Breaking News
CASA » BIOGRAFIE D'AUTORE » OSWALDO VIGAS (1923/2014), PITTORE VENEZUELANO – Poco importa ciò che usi, purché l’orizzonte espressivo sia vasto

OSWALDO VIGAS (1923/2014), PITTORE VENEZUELANO – Poco importa ciò che usi, purché l’orizzonte espressivo sia vasto

SINTETIZZANDO LE MODERNE CORRENTI PLASTICHE CON LE RADICI LATINO AMERICANE

OSWALDO VIGAS 1/3 – Lui era nato a Valencia (Carabobo, Venezuela), in un giorno d’agosto, ma il suo lavoro si sarebbe svolto tra la Francia e Venezuela. Quel pittore e muralista venezuelano, ha saputo originalmente fondere le sue radici Latino-Americane con le correnti artistiche del suo orizzonte temporale di vita. Aveva studiato medicina, ma il suo lavoro creativo aveva abbracciato un grande orizzonte espressivo, con pittura e scultura, incisione, ceramica ed arazzi. https://www.youtube.com/watch?v=cHdU0vQ3P1A Era ancora un bambino, quando nel 1942 aveva realizzato le sue prime opere, inviandole al salone dell’illustrazione per poesie (presso l’Ateneo de Valencia), ottenendone un premio.

OSWALDO VIGAS 2/3 – Nel 1945 era entrato all’Università di Merida per studiare medicina e quattro anni dopo era a Caracas, dove aveva ha completato i suoi studi di medicina, rimanendo però coinvolto nel movimento artistico di quegli anni. Nel 1952 aveva avuto il Premio Arturo Michelena presso l’Ateneo de Valencia, ed anche il Premio Nazionale delle Arti (che gli diede l’opportunità di stabilirsi a Parigi). A Caracas era stato nominato direttore della Divisione d’Arte Inciba. Nei primi mesi del 1972 aveva viaggiato negli Stati Uniti, dedicandosi allo sviluppo di una serie di serigrafie. Orgoglioso di esprimersi al di fuori dei modelli d’arte accademici, aveva consolidato una propria estetica figurativa, almeno a partire dal 1952. https://www.youtube.com/watch?v=jwjXY5OnMF0

OSWALDO VIGAS 3/3 – Per lui, non esistevano superfici impossibili dove intervenire con il suo lavoro: carte speciali e tele di grandi dimensioni, ma anche argilla sono stati la base per la esprimere la sua creatività. Ha creato murales per su progetto dell’Università Centrale del Venezuela, esperienza ripetuta nel 2005 con di trilogia murales per il complesso architettonico della città Banesco (a Caracas). Ha fatto più di cento mostre personali, ed il suo lavoro è rappresentato in istituzioni e collezioni di tutto il mondo. E’ ricordato come uno dei più preziosi artisti venezuelani del XX secolo. https://diattaart.wordpress.com/2015/07/16/artist-of-the-moment-oswaldo-vigas/

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito, è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: http://meetingbenches.net/2017/05/itinerario-venezuelano-nellarte-attraversare-venezuela-maracaibo-petare/

Controllate anche

IL VERISMO PITTORICO DI UN PIEMONTESE – Carlo Pittara, un grande pittore naturalista

Fedele a un’interpretazione visiva del reale Nato a Torino nel 1835, Carlo Pittara https://www.valutazionearte.it/artisti/pittara-carlo/ vi …