Breaking News
CASA » BIBLIOTECA » LIBRERIA POETICA / SICILIA

LIBRERIA POETICA / SICILIA

poesie1-1Tutti amano viaggiare, ma non tutti amano farlo allo stesso modo. Tutto quello che devi fare è averne il tempo, dentro la tua vita. Meeting Benches. Il modo per rendere il mondo migliore è facile. Scegli la panchina dove pubblicare ciò che hai pitturato o scritto, la recensione di un libro che hai letto o la storia di un viaggio che hai fatto. Passato e Presente sono qui ed ora. La nostra proposta invita ogni web-viaggiatore a sedere in Meeting Benches info@meetingbenches.com per condividere emozioni, osservando nuovi orizzonti creativi, anche leggendo libri e poesie italiane.poesie2-1

Il livello della scuola siciliana, aveva unito molti tratti tipici del siciliano e latino, provenzale e in misura minore pugliese. E’ la cosiddetta “scuola siciliana” – quella che fiorì sotto Federico II a Palermo (in Sicilia) – la prima traccia scritta della poesia italiana, e risale al 1200. Durante la prima parte del XIII secolo, ha attratto poeti alla sua corte da molte parti della penisola italiana, ma con la sua morte, il centro culturale cominciò lentamente a spostarsi lontano da Palermo. Il fattore di inibizione principale della poesia siciliana, è stata la censura politica imposta da Federico II. Quindi, come si può leggere, si tratta non è una sorpresa che la letteratura siciliana è un riflesso della identità culturale della Sicilia nel corso dei secoli. Il linguaggio moderno siciliana, potrebbe non essere così patetico come il suo precursore medievale. Con diverse sfumature, per i visitatori della Sicilia, due parchi poetici vengono in mente: quelli dedicati a Luigi Pirandello https://www.amazon.com/Il-berretto-sonagli-Commedia-Pirandello/dp/1508444919/ref=la_B000APUH62_1_14?s=books&ie=UTF8&qid=1473685834&sr=1-14 ed a Leonardo Sciascia https://www.amazon.co.uk/Day-Owl-Leonardo-Sciascia/dp/1847089259

19ULTIMO VIAGGIO – Poesia di Ignazio Buttitta

Sugnu all’ultimu di me viaggi. Ci pensu e dicu, non po’ essiri, si sugnu davanti ô mari cu suli ntall’occhi e a speranza ntô cori. Ma un ghiornu Ignaziu si fa un viaggiu cu un cavaddu biancu chi vola e non si ferma mai. Si si ferma è mortu. La morti esisti. Non ci po’ essiri nascita si non c’è morti.

E io sugnu filici chi nascivu nno un munnu accussi granni ca diventa sempri cchiù nicu. E non c’è dubbiu ca attraversu i seculi si scoprinu munni cchiù granni e cchiù beddi di chistu. Cu omini cchiù intelligenti e cu fimmini cchiù beddi. Dumani si mi incuntrati mi diciti: Ignaziu ragiuni avevi e a vita continua megghiu di prima.

18VINT’ ANNI – Poetry by Federico Vaccaro

Tannu amava la vita! Quannu m`arruspigghiava a la matina cu la vuci di Rosa chi, cantannu, jiava a cògghiri l`acqua a la funtana. E lu so` cantu m`arristava `ntesta e cchiù nun mi lassava pi tutta la jurnata. Tannu amava la vita, quannu, `nta li notti d`aùstu, l`amici tutti, junciuti `nta la chiazza, stàvamu a millantari li conquisti di fìmmini mai visti. E `nta stu jocu di farfantaria vincìa lu cuntu `i chiddu c`avìa cchiù fantasia. Tannu amava la vita, quannu, cu milli liri `nta sacchetta, mi sinteva un baruni, quannu fumava senza la suggizioni di la tussi e mi parìa d`aviri la forza d`un liuni. Tannu, a vint`anni, quannu m`arruspigghiava a la matina cu la vuci di Rosa e nun sapia chi fussi lu duluri, era bella la vita. Zocch`è ora, lu sapi lu Signuri.

11SEMPRE BESTIA – Poesia di Luigi Pirandello

Senza far nulla, un leone è leone. E un pover’uom deve affrontar la morte per avere l’onor del paragone con quella bestia, senza stento, forte. D’alti pensieri l’anima infelice nutrite, si che s’alzi a eccelse mète. Un gran premio v’aspetta. Vi si dice che veramente un’aquila voi siete. Sciogliete in soavissima armonia il vostro chiuso intenso ardente duolo, fatene una sublime poesia, e vi diran che siete un rosignuolo. Ma dunque per non essere una bestia che dovrebbe far l’uomo? non far niente? Non pigliarsi ne affanno ne molestia? E ciuco allora gli dirà la gente.

Controllate anche

SCRIVERE DI FEMMINILITÀ ED ESPERIENZA DELLE DONNE – Ophelia Alcantara Dimalanta, la poetessa più adorata delle Filippine

Affascinati dalla insopportabile leggerezza dei versi Con versi sobri e delicati, lei descrisse l’omicidio della …