Breaking News
CASA » VIAGGI D'AUTORE » ELOGIO ALLA PUREZZA – La Bolivia, attraverso gli occhi di chi c’è nato

ELOGIO ALLA PUREZZA – La Bolivia, attraverso gli occhi di chi c’è nato

Viaggiare in foreste diversificate, accanto a felci del periodo giurassico

Preparando un viaggio in Bolivia https://www.worldlyadventurer.com/traveling-bolivia/, le prime immagini che vengono subito in mente sono quelle di un paesaggio di montagna e di altopiani. Questa è la regione che ospita i luoghi più famosi: il Salar de Uyuni ed il Lago Titicaca. L’Altiplano è infatti tutto un susseguirsi di paesaggi di un’originale bellezza: da un lato la Cordigliera Real, dall’altro la Cordigliera Occidentale con i vulcani Sajama e Licacanbur. Non dimenticare gli Yungas, tra le Ande e l’Amazzonia, dove le alte montagne si fondono con il verde della giungla. Noi ti proponiamo un itinerario che si snoda tra La Paz, Cochabamba e Sucre, luoghi dove cinque boliviani ti offriranno le espressioni della loro creatività artistica.

Gli uomini di questa città evitano gli abiti tradizionali, adottando un abbigliamento più occidentale. A La Paz, Calle Sagarnaga e i suoi vicoli circostanti ospitano il più grande mercato turistico della città. Oggetti come berretti, maglioni, scaldamuscoli, sciarpe e guanti servono a tenere lontano il freddo, mentre i poncho dai colori vivaci completano l’ultimo desiderio d’acquisto. Gli stranieri sono ora i più grandi compratori di questi prodotti alpaca dai colori arcobaleno. Da tre generazioni, le donne della famiglia si tramandano il ruolo di pioniere della moda boliviana. Erika Wiese è una di loro.

Dagli anni ’60 la famiglia Wiese ha dimostrato passione e impegno nel mondo tessile. Oggi, Ericka Weise continua con questa tradizione familiare. Fin da giovanissima ha mostrato una passione per il design, questo l’ha portata a studiare testi e design di abbigliamento all’Università di Palermo a Buenos Aires (Argentina). Nel 2010, ha creato il suo marchio di prêt-à-couture, per rendere omaggio a quella tradizione che è stata preservata nella sua famiglia per così tanti anni.

Sebbene non sia un posto privilegiato per l’alta cucina, i posti di qualità in cui mangiare a La Paz sono in aumento. Entrando nel ristorante Manna Ser Sano https://www.facebook.com/MannaSerSano/, puoi scoprire un buon posto da considerare. I nomi dei piatti ispirano soggezione e appetito: Papicar bien (sgranocchiare sano, o fare l’amore bene), Atún romántico (tonno romantico) e il succo naturale Fuera toxinas (esci, tossine). Attraverso la combinazione di colori e sapori originali, hanno avuto successo nel creare un’esperienza culinaria unica per i loro clienti. Osserva i visi intorno a te, sono le facce senza tempo immortalate da Wara Vargas Lara, una fotografa che lavora in questa città.

È una fotografa boliviana con base a La Paz. Negli ultimi 15 anni ha lavorato come fotoreporter per vari media. È cresciuta circondata dalla fotografia, grazie ai suoi genitori, entrambi artisti. Le sue foto fanno parte del libro dei fotografi boliviani Fotografica 2006 e Fotografia Boliviana 2012. Con le sue fotografie, Wara Vargas Lara https://www.facebook.com/wvlara cattura dentro il binomio spazio-temporale la festa della corrida che si svolge nella città di El Alto (Bolivia), dove i tori non vengono uccisi. Lei continua a lavorare a La Paz, per il quotidiano locale Pagina Siete.

Capinota è una piccola città nel dipartimento boliviano di Cochabamba. C’è un sito del patrimonio mondiale dell’Unesco nelle vicinanze. È la storica città di Sucre a una distanza di 132 miglia (o 212 km), a sud-est. Pur essendo qui, potresti voler visitare Cochabamba. Soprattutto conosciuta da un film interpretato da Al Pacino, Cochabamba è una città con un clima primaverile permanente e parchi nazionali vicini. Puoi arrivare a Torotoro, il famoso paradiso dei geologi che presenta numerose tracce di dinosauri. Durante il viaggio, potrai ascoltare una selezione di musica folk boliviana dei Los Kjarkas, un gruppo musicale formatosi proprio in questi luoghi.

Tra gli stili che suonano ci sono Saya, tuntuna, huayno e carnavales. I Los Kjarkas http://www.loskjarkas.com.bo/2019/, dalla provincia di Capinota (dipartimento di Cochabamba), sono un gruppo di musica andina boliviano, noto per Llorando se fue, una canzone in spagnolo che fu adattata al ritmo di lambada dal gruppo Kaoma per divenire un successo mondiale nel 1989. Gli strumenti che usano includono charango, quena, zampona, ronroco, chitarra e bombo.

La facciata della Cattedrale di Cochabamba riflette una fusione meticcia di barocco spagnolo e stili architettonici indigeni. Arroccata in cima alla collina di Cochabamba, l’alta statua del Cristo de la Concordia è la più alta del suo genere al mondo. Situato ad est di Cochabamba, il Parco Nazionale Carrasco vanta boschi di nuvole, profonde vallate e vegetazione esuberante. Abbigliamento, cibo, souvenir o libri? Una delle maggiori attrazioni di Cochabamba è La Cancha (il mercato cittadino sul lato sud della città), il più grande mercato all’aperto del Sud America. Il tuo indimenticabile ricordo di questi luoghi? Un libro di poesie di Adela Zamudio, nata sotto questo meraviglioso cielo pieno di stelle.

Ai suoi tempi (ma anche oggi), la sua presenza e il suo impatto nella società boliviana erano molto più ampi di quelli letterari. Il giorno dell’anniversario della sua nascita è diventato il giorno delle donne. Adela Zamudio https://www.biografiasyvidas.com/biografia/z/zamudio.htm era nata a Cochabamba in un giorno di ottobre del 1854. Scrittrice e insegnante, pittrice e pioniera del movimento femminista in Bolivia, è considerata il massimo esponente della cultura del suo paese.

Gli yatiri boliviani possono essere identificati dai loro cappelli neri e sacchetti contenenti amuleti. Il mercato delle streghe è una popolare attrazione turistica situata a Cerro Cumbre, una radura montuosa a La Paz. La merce venduta gestita da questi stregoni locali, comprende piante medicinali e armadilli. Il più famoso di tutti gli oggetti venduti sono i feti di lama essiccati, sepolti sotto le fondamenta delle case boliviane come offerta sacra alla dea Pachamama. Il pittore boliviano Gil Imaná ha saputo magistralmente interpretare la magia di questo mondo andino.

A poco a poco, la sua tavolozza ha scoprendo ritmi, colori e tratti che riflettono la sua visione del mondo. Il suo laboratorio-casa a La Paz è stato dichiarato patrimonio culturale della città. Ha realizzato oltre 80 mostre individuali e 200 mostre collettive, partecipando alle biennali di Maracaibo, Miami e Venezia. Pittore muralista boliviano, ha fondato il Gruppo Anteo nel 1950, diventando professore della Scuola Superiore di Belle Arti di La Paz. Gil Imaná https://www.facebook.com/243304844475/posts/216000538439222/ è nato a Sucre (dipartimento di Chuquisane) nel 1933, dove studiò pittura e fece la sua prima mostra nel 1949.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare http://meetingbenches.com/category/author_travels/.

Controllate anche

IL VALORE DELLE COSE SEMPLICI, TRA SCORZE AMAROGNOLE – Filippine, dove in un modo o nell’altro succede tutto al momento giusto

Dove l’arte è discrezione e non deve farsi notare Nelle composizioni pittoriche di Juan Novicio …