Breaking News
CASA » POESIE » NIENTE È REALE, TRANNE I SOGNI E L’AMORE – Anna de Noailles, la piena bellezza e lo splendore nobile e pacifico della luce

NIENTE È REALE, TRANNE I SOGNI E L’AMORE – Anna de Noailles, la piena bellezza e lo splendore nobile e pacifico della luce

Il cuore infinito di una donna di nome Anna

Ebbe per tutta la vita un’amicizia tormentata con il romanziere e saggista Maurice Barrès. Discendente da famiglie di boiardi romeni e figlia di un principe, ebbe per madre una pianista greca. Nata a Parigi nel novembre 1876, diventò celeberrima poetessa e romanziera francese. Anna de Noailles http://www.marcelproust.it/gallery/noailles.htm scrisse tre romanzi, un’autobiografia e tante poesie, sviluppandovi con passione i temi dell’amore, della natura e della morte. Con immediato e clamoroso successo, pubblicò Le Coeur innombrable, sua prima raccolta di poesie, nel 1901. Poi, dopo la sua seconda raccolta di poesie, pubblicò tre romanzi.

AMARE NON È PIÙ MENTIRE – Amare è non mentire più. Nessuna astuzia è necessaria quando il braccio caldo circonda il corpo in fuga che ci piaceva. Credi nella mia voce che sogna e canta e che costruisce il tuo paradiso. Sapresti che sono cattivo se non te lo dicessi? Debolmente malvagio, nel pensiero, e per ritrovare a volte quella solitudine sensibile che ho negato amandoti!

All’età di dieci anni le morì il padre, eppure, nelle poesie di Victor Hugo scoprì un linguaggio per superare quella perdita attraverso la rappresentazione artistica. Sua zia fu tra le animatrici della vita artistica parigina della fine del XIX secolo, mentre due suoi cugini furono amici di Marcel Proust. Nel 1897, Anna de Noailles https://www.annadenoailles.org/biographie/?langswitch_lang=en sposò Mathieu de Noailles, avendone una figlia di nome Anne Jules. Al 34 di avenue Hoche, nel suo salotto, ospitò, tra gli altri, Colette, Robert de Montesquiou, e Paul Valéry, Alphonse Daudet, Paul Hervieu e Max Jacob.

CANZONE PER APRILE – Per tutta la notte la pioggia leggera è scivolata giù a zampilli e salti. Vieni a respirare nel bosco profondo l’odore della vegetazione amara. Il tuo cuore è triste, cupo e stanco, come l’alba. Presto svanirà, il dolce profumo dei lillà. Oggi l’anima pietosa sente piangere il suo vago tormento. Vieni ad ascoltare il gocciolare delle foglie morte e bagnate.

Il suo Les Éblouissements, pubblicato nel 1907, fu il primo volume della poesia matura. Rispetto agli ambienti urbani, le sue poesie testimoniano la sua predilezione per la bellezza e il mondo naturale. Insieme ad altre signore parigine, nel 1904 Anna de Noailles http://www.orizzonticulturali.it/it_interventi_Alina-Monica-Turlea.html creò il premio Vie Heureuse, poi trasformatosi nel Prix Femina, destinato al meglio della prosa e poesia femminile francese. Ritratta da pittori famosi, godette di grande notorietà mondana. Nel 1906, invece, fece da modella per lo scultore Auguste Rodin.

NON TI AMO – Non ti amo, quindi la tua mente può essere diversa da te. Il tuo sogno distratto non penetra mai nel mio cuore ansioso, dolente e sorpreso. Non preoccuparti del mio stupore, di questi profondi shock, della mia mezza morte; Ho nutrito i miei occhi con i tuoi atteggiamenti, il mio occhio ha misurato così bene il tuo corpo, che se dovessi morire di te stesso, svenuto un giorno per eccesso di te, crederei di dormire il sonno supremo nel tuo braccio, chiuso su il mio essere ristretto.

La sua famiglia trascorreva l’inverno a Parigi e il resto dell’anno vicino a Évian, sulla sponda meridionale del Lago di Ginevra. Nella casa di Rue de Courcelles, Marcel Proust diede in onore di Anna de Noailles https://www.amazon.it/po%C3%A9sie-dAnna-Noailles-Angela-Bargenda/dp/273843682X una grande cena, cui parteciparono anche Anatole France e Léon Daudet. Non soltanto adorava trascorrere il suo tempo ricevendo i suoi visitatori distesa su di un letto; era così volubile che un suo amante di lei ebbe a dire “Se soltanto fosse capace di stare zitta, potrei ascoltarla!”

L’ARDORE – Ridere o piangere, ma solo il cuore. Sii pieno di profumi come un vaso, e contieni per l’estasi la forza viva o il languore. Avere dolore o gioia, purché il cuore sia profondo come un albero dove le ali fanno tremare il fogliame che si piega; andare via pensando o sognando, ma che il cuore dà la sua linfa e che l’anima canta e si alza come un’onda al vento. Possa il cuore illuminarsi o essere velato, possa essere oscuro o vivace a turno, ma possa la sua ombra e il suo giorno avere il sole o le stelle.

Insieme al fratello maggiore e alla sorella minore condusse una vita privilegiata. Oltre al francese parlava inglese e tedesco, crebbe apprezzando le arti. Non soltanto Anna de Noailles https://ville-evian.fr/fr/culture/patrimoine/jardin-votif-danna-de-noailles fu la prima donna insignita della Legion d’onore, infatti, le fu conferito anche il Gran premio di letteratura dell’Accademia francese. Morì nel 1933. Puoi visitare la sua tomba al cimitero parigino di Père-Lachaise, mentre il suo cuore è conservato nel cimitero di Amphion-les-Bains, a Publier.

PAROLE ALLA LUNA – Alla luna, dicci se è il tuo piacere. O luna lusinghiera! Che gli uomini si pieghino ai tuoi desideri come il mare in tempesta, è tuo desiderio che coloro che sono stati miti e calmi tutto il giorno, soccombano la sera al peccato dell’amore attraverso i campi e le città? I baci salgono verso di te come acqua che svanisce, per fare, sulla tua vana fronte, quell’alone che rende iridescente il suo pallore? È per sedurti o distrarti, quando fai il broncio, che gli uomini se ne vanno per impiccarsi o affogare, la luna dalle belle guance? Brilli affinché coloro che camminano senza scarpe, senza gioia e senza denaro, abbiano, sui sentieri difficili, raggi ai loro piedi durante il tuo chiaro di luna? Nei cuori abbandonati, nei cuori indigenti che battono per il mondo, ti lasci cadere talvolta come uno scudo d’argento, o luna rotonda? O luna che la sera viene ad abbeverarsi agli stagni e a coricarsi nell’erba, quale male avrebbe potuto turbare, con ansimante desiderio, il tuo superbo languore? È aver visto la capra irriverente e la capra amorosa unirsi nella notte limpida, e svegliare i cieli con il loro clamore felice; significa aver visto Dafni avvicinarsi a Chloe senza deviazioni favorevoli. È sentire questo odore di amore che sale. O luna inviolabile!

Se vuoi conoscere scrittori puoi digitare https://meetingbenches.net/category/scrittori/, mentre per i per i poeti di tutto il mondo https://meetingbenches.net/category/poesie/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di questi artisti e che altre persone apprezzino le loro opere. La proprietà delle immagini che compaiono in questo blog corrisponde ai loro autori.

Controllate anche

SCRIVERE DI FEMMINILITÀ ED ESPERIENZA DELLE DONNE – Ophelia Alcantara Dimalanta, la poetessa più adorata delle Filippine

Affascinati dalla insopportabile leggerezza dei versi Con versi sobri e delicati, lei descrisse l’omicidio della …