista. Ha prodotto opere importanti in una varietà di media, ma si considerava soprattutto un pittore. Questo esponente del Dadaismo statunitense era nato a Filadelfia, crescendo la propria vocazione artistica come pittore, fotografo e grafico. Crescendo a New York, MAN RAY aveva rifiutato una borsa di studio scolastica, preferendo lavorare come disegnatore. Nel 1912, aveva iniziato a firmare le sue opere con lo pseudonimo “Man Ray”. Due anni dopo aveva comperato la sua prima macchina fotografica. Venne seppellito nel cimitero parigino di Montparnasse, dove nel suo epitaffio puoi leggere: “Non curante, ma non indifferente.”

La sua più famosa opera è “Cadeau” (un ferro da stiro in ghisa a cui lui aveva incollato 14 chiodi, rendendolo così inutilizzabile. Nel 1919, MAN RAY dipingeva le sue prime immagini con un aeropenna (uno strumento di ritocco di uso comune per un grafico disegnatore). La seconda guerra mondiale lo costringe nel 1940 a tornare negli Stati Uniti, dove trasferitosi a Los Angeles insegna fotografia e pittura in un college. http://www.sothebys.com/en/news-video/videos/2014/10/surreal-life-man-ray.html Finita la guerra ritorna a Parigi, dove vivrà fino alla sua morte, continuando a dipingere e fotografare.

A Parigi, nel 1921 MAN RAY conosce Philippe Soupault, che lo ospita nella sua libreria dove venne accolta la sua prima mostra, con un successo che era anche il frutto della sua abilità come fotografo. https://www.youtube.com/watch?v=Fl4U01zKI0I Nel 1924 nasce ufficialmente il surrealismo, e lui ne è il fotografo ufficiale, quello che si innamora di una cantante francese, sua futura modella fotografica preferita. Nel 1925, insieme a Jean Arp, Joan Miró e Pablo Picasso, il suo lavoro fu rappresentato in una galleria dèarte parigina nella prima esposizione surrealista.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://www.arte.rai.it/articoli/man-ray-un-artista-poliedrico/5989/default.aspx

Controllate anche

I DIPINTI INTERCULTURALI DI UN ARTISTA FILIPPINO – Ronald Ventura e la sua fusione di realismo, cartoni animati e graffiti

Le complesse relazioni interculturali del paese in cui nasci Attraverso un approccio culturalmente permeabile, le …