Breaking News
CASA » VIAGGI D'AUTORE » CREATIVITA ITALIANA, ANCHE CUCENDO GIRASOLI PER BOTTONI – Viaggio nella creatività contemporanea, scoprendo l’arte italiana del rinascere

CREATIVITA ITALIANA, ANCHE CUCENDO GIRASOLI PER BOTTONI – Viaggio nella creatività contemporanea, scoprendo l’arte italiana del rinascere

Artisti italiani, tra generi e modalità espressive, aperti ai linguaggi della creatività

Il suo nome ha la magia nelle sue stesse sillabe, perché la cultura italiana è così profondamente intrisa di apprezzamento per le cose belle della vita. Il Giro d’Italia è una corsa a tappe maschile di ciclismo su strada. Istituita nel 1909, si svolge annualmente lungo le strade italiane. Il suo percorso si snoda su tappe in pianura, montagna e collina. Un programma televisivo della Rai, Viaggio nell’Italia del Giro precede le sue tappe, parlando di luoghi e persone, ma anche offrendoti la possibilità di conoscere le suggestioni che animano la piccola Italia dei paesini e della gente qualunque. Comprati Indro al giro: Viaggio nell’Italia di Coppi e Bartali – cronache del 1947 e 1948 https://www.amazon.it/Indro-giro-Viaggio-nellItalia-cronache-ebook/dp/B01EWWYQCE, un libro di Indro Montanelli dove scoprirai che la sconfitta è a volte più nobile della vittoria.

Con le parole di Leonardo da Vinci, quando camminerai sulla terra dopo aver volato, guarda il cielo, perché là sei stato e là vorrai tornare. La capacità di volare con l’intelletto a volte si esprime genialmente con la musica proprio come è accaduto a tre ragazzi italiani. All’inizio, dei componenti del loro volo musicale, il più grande non aveva neanche 16 anni, mentre gli altri due avevano circa 14 anni. Il trio si era costituito nel 2009, durante la partecipazione alla seconda edizione di un talent show canoro per bambini. Con stile e arrangiamenti moderni, interpretavano brani di musica classica. Due tenori e un baritono hanno formato Il Volo https://www.ilvolomusic.com/, un gruppo musicale composto da Piero Barone un siciliano di Naro, il bolognese Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble di Roseto degli Abruzzi.

Nel 2019, con un corso di scrittura creativa, l’isola di Pantelleria è diventata meta del turismo al femminile https://destinazioneumana.it/viaggi/corso-di-scrittura-creativa-a-pantelleria/. Potrebbe essere una opzione per lo sviluppo della tua creatività, a metà strada tra viaggio organizzato e arbitrarietà dell’imprevedibile. Forse anche per te, come per una scrittrice romana, la natura ti porterà a considerare i giochi dell’imprevisto. Romanziera, poetessa e autrice di libri per bambini, con il suo romanzo La storia è entrata nella Lista dei 100 migliori libri di tutti i tempi. Tranne un breve periodo durante la seconda guerra mondiale, Elsa Morante https://www.italialibri.net/autori/morantee.html risiedette a Roma, dove nacque nel 1912, fino alla sua morte avvenuta nel 1985. Ha iniziato a scrivere racconti in tenera età, basandosi principalmente sulla sua auto-educazione. Il suo primo libro Il Gioco Segreto fu pubblicato nel 1941, quando sposò il collega romanziere Alberto Moravia.

Senza mai dimenticare (come ricorda Giorgio Armani), che non è moda finché non è venduta, la creatività di un fashion designer produce valore anche attraverso caotiche forme di originalità e armonia. Anticonformista stilista nato in una piccola città lombarda, amava essere considerato pittore e decoratore. Per finanziare i suoi studi, lavorò come illustratore di moda free-lance per case di moda e riviste. Franco Moschino https://www.moschino.com/eeu_en/ era nato ad Abbiategrasso (Lombardia), si era interessato all’arte e si era trasferito a Milano, dove si iscrisse all’Istituto Marangoni https://www.istitutomarangoni.com/it/. Dopo aver completato gli studi, nel 1971 divenne illustratore per Gianni Versace, poi disegnò per l’etichetta italiana Cadette. Amava modificare irriverentemente i capi tradizionali, anche cucendo girandole al posto dei bottoni.

Alcune fotografie di un siciliano dall’occhio attento ti piaceranno sicuramente, perché ti smuovono dentro, spesso con tutti i sensi. Avere occhio https://www.ariafotografica.it/ significa caricare emozionalmente delle immagini. Tra le sue pubblicazioni, ci sono libri sui manufatti tradizionali siciliani. Le sue fotografie in bianco e nero raffigurano aspetti pubblici della vita siciliana. C’è il mondo visto dalla Sicilia nei suoi scatti fotografici, dove ha catturato le meravigliose immagini delle piccole strade di Palermo, dove i bambini della Kalsa giocano con la pistola ricevuta in dono per la festa dei morti.  Nato nel 1924 a Palermo, Enzo Sellerio https://www.electa.it/prodotto/enzo-sellerio-fotografo/ studiò legge e divenne fotografo a tempo pieno nei primi anni ’50. A metà degli anni ’60 lavorò come libero professionista negli Stati Uniti per le riviste Vogue e Fortune, poi passando all’editoria.

La lettura degli oggetti artistici necessita di analisi e interpretazione. Con il pittore Jan Vermeer, puoi osservare ambienti e oggetti quotidiani della pittura del Seicento, così come con Giorgio Morandi quelli del suo Novecento. Diventato uno dei più originali protagonisti della pittura italiana del Novecento, è ancora oggi considerato tra i maggiori incisori mondiali di quel secolo. Fu influenzato dalle opere di Cézanne e Picasso. Nato a Bologna nel luglio del 1890 https://www.focus.it/cultura/arte/giorgio-morandi, studiò all’Accademia di Belle Arti di Bologna, studiando libri su Rembrandt. Visitando Firenze, le opere dei pittori Giotto, Piero Della Francesca e Paolo Uccello gli fecero una profonda impressione. Dopo la digressione in stile futurista nel 1914, fu istruttore di disegno per scuole elementari di Bologna, fino al 1929.

Il primo passo è creare una trama che leghi i disegni. Venti pagine di un romanzo possono essere concentrate in una tavola. Un fumettista crea giornaletti, albi e storie che – con immagini e testo – hanno una narrazione. Un fumetto ha anche ispirato un film, uno spettacolo radiofonico, una serie TV animata e innumerevoli parodie. Due sorelle italiane, Angela e Luciana Giussani, sono diventate famose per Diabolik, la loro serie di fumetti antieroi creata nel 1962, che ha venduto oltre 150 milioni di copie. La storia di Diabolik, super star dei fumetti italiani, coincide con quella di due sorelle della buona borghesia milanese.

L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, per consentire ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/viaggi_dautore/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

LE MOLTE SFACCETTATURE DI UNO SPAGNOLO CHE NON DIVENTÒ SCRITTORE – Eduardo Arroyo e la sua arte neo-figurativa

Quando una parola è un’immagine, e un dipinto è una parola Grazie alla sua collezione …