Breaking News
CASA » BOUTIQUE DI VIAGGIO » UN APPROCCIO MODERNO E GLOBALE ALL’INDUSTRIA DELLA MODA – Jeanne Lanvin, un amore materno fecondato dal disegnare abiti

UN APPROCCIO MODERNO E GLOBALE ALL’INDUSTRIA DELLA MODA – Jeanne Lanvin, un amore materno fecondato dal disegnare abiti

Abiti di lusso per le donne

Nel 1927, fu proprio per il regalo di compleanno della sua amatissima figlia che lei lanciò il profumo Arpège. Dopo cento anni, il suo gusto è ancora presente sul mercato mondiale con Eau de Parfum for Women https://www.notino.co.uk/lanvin/jeanne-lanvin-eau-de-parfum-for-women/. Nel 1994, il marchio Lanvin venne rilevato dall’azienda di cosmetica L’Oréal e poi acquistato da una magnate della finanza taiwanese, per essere infine, nel febbraio 2018, rilevato da un gruppo cinese. Per Jeanne Lanvin https://www.lanvin.com/us/maison-lanvin/maison/jeanne.html, eppure, tutto era iniziato quando aprì la propria casa di moda a Parigi nel 1885, producendo abbigliamento per signore e bambine, dopo aver conosciuto i segreti sartoriali, quando lavorava nella bottega di Madame Félix.

Primogenita di una modesta famiglia, fin dalla tenera età lei mostrò una forza di carattere che preannunciava il suo straordinario destino. Nata a Parigi nel gennaio 1867, diventò la più importante designer di moda degli anni venti e trenta. Prima di diventare modista presso rue du Faubourg Saint-Honoré, all’età di sedici anni Jeanne Lanvin https://study.com/academy/lesson/jeanne-lanvin-biography-history-designs.html lavorò come apprendista modista e poi come sarta presso Talbot. Abile nell’utilizzo di ricami, decorazioni in rilievo e fantasie floreali, seppe innestare tali suoi gusti nel proprio marchio Lanvin, cosa che venne in seguito proseguita da sua figlia. Entrando nel sito ufficiale di Lanvin https://www.lanvin.com/us/women/ready-to-wear/dresses.html, potrai scoprire i loro abiti in seta o lurex, le voluttuose charmeuse e gli abiti da sera per donna.

All’età di tredici anni, ha guadagnato il suo primo stipendio lavorando per una modista. Nel 1895, Jeanne Lanvin https://fashion-history.lovetoknow.com/fashion-clothing-industry/fashion-designers/jeanne-lanvin sposò un nobile italiano, e da quel matrimonio nacque una figlia. Divorziatasi nel 1903, quattro anni dopo sposò un giornalista. Entrata nel Syndicat de la Couture, nella sua boutique parigina di rue du Faubourg Saint-Honoré realizzò per sua figlia abiti che attrassero l’attenzione femminile del bel mondo parigino, e poi di tutta Europa. Il logo del brand Levin venne espressamente concepito dall’illustratore Art Déco Paul Iribe in onore del legame d’amore materno tra Jeanne e sua figlia Marguerite. Lei si espanse nella sartoria quando i suoi clienti iniziarono a chiedere gli abiti in cui adornava sua figlia.

Grande lavoratrice, dopo l’apprendistato da modista si dimostrò estremamente creativa con i suoi cappelli Mademoiselle Jeanne, cosa che l’indusse a desiderare un proprio negozio. Nel 1923, Jeanne Lanvin https://www.elle.com/it/moda/tendenze/a27025728/jeanne-lanvin-storia-brand-moda-francese/ comprò una fabbrica di tintura, aprì negozi per la vendita di oggetti per la casa, nonché di abbigliamento maschile, pellicce e lingerie. Dopo la creazione di Lanvin Parfums e del suo profumo Arpège, commissionò a Armand Albert Rateau di disegnare le boccette per i profumi Lanvin. Con abbellimenti meticolosi che potevano essere indossate da donne di tutte le età, creò uno stile che incarnava la femminilità della giovinezza in un modo estremamente innovativo.

Sua figlia diventò la prima fonte di ispirazione; infatti, fin da piccola, sua madre creò dei sofisticatissimi guardaroba per quell’unica figlia. Proprio da quell’esperienza, lei approfondì le opportunità commerciali inerenti l’abbigliamento per bambini. Tra le onorificenze di Jeanne Lanvin https://isabellaratti.com/jeanne-lanvin-la-storia-della-prima-donna-nellindustria-della-moda/, la Legion d’onore della Repubblica Francese. Tra i suoi più grandi riconoscimenti a livello mondiale, quello di aver visto una propria collezione ospitata al Metropolitan Museum of Art di New York. Da brava e pratica creativa, lei ebbe l’intuizione di aprire una sua fabbrica di tinture che produceva l’inimitabile blu Lanvin.

La proprietà delle immagini che appaiono in questo blog corrisponde ai loro autori. Se vuoi conoscere altre persone creative che hanno contribuito ad arricchire la scena internazionale della moda, puoi scrivere https://meetingbenches.net/category/boutique_di_viaggio/. L’unico scopo di questo sito è diffondere la conoscenza di questi artisti e che altre persone apprezzino le loro opere.

Controllate anche

PROVOCARE E INFLUENZARE LA MODA, ECCENTRICAMENTE – Miuccia Prada, quando l’originalità è al servizio della moda

Un design minimalista che fonde stili tradizionali e influenze moderne Privilegiando l’uso di colori tenui, …