LUOGHI CHE HANNO ISPIRATO I PITTORI

Capolavori della pittura, tra realismo e luminosità

Nel sud della Francia non trovi soltanto mare, lavanda e villaggi arroccati. Arrivando scoprirai grandi pittori del passato che qui hanno trovato ispirazioni nella natura e nella luminosità di questi luoghi. In Provenza https://www.caldana.it/tour-provenza-e-camargue?gclid=Cj0KCQjwtO -kBhDIARIsAL6Lore5PjAgZ63dGB4CpRD3uYxNvcid2SESo5Q-dvO0RBm7vImTk8nYxvoaAv5MEALw_wcB , le città di Avignone , Villeneuve les Avignon< /span>Abbiamo creato per te uno splendido itinerario alla scoperta dei luoghi che ispirati hanno e stregato cinque di loro: Alfred Lesbros e Pierre Grivolas, Joseph Meissonnier, Léon Colombier e Jules Flour. . Vallauris e Antibes come punto di riferimento e Picasso scoprì la grandiosità di Arles , Van Gogh ebbe Aix-en-ProvenceCézanne immortalò i paesaggi di hanno ispirato numerosi pittori, alcuni nati lì, altri che vi sono rimasti più o meno a lungo. Le s Angles e

Nel cimitero del suo paese natale è sepolto nella tomba della famiglia Bourrelly. Alfred Lesbros , nato nel gennaio del 1873 a Montfavet , vicino ad Avignone , dipinse meraviglie pittoriche che si possono ammirare nei musei di Aix-en-Provence, Arles e Avignone. Ha frequentato scuole d’arte e maestri provenzali, ma è stato su iniziativa del Groupe des Treize che ha organizzò la sua prima mostra nel 1912 che ebbe un clamoroso successo. Tecniche e stili variabili dal realismo all’astrazione. Ha preso parte alle rivoluzioni artistiche del primo Novecento che ha trasmesso sulle sue tele. Nel Museo Calvet di Avignonehttps://avignon-tourisme.com /it/avignone-ha-1000-volti/avignone-terra-di-cultura/requien-lapidaire-calvet-i-migliori-musei-gratuiti-di-avignone/ trovi tre dei suoi dipinti: La Corte della Livrea di Thury , Il Giardino e , cioè dipinti ad olio che sono come soggetto paesaggi.la Passeggiata

È accreditato di aver creato la Nouvelle école d’Avignon https://masmoulin.blog/2022/02/11/ la-nouvelle-ecole-davignon-billet-n-39/ . A Pierre Grivolas è stata intitolata una via di Avignone , città dove nacque nel settembre 1823. Mostrò talento precoce per il disegno ei suoi genitori lo iscrissero a corsi d’arte. Vinse il primo premio di un concorso di disegno che gli permise di continuare i suoi studi a Parigi, dove fu influenzata da Ingres e Delacroix. Pittore noto per paesaggi, ritratti e scene di genere. Invitò il fratello più giovane a raggiungerlo vicino a Monieux, villaggio all’ingresso delle Gorges de la Nesque, colomba catturarono i colori del paesaggio montano. Dal 1878 fino alla sua morte, fu direttore dell’École des Beaux-Arts d’Avignon, dove portò i suoi studenti a lavorare in escursioni all’aria aperta.< /span>

È ben noto per i suoi dipinti della sua città natale e per i suoi paesaggi rurali della regione circostante. I suoi dipinti sono apprezzati per realismo, luminosità ed equilibrio. Le sue opere sono state messe in vendita all’asta pubblica 160 volte. Pittore provenzale originario di Avignone , città dove nacque nel 1864, Joseph Meissonnier https://www.avignon-encheres.com/lot/joseph-meissonnier-1864-1943-le-mas-provencal-huile-sur-panneau-signee-en-bas-a -gauche-dim-17-5×26-5-cm/ fu allievo di Pierre Grivolas e Paul Saïn e fece parte del Gruppo dei Tredici. Ritorno dalla pesca a Martigues– suo luminoso e vivace dipinto ad olio su tela da cm 46 per 65 senza cornice, da lui firmato in basso a destra – rappresenta una scena di ritorno dalla pesca davanti alla chiesa della Madeleine a Martigues . Morì a Villeneuve-lès-Avignon nel novembre 1943.

Uomo discreto e umile, a lui dobbiamo il merito di aver immortalato i più bei paesaggi della Provenza. Nel 2019, in occasione dell’apertura dell’Espace Léon Colombier, la città di Cavaillon ha presentato una sua eccezionale collezione di opere. Nella categoria Pittura, le sue opere sono state messe in vendita all’asta pubblica 14 volte. Pittore entrato a far parte del Gruppo dei Tredici e della Société Vauclusienne des Amis des Arts, León Colombier https://www.mutualart.com/Artist/ Leon-Colombier/7A4017718B510AD0 nacque nel gennaio 1869 a Parigi, ma nel 1890 tornò a Roquemaure, città dei suoi antenati paterni dove ebbe modo di incontrare Pierre Grivolas professore alla Scuola di Belle Arti di Avignone, città dove si stabilì al n. 110 di rue de la Balance. Morì a Cavaillon nel maggio 1960.

La sua abilità nel cogliere la realtà psicologica dei suoi modelli gli valsero numerosi successi nell’ambiente parigino. Artista provenzale che fece parte del Gruppo dei Tredici, Jules Flour https://www.proantic.com/en/1115039-jules-flour-1864- 1921-place-de-la-cour-damour.html nacque ad Avignone nell’agosto del 1864 Fu apprendista pittore presso la bottega di un fabbricante di vetrate e frequentò l’atelier di Charles Guilbert d’Anelle. Alla Scuola di Belle arti di Avignone il suo insegnante di disegno gli ha aperto i segreti del disegno classico, mentre il pittore Pierre Grivolas gli mostrerà gli effetti della tecnica pittorica. Si recò a Parigi per seguire i corsi di Jean-Léon Gérôme. Morì nel febbraio 1921

L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di persone creative, consentendo agli altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere altri pittori digitali https://meetingbenches.net/ categoria/pittori/ . Le proprietà intellettuali delle immagini che compaiono in questo blog sono da riportare ai loro autori.

Instagram

Controllate anche

L’ASTRAZIONE NARRATIVA

Ahmet Güneştekin, l’artista visivo che interpreta narrazioni orali, leggende e mitologia Meeting Benches è un …