MARC CHAGALL, UNA LUCE NON TROPPO LONTANA

Un’inestinguibile fonte d’amore, tra delicatezza di sfumature e forme sinuose

Le immagini sono un potente strumento per coinvolgere il pubblico sui social media, ecco perché è importante creare grafica di qualità anche in questo post. Abbiamo creato per te immagini che comunichino emozioni, atmosfera e messaggi in modo efficace, ma desideriamo anche che siano pertinenti al contenuto, Marc Chagall, in questo caso. In sintesi, abbiamo investito tempo nella creazione di immagini di qualità anche per questo post di Meting Benches. Speriamo che siano un potente strumento per coinvolgere la tua attenzione, ma non dimenticare di cliccare qui https://it.rbth.com/cultura/87671-dieci-fondamentali-dipinti-di-marc, troverai i dieci dipinti fondamentali di quest’uomo che amava l’arte.

Moishe Segal, Mark Zacharovič Šagalov o Marc Chagall: tre identità per un uomo creativo https://www.marcchagall.com/en. Nato nell’estate del 1887, quell’essere naturalizzato francese morì nella primavera del 1985. Marc Chagall, quindi, poiché in quel nome conserviamo il ricordo dei suoi 98 anni di vita, ha creato per noi una serie di capolavori pittorici pieni di amore. In ciò che ha dipinto si possono vedere pogrom, cosacchi e pallet di aringhe, San Pietroburgo e una ragazza di nome Bella, la figlia di orafi che sarà sua moglie. Nel grande affresco della sua vita, lui ha inserito i colori della rivoluzione bolscevica del 1917, le sfumature culturali di Parigi, l’occupazione nazista della città e la sua fuga a Marsiglia.

Marc Chagall https://www.marcchagall.net/ arrivò finalmente negli Stati Uniti, terra dove aggiunse i colori dell’allegria all’affresco della sua vita, ma soltanto fino alla morte della sua amata moglie, Belle. Nel 1949, depresso, l’artista si ritrova sotto il sole della Provenza, dove incontra Virginia e la gioia della paternità. Amore e gioia di vivere, sotto quel cielo e con l’animo in pace, entrano nei suoi dipinti, sospesi nella delicatezza delle sfumature, avvolti in forme sinuose. Tre anni dopo, lui trae pienamente la consapevolezza dell’essere artista con Valentina. Con lei, in un tempo senza tempo, Marc vede la luce splendente del sole e la purezza da una fonte lontana, la Bibbia.

Marc Chagall, il famoso artista, sfida la categorizzazione all’interno dei movimenti artistici https://www.marcchagall.com/en/biography. Il suo stile è miscela di varie influenze, tradizioni culturali e correnti artistiche. Rimase fermamente fedele a sé stesso, sviluppando uno stile distintivo e individuale che abbracciava e trascendeva i movimenti artistici contemporanei. Il suo universo è magico e affascinante, caratterizzato da colori vibranti e atmosfere oniriche e surreali. Nonostante l’opposizione familiare, ha affinato le sue capacità artistiche. Studiò, infatti, a Vitebsk e successivamente all’Accademia Russa di Belle Arti di San Pietroburgo. Durante questo periodo, esplorò il colorismo di Matisse e dei Fauvisti, immergendosi anche nelle opere di Van Gogh e Gauguin. Nel 1910, si trasferì a Parigi, dove fece amicizia con Apollinaire, Delaunay e Modigliani. Pur essendo scettico nei confronti del cubismo, trovò ispirazione nelle opere di Rembrandt, Renoir, Matisse.

Marc Chagall ha sviluppato una tecnica unica utilizzando la tempera, in cui i pigmenti vengono mescolati con colla o gomma e pigmento bianco https://www.tate.org.uk/art/artists/marc-chagall-881. I suoi soggetti spesso attingevano dai ricordi della sua terra natale in Bielorussia, dai ricordi d’infanzia e dalla sua amata moglie, Bella. La sua arte sfida facili etichette, ma potremmo descriverla come paesaggio onirico fauvista. I colori espressivi di questo artista, simili a quelli di Van Gogh abbozzano gioiose distorsioni delle figure, un tocco di primitivismo ed una enorme gioi di vivere. I suoi dipinti cristallizzano le emozioni. La sua eredità artistica, affascinando per sempre l’immaginazione degli spettatori, rimane tuttora un’incantevole miscela di influenze culturali e visione personale.

Il rinomato artista Marc Chagall non era solo un pittore, ma anche un poeta. Le sue sensibilità poetiche spesso trovavano espressione nella sua arte visiva. Ecco uno scorcio del lato poetico di questo straordinario uomo creativo, Equestrienne https://www.marcchagall.net/equestrienne.jsp, un dipinto del 1931, dove l’artista cattura l’eleganza e la dolcezza di una cavallerizza circense. La figura graziosa, vestita di rosa tenue, è seduta su un cavallo bianco adornato di ghirlande. Il suo amante, indossando un cappotto di velluto verde, la abbraccia. La scena emana una qualità da fiaba, ricordando le Mille e una notte. Una piccola figura di contadino suona una melodia d’amore sullo sfondo, aggiungendo all’incanto.

Meeting Benches, un luogo di ritrovo virtuale dove la creatività non conosce confini, ti invita a esplorare l’arte di tutto il mondo. Visitando questo sito web https://meetingbenches.net/, conoscerai artisti, pensatori e sognatori che condividono le loro visioni e si ispirano a vicenda. Che tu sia appassionato d’arte, viaggiatore o soltanto una persona curiosa, ti invitiamo a esplorare l’equilibrio compositivo di altri scrittori, https://meetingbenches.net/category/scrittori/ o poeti https://meetingbenches.net/category/poesie/. La proprietà delle immagini che appaiono in questo blog corrisponde ai loro autori.

Instagram

Controllate anche

QUANDO LA NON ANTICHITÀ DIVENTA TESORO D’ARTE

Il genio e lo stile originale di un simbolo iconico della non violenza Meeting Benches …