L’ESTETICA ONIRICA E TEATRALE DEL SURREALISMO

Una continua fonte di ispirazione per gli stilisti

La moda surrealista https://www.harpersbazaar.com/it/moda/storie/a45370277/surrealismo-moda/, predilige forme e silhouette inaspettate e stimolanti, spalle quadrate, fianchi pronunciati o vita stretta. Tendenza all’eleganza ancora oggi apprezzata, è basata sull’omonimo movimento artistico del 20° secolo. Gli stilisti che vi si ispirano continuano a trovare nuovi modi per esplorare le possibilità dell’abbigliamento, attraverso la esplorazione dei sogni, dal subconscio e dalla realtà alterata. La moda surrealista, sorprendente, inaspettata e stimolante – che spesso incorpora materiali e trame inaspettate che includono l’uso di pelle, metallo e plastica – incorpora stampe raffiguranti immagini di sogni, creature fantastiche o strani paesaggi. Tra gli stilisti più noti per il loro lavoro surrealista, rammentiamo Elsa Schiapparelli, Jean Paul Gaultier e Alexander McQueen, stilisti noti per l’uso di materiali insoliti, forme strane e stampe surreali.

Elsa Schiaparelli https://www.schiaparelli.com/en è stata una figura importante nella storia della moda, nota per l’uso di materiali insoliti, forme strane e stampe surreali. Questa stilista italiana, pioniera della moda surrealista, nacque a Roma nel 1890 e si trasferì a Parigi nel 1919. Aprì la sua prima casa di moda nel 1927 e divenne una delle designer più innovative e di successo della sua epoca. Ispirata dall’arte e dalla cultura del mondo che la circondava, collaborò con artisti surrealisti come Salvador Dalí e Jean Cocteau per creare design appariscenti, inaspettati e stimolanti, che spesso incorporavano occhi, labbra e animali. Pioniera dell’abbigliamento pronto da indossare, creò collezioni accessibili a una gamma più ampia di donne, rispetto alle esclusive creazioni di alta moda. Il suo successo ha contribuito a rendere popolare la moda prêt-à-porter e ha avuto un impatto duraturo sull’industria della moda.  Il suo cappello abito telefonico del 1936, aveva la forma di un telefono e presentava un auricolare nella parte superiore. Tra i suoi design più iconici, il vestito abito a labbra del 1937 progettato in collaborazione con Salvador Dalì, che sopra uno sfondo nero includeva una stampa di labbra rosse. Il suo cappotto abito a sirena del 1938, invece, includeva una silhouette a sirena con una coda di piume. Ha chiuso la sua casa di moda nel 1954, ma il suo lascito è importante, perché i suoi design continuano a ispirare i designer di tutto il mondo.

Alcuni dei suoi design più iconici includono il corsetto a forma di cono del 1984, indossato da Madonna e diventato uno dei simboli più riconoscibili della moda degli anni ’80. Jean-Paul Gaultier https://www.jeanpaulgaultier.com/ww/it, stilista francese nato ad Arcueil, in Francia, inel 1952, considerato uno dei designer più innovativi e influenti del mondo, ha iniziato la sua carriera di moda nel 1976, dopo aver lavorato con Pierre Cardin e Jean Patou. La sua prima collezione fu un successo immediato, infatti, fu rapidamente riconosciuto come un talento emergente. I suoi design sono noti per la provocazione, l’umorismo e l’uso di materiali e silhouette insoliti. Ha esplorato una vasta gamma di temi, tra cui il genere, la sessualità e la cultura popolare. La sua gonna a kilt per uomini del 1985, indossata da David Bowie, ha contribuito a normalizzare l’abbigliamento maschile gender-fluid. Il suo profumo Classique del 1991, con il suo flacone a forma di bomboletta spray, è diventato un bestseller internazionale. Ha ricevuto numerosi premi, compreso quello dell’Ordine delle Arti e delle Lettere, consegnatogli dal governo francese nel 2001. Ha annunciato il suo ritiro dalla moda nel 2020, ma la sua eredità continua a ispirare designer di tutto il mondo.

I suoi design erano noti per provocazione, umorismo e uso di materiali e silhouette insoliti. Alexander McQueen https://www.alexandermcqueen.com/en-sk, è stato uno stilista britannico nato a Lewisham, Londra, nel 1969. È considerato uno dei designer più innovativi e influenti del mondo, ha iniziato la sua carriera di moda nel 1985, dopo aver studiato alla Central Saint Martins di Londra. La sua prima collezione fu un successo immediato e lui fu rapidamente riconosciuto come un talento emergente. Ha esplorato una vasta gamma di temi, tra cui la morte, il sesso e la religione. Alcuni dei suoi design più iconici includono. Il vestito Armadillo del 1993, con stivali a forma di armadillo, diventato uno dei suoi simboli più riconoscibili. La sua collezione Voss del 1999, ispirata a una mostra del Metropolitan Museum of Art di New York, è stata caratterizzata da silhouette drammatiche e stampe audaci. La sua collezione Plato’s Atlantis del 2008, ispirata alla mitologia greca, è stata caratterizzata da abiti fluidi e drappeggiati. Si è suicidato nel 2010, all’età di 40 anni, ma la sua eredità continua a ispirare e sfidare i designer di tutto il mondo.

Se vuoi conoscere altre persone creative che hanno contribuito arricchire la scena della moda internazionale, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/boutique_di_viaggio/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di questi artisti e che altre persone apprezzino le loro opere. La proprietà delle immagini che appaiono in questo blog corrisponde ai loro autori.

 

 

 

 

Instagram

Controllate anche

IL MERCATO ALL’INGROSSO DEI MARCHI CONTEMPORANEI – Mirta, un approccio sostenibile allo shopping di lusso

Promuovere e preservare materiali e tecniche locali La loro missione consiste nel trasformare in modo …