Breaking News
CASA » POESIE » CELEBRARE LA MERAVIGLIA DI ESSERE VIVO – Ku Sang, uno dei poeti più fidati della Corea

CELEBRARE LA MERAVIGLIA DI ESSERE VIVO – Ku Sang, uno dei poeti più fidati della Corea

Se la poesia cerca di catturare il regno della fede 

La Corea ha prodotto un poeta religioso di grande originalità. Eppure, la semplicità del mondo poetico di Ku Sang http://anthony.sogang.ac.kr/Kubio.htm ha fatto sì che fino a poco tempo fa il suo lavoro fosse sottovalutato tra i lettori desiderosi di poesia. I suoi genitori erano cattolici e suo fratello maggiore era sacerdote, ma durante gli anni da studente subì una crisi di fede. Le sue prime poesie furono scritte quando era studente. Le sue poesie alludono anche alle leggende del popolo coreano e della cultura tradizionale, delle lettere cinesi e della tradizione e del pensiero taoista. Era un membro dell’Accademia coreana delle arti.

IL CIOTTOLO – Sul sentiero davanti a casa, ogni giorno incontro un sassolino che una volta era stato preso a calci dal mio dito che passava. All’inizio ci siamo incontrati casualmente, ci siamo sfiorati, mattina e sera, ma a poco a poco la pietra ha cominciato a rivolgersi a me e ha teso furtivamente una mano, così che ci siamo avvicinati, come amici. Ed ora ogni mattina la pietra, sbocciando interiormente di fiori di grazia, mi dà la sua benedizione e anche a notte fonda attende vigile per salutarmi. A volte, volando come su ali d’angelo, mi visita nella mia stanza e mi spiega il mistero dell’incontro, rivela la natura immortale della Relazione. Quindi ora, ogni volta che incontro la pietra, sono così incivile e insicuro che posso solo vergognarmi.

È nato a Seoul nel 1919, dove è morto un giorno di maggio 2004, tuttavia, quando era un bambino la sua famiglia si trasferì nella città nord-orientale di Wonsan. La sua poesia è caratterizzata da un rifiuto della retorica artificiale. Individuando l’inquinamento di un fiume come simbolo della corruzione morale dell’umanità contemporanea, Ku Sang http://anthony.sogang.ac.kr/AboutKuSang.html si è espresso su questioni ecologiche. Era stato anche editorialista per il quotidiano Kyonghyang a Seoul. Sulla sua esperienza di guerra in Corea, le sue poesie descrivono il processo di superamento della sofferenza generata da quell’esperienza.

SENTIMENTI POETICI – Ogni mese per questa serie seleziono frammenti di chiacchiere inutili come questa e tiro fuori cose chiamate poesie, così che un giovane poeta, forse trovandolo piuttosto strano, ha osservato: “Allora sembra che non ci sia assolutamente nulla in tutto il mondo che non è una poesia?” Certo! Non c’è niente al mondo, certo, che non sia una poesia. Dall’umanità in giù, in ogni cosa e in ogni atto, tutto ciò che è vero, buono e bello è tutta poesia. Di più, in ogni persona e in ogni cosa e in ogni atto abita il buono, il bello, il vero. Ed è scritto che dove aumenta il peccato, tanto più aumenta la grazia di Dio. Scoprirlo, e poi come un bambino che lo assapora e lo gode, è essere un poeta.

Consapevole del significato della storia, nel suo esame della tradizione e della fede religiosa coreana, la sua poesia esplora le dimensioni dell’esistenza umana. Passando a considerazioni di portata più generale, Ku Sang https://www.independent.co.uk/news/obituaries/ku-sang-5355444.html inizia le sue poesie con la rievocazione di un momento personale di percezione e, in questo modo, la sua poesia si trasforma in una meditazione nel tempo. Ha scritto volumi di poesie e saggi su temi sociali e spirituali.

OGGI – Anche oggi incontro un giorno, un pozzo di mistero. Come una goccia di quel fiume si estende a una sorgente di una valle e poi al mare azzurro lontano, per questo giorno il passato, il futuro e il presente sono uno. Così il mio oggi si estende all’eternità, e proprio ora sto vivendo l’eternità. Quindi, a partire da oggi, dovrei vivere l’eternità, non dopo la morte, e dovrei vivere una vita che merita l’eternità. Dovrei vivere la vita di un povero cuore. Dovrei vivere la vita di un cuore vuoto.

Rifiuta la sensibilità artistica senza profondità spirituale e intelletto privo di coscienza storica. Offrendo al poeta una fonte di pentimento personale, il suo lavoro è radicato nella sua fede cristiana. La sua poesia è un commento dell’iniquità e dell’assurdità della società moderna. Ku Sang https://www.amazon.it/Wastelands-Fire-Selected-Poems-Sang/dp/0948259825 ha anche scritto opere teatrali e curato antologie letterarie. Il suo volume Even the Knots on Quince Trees contiene poesie che evocano il progresso della sua vita attraverso il moderno coreano. Il suo lavoro è immerso nella ricerca di un’estetica poetica che nasca da un fondamento ontologico. Al suo funerale, la presenza di persone in sedia a rotelle ha ricordato la sua preoccupazione per i portatori di handicap, espressa in generose donazioni.

ETERNITÀ OGGI – Anche oggi è arrivata la notizia della morte di un amico. Bene, dobbiamo andare tutti, chi prima chi dopo. Spero che arrivi presto il mio turno. È la paura del dolore prima di morire che rende la morte così minacciosa? Sicuramente c’è sempre l’eutanasia? Ma il timore di qualcosa dopo la morte rende anche questo un problema. Le luci e le ombre di quell’altro mondo. Mentre evoco in questo modo l’aldilà, la mia vita di oggi è così sbagliata. Sicuramente, se sono davvero preoccupato per l’aldilà, non dovrei già iniziare a vivere quell’aldilà, o meglio, l’eternità, oggi?

L’unico scopo del sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere. Le proprietà intellettuali delle immagini corrispondono ai loro autori. Se vuoi conoscere altri scrittori, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/scrittori/ per la novellistica e per la poesia https://meetingbenches.net/category/poesie/.

Controllate anche

LA PUREZZA DI UN’ATTRAZIONE IMPENETRABILE – Maria Luisa Spaziani, versi sommessi dentro l’inferno dell’indifferenza

Scrivere è vivere e viceversa Poco prima di morire, Virginia Woolf le ha inviato un …