L’ESTETICA ONIRICA E TEATRALE DEL SURREALISMO

Una continua fonte di ispirazione per gli stilisti

La moda surrealista https://www.harpersbazaar.com/it/moda/storie/a45370277/surrealismo-moda/, predilige forme e silhouette inaspettate e stimolanti, spalle quadrate, fianchi pronunciati o vita stretta. Tendenza all’eleganza ancora oggi apprezzata, è basata sull’omonimo movimento artistico del 20° secolo. Gli stilisti che vi si ispirano continuano a trovare nuovi modi per esplorare le possibilità dell’abbigliamento, attraverso la esplorazione dei sogni, dal subconscio e dalla realtà alterata. La moda surrealista, sorprendente, inaspettata e stimolante – che spesso incorpora materiali e trame inaspettate che includono l’uso di pelle, metallo e plastica – incorpora stampe raffiguranti immagini di sogni, creature fantastiche o strani paesaggi. Tra gli stilisti più noti per il loro lavoro surrealista, rammentiamo Elsa Schiapparelli, Jean Paul Gaultier e Alexander McQueen, stilisti noti per l’uso di materiali insoliti, forme strane e stampe surreali.

Elsa Schiaparelli https://www.schiaparelli.com/en è stata una figura importante nella storia della moda, nota per l’uso di materiali insoliti, forme strane e stampe surreali. Questa stilista italiana, pioniera della moda surrealista, nacque a Roma nel 1890 e si trasferì a Parigi nel 1919. Aprì la sua prima casa di moda nel 1927 e divenne una delle designer più innovative e di successo della sua epoca. Ispirata dall’arte e dalla cultura del mondo che la circondava, collaborò con artisti surrealisti come Salvador Dalí e Jean Cocteau per creare design appariscenti, inaspettati e stimolanti, che spesso incorporavano occhi, labbra e animali. Pioniera dell’abbigliamento pronto da indossare, creò collezioni accessibili a una gamma più ampia di donne, rispetto alle esclusive creazioni di alta moda. Il suo successo ha contribuito a rendere popolare la moda prêt-à-porter e ha avuto un impatto duraturo sull’industria della moda.  Il suo cappello abito telefonico del 1936, aveva la forma di un telefono e presentava un auricolare nella parte superiore. Tra i suoi design più iconici, il vestito abito a labbra del 1937 progettato in collaborazione con Salvador Dalì, che sopra uno sfondo nero includeva una stampa di labbra rosse. Il suo cappotto abito a sirena del 1938, invece, includeva una silhouette a sirena con una coda di piume. Ha chiuso la sua casa di moda nel 1954, ma il suo lascito è importante, perché i suoi design continuano a ispirare i designer di tutto il mondo.

Alcuni dei suoi design più iconici includono il corsetto a forma di cono del 1984, indossato da Madonna e diventato uno dei simboli più riconoscibili della moda degli anni ’80. Jean-Paul Gaultier https://www.jeanpaulgaultier.com/ww/it, stilista francese nato ad Arcueil, in Francia, inel 1952, considerato uno dei designer più innovativi e influenti del mondo, ha iniziato la sua carriera di moda nel 1976, dopo aver lavorato con Pierre Cardin e Jean Patou. La sua prima collezione fu un successo immediato, infatti, fu rapidamente riconosciuto come un talento emergente. I suoi design sono noti per la provocazione, l’umorismo e l’uso di materiali e silhouette insoliti. Ha esplorato una vasta gamma di temi, tra cui il genere, la sessualità e la cultura popolare. La sua gonna a kilt per uomini del 1985, indossata da David Bowie, ha contribuito a normalizzare l’abbigliamento maschile gender-fluid. Il suo profumo Classique del 1991, con il suo flacone a forma di bomboletta spray, è diventato un bestseller internazionale. Ha ricevuto numerosi premi, compreso quello dell’Ordine delle Arti e delle Lettere, consegnatogli dal governo francese nel 2001. Ha annunciato il suo ritiro dalla moda nel 2020, ma la sua eredità continua a ispirare designer di tutto il mondo.

I suoi design erano noti per provocazione, umorismo e uso di materiali e silhouette insoliti. Alexander McQueen https://www.alexandermcqueen.com/en-sk, è stato uno stilista britannico nato a Lewisham, Londra, nel 1969. È considerato uno dei designer più innovativi e influenti del mondo, ha iniziato la sua carriera di moda nel 1985, dopo aver studiato alla Central Saint Martins di Londra. La sua prima collezione fu un successo immediato e lui fu rapidamente riconosciuto come un talento emergente. Ha esplorato una vasta gamma di temi, tra cui la morte, il sesso e la religione. Alcuni dei suoi design più iconici includono. Il vestito Armadillo del 1993, con stivali a forma di armadillo, diventato uno dei suoi simboli più riconoscibili. La sua collezione Voss del 1999, ispirata a una mostra del Metropolitan Museum of Art di New York, è stata caratterizzata da silhouette drammatiche e stampe audaci. La sua collezione Plato’s Atlantis del 2008, ispirata alla mitologia greca, è stata caratterizzata da abiti fluidi e drappeggiati. Si è suicidato nel 2010, all’età di 40 anni, ma la sua eredità continua a ispirare e sfidare i designer di tutto il mondo.

Se vuoi conoscere altre persone creative che hanno contribuito arricchire la scena della moda internazionale, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/boutique_di_viaggio/. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di questi artisti e che altre persone apprezzino le loro opere. La proprietà delle immagini che appaiono in questo blog corrisponde ai loro autori.

 

 

 

 

Instagram

Controllate anche

QUIET LUXURT

Quando scegli il lusso in uno stile rilassato Vorremmo aiutarti a scoprire le attuali tendenze …