Breaking News
CASA » MUSICA » LA MADEMOISELLE DELLA CANZONE FRANCESE – Françoise Hardy, la generazione yéyé ed i successi musicali a 45 giri

LA MADEMOISELLE DELLA CANZONE FRANCESE – Françoise Hardy, la generazione yéyé ed i successi musicali a 45 giri

Timida, icona di stile e narratrice di sofferenze d’amore

Una scuola di musica privata, il Petit Conservatoire diretto da Mireille Artyush, venne scelta dai suoi genitori come luogo affinché lei potesse avere conoscenze musicali professionali. Nel suo tempo libero, dedicò attenzione a psicologia e astrologia, pubblicandone libri e partecipando anche a trasmissioni radiofoniche. Françoise Hardy http://www.francoise-hardy.com/ è stata citata in una poesia di Bob Dylan e il poeta Jacques Prévert le ha scritto un testo per il programma all’Olympia. Lo scrittore Manuel Vázquez Montalbán le ha scritto una poesia che porta il suo nome, mentre la cantante giapponese Yumi Arai ha scritto e registrato una canzone in omaggio a lei.

PER FRANCOISE HARDY – Per Françoise Hardy, in riva alla senna, un’ombra gigante di Notre Dame cerca di afferrarmi il piede. Gli studenti della Sorbona sfrecciano su biciclette sottili, facendo vorticare i colori realistici della rotazione della pelle. La brezza sbadiglia cibo, lontano dalle pance, o Erhard incontra Johnson, mucchi di innamorati. Pescare, baciarsi, sdraiarsi sui libri, sulle barche. Vecchi vestiti con baffi ricci galleggiano sulle panchine. Coperte di turista in camicie di nylon sgargiante con cappelli di paglia di ambasciatori. Non riesco a sentire l’abbaiare di Nixon. Ora salperà via mentre il sole tramonta, le porte del fiume sono aperte Devo ricordarlo. Anch’io suono la chitarra. È facile stare qui, più amanti passano in moto, legati insieme. Dalle pareti dell’acqua guardo poi attraverso quella che chiamano la sponda destra, un’invidia per il tuo trombettista.

Donna con buone maniere e dalla voce piacevole, negli anni sessanta era molto richiesta nel mondo delle attività umane dei creativi francesi. Nel 1973, pubblicò Message personnel, scritta da lei e, tra gli altri, da Serge Gainsbourg e Georges Moustaki. Tra i libri che lei ha scritto, l’autobiografia Je chante donc je suis, il romanzo L’amour fou e un trattato sull’astrologia dal titolo Les rythmes du zodiaque. Tra gli album in studio di Françoise Hardy https://www.youtube.com/watch?v=BJS7o4DabXg, ci piace ricordarti Tous les garçons et les filles, Et si je m’en vais avant toi e Personne d’autre. Lei non ha realizzato colonne sonore di film, tuttavia, molte sue canzoni sono state inserite in colonne sonore di film celebri.

TOUS LES GARCONS ET LES FILLES – Tanti amici che mi capita di vedere si sono costantemente innamorati. Oh come vorrei che potesse succedere a me e sto chiedendo alle stelle lassù non mi trovi un ragazzo, solo un bel ragazzo che mi mostrerà la strada, che mi insegnerà a dire “ti amo, si lo voglio”, e chi mi promette anche che sarà sempre vero, così non sarò mai blu. Desidero solo un ragazzo gentile, qualcuno che sia dolce e gentile, solo un simpatico ragazzo sentimentale, è tutto ciò che desidero davvero trovare così tanti amici che mi capita di vedere mi hanno raccontato tutto sull’amore. Oh come vorrei che potesse succedermi è l’unica cosa a cui sto pensando. Così mi troverò un ragazzo, solo un bel ragazzo che mi indicherà la strada, che mi insegnerà a dire “ti amo, sì, lo voglio”, e che mi prometterà anche che sarà sempre vero, così non sarò mai blu. Così mi troverò un ragazzo, solo un bel ragazzo che mi indicherà la strada, che mi insegnerà a dire “ti amo, sì, lo voglio”, e che mi prometterà anche che sarà sempre vero, così non sarò mai blu.

Sempre elegantissima, negli anni sessanta divenne famosa vestendo capi di Yves Saint Laurent, Courrezh e Paco Rabanne. Spinta a tornare a incidere, nel 1996 pubblica un nuovo album dal titolo Le Danger. Oltre che scrivere canzoni, si interessò all’astrologia, scrisse diversi libri e recitò anche come attrice in film musicali. Nata a Parigi nel gennaio 1944, all’età di 18 anni Françoise Hardy https://www.theguardian.com/music/2021/jun/17/francoise-hardy-argues-for-assisted-suicide esordì con successo immediato. Il suo repertorio musicale, sempre caratterizzato da melanconiche melodie, gravita tra dubbi, domande, ansietà, tormenti delle relazioni sentimentali e nostalgia.

LE DANGER – Pensavi di essere al sicuro dal pericolo, avevi chiuso la porta, tutto è stato riposto. Disegnare poche righe, ritratti cancellati. Cancellando, sbavando, mimetizzando le ferite della tua vita, tutto riordinato. Come potresti percepire il pericolo? Hai recitato la tua lezione, senza muoverti, mai in ritardo per i compiti. Hai applicato le istruzioni senza leggere tra le righe della tua vita, senza muoverti. Non avrai visto arrivare il pericolo, non ti è rimasto più niente: cambia tutto. Rivedi la tua copia, suscita amici, problemi, desideri, desideri e significati della tua vita, cambia tutto. Vorrei portarti tutto ciò che ti fa sentire bene per poter ridisegnare le linee della tua mano. Allontana la sfortuna, sii forte abbastanza per due, ma trattengo le mie lacrime, i miei sogni, i miei pianti. E vorrei dirti che domani andrà meglio. Strappa un sorriso da te ma non senti più niente. È forse la paura che ti rende cieco e sordo che strangola l’amore che soffoca per sempre le sue grida.

Gli adolescenti italiani degli anni sessanta erano tutti un poco innamorati di lei. Capricorno con ascendente Bilancia, da adolescente lei pensò di rifugiarsi in un convento, tuttavia, per il suo buon rendimento scolastico ricevette una chitarra dal padre. Ha cantato in inglese, italiano, spagnolo e tedesco. Françoise Hardy https://www.ondarock.it/popmuzik/francoisehardy.htm esordì nel 1962 con il singolo Tous les garçons et les filles, canzone che diventò una vera e propria bandiera del disagio adolescenziale. L’anno dopo, all’Eurovision Song Contest si classifica al quinto posto con L’amour s’en va.

PARLAMI DI LUIhttps://www.youtube.com/watch?v=QtWG7lYcvtw. Raccontami di lui, sai che è tutta la mia vita. Oh, per favore, non nascondermi niente. Cosa ci fa lì? Si annoia senza di me? Ha degli amici? Raccontami di lui, dimmi le parole, le parole che ha detto. Dimmi perché non mi scrive più. Non capisco, non capisco più, mi sento così male per lui. Raccontami di lui, quando l’hai visto ieri per strada. Aveva qualcuno, qualcuno al braccio? Guardami bene e rispondimi. Non dici niente, quindi dimmi se è più carina di me. E lui ai suoi occhi, era felice? Oh, per favore, anche se sto soffrendo, parlami di lui, parlami di lui e dimmelo.

Iscritta alla Sorbona, si è improvvisata aspirante cantante, debuttando in televisione e nel jukebox con l’etichetta Vogue. Nel 1967, creò la propria casa di produzione, pubblicando quindi, tra l’altro, Comment te dire adieu, contenente una canzone tradotta da Serge Gainsbourg, grande successo del 1969. In un video musicale del 1970, Françoise Hardy https://www.umbriajournal.com/arte-e-cultura/i-racconti/%E2%9C%8D-i-racconti-francoise-hardy-malata-non-cantero-piu-e-stata-la-cantautrice-degli-amori-giovanili-402895/ compare insieme a Renato Balestra, noto stilista italiano. Abbandonate tournée e concerti, le sue apparizioni in pubblico sonno esclusivamente su emissioni televisive e radiofoniche.

COME DIRE ADDIO – In nessun caso voglio avere riflessi infelici. Devi spiegarmi un po’ meglio come dire addio. Il mio cuore di selce prende fuoco rapidamente. Il tuo cuore pyrex resiste al fuoco. Sono molto perplesso, non voglio decidermi a dire addio. So che un ex amore è sfortunato. O così poco, ma per me sarebbe meglio una spiegazione. In nessun caso voglio sovraesporre i miei occhi davanti a te. Dietro un Kleenex saprei meglio come salutarti. Hai inserito nella lista nera le nostre notti insonni, le nostre mattine grigiazzurre, ma per me sarebbe meglio una spiegazione. In nessun caso voglio sovraesporre i miei occhi davanti a te. Dietro un Kleenex saprei meglio come salutarti.

Se ti piace approfondire la conoscenza dei musicisti che hanno contribuito ad arricchire il panorama mondiale della musica, puoi digitare: https://meetingbenches.net/category/musica/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere.

Controllate anche

LE MILLE ANIME MUSICALI DI BEATRIZ LUENGO – Scrivere testi colmi di emozioni che si collegano con l’ascoltatore

Quando il tuo talento si fonde con quello di un musicista e attore cubano Per …