Breaking News
CASA » VIAGGI D'AUTORE » SFUMATURE ORIENTALI DI CREATIVITÀ – Viaggio d’autore nell’incredibile India

SFUMATURE ORIENTALI DI CREATIVITÀ – Viaggio d’autore nell’incredibile India

Una nazione, con gli occhi di chi ne plasma l’espressività creativa

Situato a Green Park, è il luogo perfetto per godersi la vita notturna. È antidoto a qualsiasi problema, per riempire la serata di una tranquillità musicale. Visitando un ristorante speciale a Delhi, scoprirai Turquoise Cottage https://www.facebook.com/TURQUOISE.COTTAGE/ che è uno dei migliori luoghi per spettacoli di musica dal vivo. Pranzerai in un ambiente colorato, spazioso ed elegante, insieme a un ampio menu multi-cucina che serve prelibatezze. Le caratteristiche aggiuntive sono le esibizioni di musica dal vivo e karaoke, cantando anche canzoni di Anushka Manchanda. Naturale e pieno di sentimento, il suo corpo di lavoro si è evoluto e ha accumulato seguaci. Nata a Delhi nel 1984, Anushka Manchanda https://www.facebook.com/IAmAnushka/ è una cantante, modella e attrice indiana. Nel 2020 ha partecipato a Bigg Boss. È diventata famosa come membro del gruppo femminile Indipop Viva! È stata anche una partecipante alla serie televisiva di realtà Jhalak Dikhhla Jaa. Rompendo la norma nell’industria della riproduzione di Bollywood, ha lavorato con i registi musicali più in voga del paese.

Se ti piace sfogliare i libri e poi leggerli, ovviamente, devi dare un’occhiata a Chennai, dove si trova la libreria più antica dell’India, nel fulcro della città, nel suo edificio coloniale su Anna Salai. Inaugurato dal 1844, oltre ad avere la più antica libreria vivente in India, Higginbothams https://www.facebook.com/higginbothamsbookstore/ ha una delle migliori collezioni di libri della città. Per ricordare il tuo viaggio indiano, puoi comprare qualcosa di Meena Kandasamy. Come scrittrice, si concentra sull’annientamento delle caste, sul femminismo e sull’identità linguistica. Nata nel 1984 da genitori Tamil, Meena Kandasamy https://www.kandasamy.co.uk/ ha sviluppato un precoce interesse per la poesia, adottando il nome Meena. Ha scritto la sua prima poesia all’età di 17 anni, completando un dottorato in filosofia in Socio-linguistica. Con sede a Chennai (Tamil Nadu, India), mentre presenta le sue idee, la sua poesia non è intrappolata in strutture più grandi che ti spingano ad adottare il linguaggio accademico.

È una metafora dell’artigianato supremo, riconosciuta per la sua estetica del lusso senza sforzo. Sognando l’uguaglianza per uomo, donna e animali, come vegetariana e amante degli animali disegna abiti sostenibili ed ecologici. Ispirate dalla ricca eredità del Rajasthan, le sue opere mostrano l’estetica indiana con sensibilità moderna. A Mumbai, in Palladium Level 1, il marchio Anita Dongre http://www.highstreetphoenix.com/store/anita-dongre offre abiti da sposa, abiti da uomo e gioielli jadau d’oro su misura. Sua madre era solita cucire vestiti per lei e per i suoi cinque fratelli, il che la motivò a fare un passo avanti verso la sua passione per la moda. Le sue creazioni sono state indossate dai migliori attori di Bollywood. Nata nel 1963 a Mumbai da una famiglia Sindhi, Anita Dongre https://www.instagram.com/anitadongre/?hl=it è una stilista indiana, fondatrice della omonima casa di moda indiana. Ha anche lanciato il suo marchio di gioielli Anita Dongre Pink City.

Per alcune persone della vecchia scuola, il modo corretto di acquistare un libro è andare in libreria. A questo proposito, la loro sezione rivista nella parte posteriore è sempre piena. Dal 1953, Bahrisons https://www.facebook.com/bahrisons.booksellers/ è una delle librerie più conosciute di Delhi. Ha subito una ristrutturazione, che ora ha reso la parte superiore più spaziosa e più facile da sfogliare. Prova a trovare qualcosa del fotografo Dayanita Singh. La sua arte riflette e amplia i modi in cui le persone si relazionano alle immagini fotografiche. Ha iniziato la sua carriera nel fotogiornalismo, ritirandosi alla fine degli anni ’90. Ha studiato comunicazione visiva presso il National Institute of Design di Ahmedabad e fotografia documentaria presso l’International Center of Photography di New York City. Dayanita Singh https://global.canon/en/newcosmos/closeup/dayanita-singh/, nata a Delhi nel 1961, è una fotografa il cui formato principale è il libro.

Nel 2012, gli è stato conferito il più alto riconoscimento civile dell’India, per il suo contributo all’arte. È annoverato con riverenza tra gli artisti contemporanei indiani più originali, risplendendo come la stella del nord nei vari luoghi dell’espressione creativa. A partire dal 2001, il murale di Jatin Das The Journey of India https://www.inditales.com/visiting-the-parlation/, ti aspetta al Parlamento indiano, a Delhi. Annoverato tra i migliori artisti contemporanei dell’India, il pittore, scultore e muralista Jatin Das https://www.jatindas.com/ nato a Baripada (Mayurbhanj, Odisha) nel 1941, ha studiato alla School of Art di Bombay. Successivamente, ha iniziato a partecipare a mostre d’arte nazionali e internazionali. Alcune importanti mostre a cui ha partecipato, includono la Documenta a Kessel, le Biennali di Parigi e Venezia. Scultore e pittore, muralista e poeta, è annoverato tra gli artisti più creativi dell’India.

Nel 1924, la sua capitale fu scelta come sede del Congresso Nazionale Indiano, sotto la presidenza del Mahatma Gandhiji. La regione è nota per il kunda, un dolce a base di latte. I suoi giornali includono Vijay Karnataka, Samyukta Karnataka e Kannadamma in Kannada. Qui, dove è nato il fumettista Shivram Dattatreya Phadnis, il grande villaggio di Bhoj https://www.tripmondo.com/india/state-of-karnataka/belgaum/bhoj/ è circondato dal fiume Veda Ganga su due lati. Secondo il suo modo di vedere, l’esperienza visiva offerta dalla società è universalmente percepibile e rappresentabile graficamente. Innumerevoli libri e periodici sono stati animati dalle sue vignette. La sua prima copertina umoristica era apparsa sulla rivista Unni nel 1951. Quattordici anni dopo, la Jehangir Art Gallery di Mumbai organizzò la sua mostra di originali colorati. Nel 2001, Shivram Dattatreya Phadnis https://www.facebook.com/sdphadnis/ ricevette il premio alla carriera, dall’Indian Institute of Cartoonists di Bangalore.

L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, per consentire ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/viaggi_dautore/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori.

Controllate anche

LE MOLTE SFACCETTATURE DI UNO SPAGNOLO CHE NON DIVENTÒ SCRITTORE – Eduardo Arroyo e la sua arte neo-figurativa

Quando una parola è un’immagine, e un dipinto è una parola Grazie alla sua collezione …